Il gip potrebbe decidere per l’archiviazione definitiva, oppure disporre che la Procura faccia ulteriori indagini o addirittura formuli un’imputazione coatta nei confronti dell’unica indagata

​Morta dopo aver rifiutato le cure, il marito: «Non archiviate l’inchiesta»

Il decesso di Maria Gentile risale al marzo 2015. L’11 febbraio 2019 udienza per discutere l’opposizione alla richiesta della Procura

Cronaca
Corato sabato 17 novembre 2018
di La Redazione
Il tribunale di Trani
Il tribunale di Trani © n.c.

Rifiutò ogni tipo di cure che prevedesse trasfusioni di sangue o emoderivati, per non contravvenire ai dettami della sua fede religiosa, forse “plagiata” da qualcuno. Ora sarà il gip del Tribunale di Trani, Rossella Volpe, a decidere se la morte di Maria Gentile, avvenuta l’11 marzo 2015, sia stata la conseguenza di un’istigazione al suicidio o se invece la donna, testimone di Geova, abbia consapevolmente scelto di non sottoporsi alle cure per il suo credo religioso e, quindi, morire.

Per l’11 febbraio 2019 è fissata la camera di consiglio per decidere se l’inchiesta, aperta a fine 2015 dalla Procura di Trani, debba essere archiviata, come chiede il pm Alessandro Pesce, oppure andare avanti, come sostiene invece il marito della donna, Salvatore Cialdella, che presentò querela ai carabinieri chiedendo di accertare le responsabilità del decesso.

Il gip potrebbe decidere per l’archiviazione definitiva, oppure disporre che la Procura faccia ulteriori indagini o addirittura formuli un’imputazione coatta nei confronti dell’unica indagata con l’ipotesi di istigazione al suicidio, Anna Gentile, sorella e (da un certo punto in poi) amministratore di sostegno della donna. La fissazione della camera di consiglio si è resa necessaria perché il marito si è opposto formalmente alla richiesta di archiviazione del pm, depositata nel luglio scorso.

Secondo quanto ricostruito da Salvatore Cialdella nella querela presentata nel settembre 2015 ai carabinieri della stazione di Corato, Maria Gentile aveva bisogno di un trapianto di fegato per curare la sua patologia. Ma la donna - sempre secondo quanto sostenuto dal marito - inizialmente si mostrava disponibile a sottoporsi alle cure, poi le rifiutava dopo essersi sentita con la sorella o i testimoni di Geova, perché queste prevedevano l’uso di sangue e/o emoderivati.

Secondo Cialdella, inoltre, la situazione fisica e clinica in cui si trovava aveva reso Maria Gentile - come scrisse nella querela - “sempre più influenzabile e remissiva dinanzi alle pressioni subite”. In merito alle condizioni psichiche della donna e alla sua capacità di scegliere se e come curarsi, ci sono, però, due referti contrastanti: quello dello psichiatra, del maggio 2013, parlava di sindrome depressiva in corso; quello del medico legale, del febbraio 2015, attestava la capacità della donna anche di autodeterminarsi rispetto alla malattia.

Cialdella, inoltre, venne estromesso da ogni possibilità di decidere sulle cure della moglie, perché la donna aveva espresso le proprie intenzioni (con documento sottoscritto) rispetto alle cure mediche che prevedessero trasfusioni di sangue, con contestuale designazione di un amministratore di sostegno (nel 2010 indicò il responsabile dei testimoni di Geova di Corato, mentre nel 2014 nominò la sorella).

Fu così che il 2 marzo 2015 la donna veniva dimessa dall’ospedale e affidata alla sorella, per morire poi il successivo 11 marzo. Lui non potè fare nulla, pur convinto che se la moglie - ha scritto nella querela - “si fosse sottoposta alle necessarie cure mediche sin dall’inizio, non sarebbe giunta alla morte”. Per questo, ora che la Procura ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta, Salvatore Cialdella (assistito dagli avvocati Nico Regina e Dario Lafasciano) non intende mollare.

Lascia il tuo commento
commenti