Il fatto

Gestivano mercatino della droga: un giovane arrestato e due minorenni denunciati

I militari del reparto radiomobile di Trani li hanno "beccati" mentre erano intenti a vendere sostanze stupefacenti in piazza Nitti, a pochi passi dalla chiesa di Santa Maria Greca

Cronaca
Corato giovedì 01 novembre 2018
di La Redazione
Carabinieri
Carabinieri © n.c.

Puntavano a fare affari anche nel giorno di Halloween, ma i carabinieri hanno scombinato i loro piani. Ieri sera in manette è finito un ragazzo maggiorenne, già noto alle forze di polizia, mentre due minorenni sono stati denunciati.

I militari del reparto radiomobile di Trani li hanno "beccati" mentre erano intenti a vendere sostanze stupefacenti in piazza Nitti, a pochi passi dalla chiesa di Santa Maria Greca.

I tre giovani coratini, insieme ad altri “colleghi” che si occupavano di tenere la piazza “sotto controllo”, sono stati individuati dai carabinieri proprio mentre portavano avanti il loro “mercatino” della droga nel quale cedevano dosi di marijuana e hashish.

Su di loro grava l'accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Michele ha scritto il 02 novembre 2018 alle 11:32 :

    Nomi, cognomi e foto di queste persone!! E lasciamo stare la questione privacy, un'ipocrisia! Perchè, solo conoscendoli, si può cercare di allontanarli dai nostri ragazzi. Rispondi a Michele

    antonis piccarreta ha scritto il 02 novembre 2018 alle 21:08 :

    infatti Rispondi a antonis piccarreta

  • salvatore di gennaro ha scritto il 01 novembre 2018 alle 14:42 :

    Il solito quadrilemma: è più colpevole colui che spaccia, ottemperando al principio fondamentale dell' Economia, cioè quello della "domanda e dell'offerta"; chi consuma la droga; i genitori incoscienti ed assenti (a meno che non siano "venuti a mancare", specie il padre) di entrambi, o i governi incapaci di gestire positivamente una nazione, facendo morire i valori fondamentali e prosperare quei controvalori errati, che inducono poi anche a drogarsi? Demonizzare e colpevolizzare solo i primi giustificando, celando, compiangendo, aiutando o non permettendosi di "toccare" gli altri è, secondo me, la cosa più facile, ipocrita, sbagliata. Rispondi a salvatore di gennaro

    carlo mazzilli ha scritto il 02 novembre 2018 alle 13:01 :

    chi vende droga vende morte, magari non immediata ma quella è la via. non ci possono essere scusanti per chi mette nelle mani di ragazzini sostanze che creano dipendenze mortali. ma di che cosa siamo parlando? purtroppo circa 50 anni di pensiero "sinistro" , ha fatto in modo che la colpa di tutti i reati, il peccato primigenio da cui tutti i reati discendono sia ritenuta risiedere nella società e per questo imperseguibile e impunibile. ma di che stiamo parlando? del nulla! quei manigoldi saranno liberi non domani ma subito, torneranno impuniti e impunibili ai loro traffici lucrosi e intracciabili, saranno difesi a spese dello stato, cioè nostre, in processi interminabili da cui usciranno indenni. ma di che cosa stiamo parlando? Rispondi a carlo mazzilli