Nello slargo fino a qualche anno fa veniva allestita la mostra "Il Pendio"

Vandali in azione, fiamme in un casa disabitata in larghetto Mastrosanto

I pompieri del distaccamento di Corato hanno spento l'incendio e constatato anche la pericolosità dell'immobile, fatiscente in più punti

Cronaca
Corato mercoledì 15 gennaio 2020
di La Redazione
Vandali in azione, fiamme in un casa disabitata in larghetto Mastrosanto
Vandali in azione, fiamme in un casa disabitata in larghetto Mastrosanto © CoratoLive.it

A distanza di pochi giorni dall'aggressione in piazza Sedile ai danni di un giovane universitario, il centro storico torna nuovamente a riempire le pagine di cronaca.

Intorno alle 11 di questa mattina ignoti hanno appiccato il fuoco all'interno di un edificio di due piani disabitato in larghetto Mastrosanto, slargo in cui fino a qualche anno fa veniva allestita la mostra "Il Pendio", ma più volte finito nel mirino dei vandali.

A bruciare sono stati alcuni cumuli di carta e foglie. Quanto basta perché la colonna di fumo fuoriuscita dalle finestre spalancate destasse l'attenzione di alcuni residenti che hanno iniziato a spegnere le fiamme con un estintore, prima di chiamare i vigili del fuoco e la polizia locale.

I pompieri del distaccamento di Corato hanno spento l'incendio e constatato anche la pericolosità dell'immobile, fatiscente in più punti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • scialde ha scritto il 15 gennaio 2020 alle 17:47 :

    Degrado in tutti i sensi. Le Forze dell'ordine, seppur in numero molto sotto organico, dovrebbero comunque essere più presenti nella città. Ormai, qui c'è bisogno dell'Esercito. Rispondi a scialde

    Amedeo Strippoli ha scritto il 16 gennaio 2020 alle 17:03 :

    NON ci vuole l'Esercito, ma che le famiglie ritornino a fare il proprio lavoro. Rispondi a Amedeo Strippoli

  • M.B ha scritto il 15 gennaio 2020 alle 14:37 :

    Ma non ci sono telecamere nella zona? Rispondi a M.B

  • salvatore di gennaro ha scritto il 15 gennaio 2020 alle 14:33 :

    Li ho visti stamattina, verso mezzogiorno e trenta: erano quattro o cinque ragazzi, sui 12/13 anni. Capelli alla moda, saltavano sulla ringhiera di quelle scale che, da via Duomo, portano verso largo Abbazia. Probabilmente l'avranno torta. Prima stavano all'ingresso di via Andria, di fronte alla farmacia Casalino, scuotendo un segnale stradale. Il centro è un'attrazione per i perdigiorno: essendo il cuore della città, prendendone possesso, uno pensa d'impadronirsi della città intera. E' un'esigua minoranza, quella che vive ai margini della legalità e della logica. Ed è per questo che è facilmente soggiogabile. Io sarei potuto intervenire stamane: mi sento ancora in grado, da ex ufficiale, di affrontare situazioni critiche. Ma tocca a me, o a qualcun altro animato da spirito civico, farlo? Rispondi a salvatore di gennaro

  • Maurizio ha scritto il 15 gennaio 2020 alle 13:30 :

    Ah .....mamme l ucchie! Rispondi a Maurizio

  • Gina Micettina ha scritto il 15 gennaio 2020 alle 12:01 :

    Non vorrei insegnarvi il vostro lavoro, ma care forze dell'ordine basta girare a piedi, sia di giorno che sera, per le stradine del centro storico e vedrete i soliti teppistelli che vagano in cerca di qualche "marachella" da combinare. Ah, vi consiglio un altro metodo: basta chiedere alle segreterie scolastiche chi non frequenta assiduamente le lezioni, magari tra i più "discoli" e voilà, il gioco è fatto! Rispondi a Gina Micettina

    Pasquale Mintrone ha scritto il 16 gennaio 2020 alle 20:46 :

    Cara Gina basterebbe una ronda in borghese che gira per la città, e controllare,ma il problema e quando li acchippano che non c'è severità di punizione specialmente quando viene colto in flagranza di reato anche qui a Corato si stanno formando le bebi gheng Rispondi a Pasquale Mintrone