Vigilia di ferragosto movimentata

​Fugge dai domiciliari, i carabinieri lo arrestano ma in cinque finiscono all'ospedale

I militari lo hanno ritrovato in un primo momento al pronto soccorso dell'Umberto I, dove il 23enne si era recato. Ma l'uomo ha aggredito i carabinieri ed è fuggito di nuovo prima di essere bloccato nella casa di alcuni parenti

Cronaca
Corato giovedì 15 agosto 2019
di La Redazione
Carabinieri
Carabinieri © n.c.

Vigilia di ferragosto movimentata in città. Un 23enne coratino già noto alle forze dell'ordine è stato arrestato dai carabinieri dopo una duplice rocambolesca fuga in seguito alla quale cinque militari hanno dovuto fare ricorso alle cure dei medici.

L'uomo, agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio e la persona, ieri sera si è tolto il braccialetto elettronico e si è allontanato dall'abitazione nella quale si trovava.

I carabinieri, allertati da una segnalazione giunta dalla centrale operativa, si sono messi subito sulle sue tracce. Tre militari della Stazione di Corato - che si erano recati al pronto soccorso dell'ospedale Umberto I per compiere altri accertamenti di polizia giudiziaria, lo hanno casualmente ritrovato nella sala d’aspetto della struttura sanitaria.

Alla vista delle uniformi, però, l'uomo ha reagito con un’inspiegabile attacco d’ira. Prima ha iniziato a lanciare oggetti, poi ha continuato scagliando pugni, calci e testate ai carabinieri che sono anche stati minacciati di morte. I tre militari, che non si aspettavano una reazione simile, temendo per l’incolumità delle altre persone presenti nel pronto soccorso, non hanno messo in atto ulteriori atti di forza per bloccare l’aggressore che quindi è riuscito ad allontanarsi.

Sono quindi scattate le ricerche anche da parte dei carabinieri della Compagnia di Trani che, dopo alcune ore, hanno nuovamente individuato il 23enne, stavolta nascosto nell'abitazione di alcuni parenti in via Tevere, nel quartiere Belvedere.

Anche in questa circostanza, appena vista la pattuglia, il giovane ha tentato di guadagnarsi la fuga colpendo i militari con testate e pugni e minacciandoli. Per riuscire ad arrestarlo è stato necessario l’intervento di altri militari di rinforzo, sia per allontanare i parenti che opponevano resistenza, sia per riuscire a caricare l’uomo a bordo della volante.

Nella fasi concitate dell'arresto altri due carabinieri sono rimasti feriti. Anche il giovane, nel tirare testate, si è procurato a sua volta lesioni.

Alla fine il 23enne è stato arrestato per evasione, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale e, su disposizione dell'autorità giudiziaria, è stato accompagnato nella casa circondariale di Trani.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 22 agosto 2019 alle 10:55 :

    Serviva un bel teaser e in 1 minuto problema risolto Rispondi a Marco