La sentenza

​Inquinamento Cementeria di Barletta, imputati assolti. Tra loro anche il dirigente Casieri

Dopo gli 8 imputati processati con il rito abbreviato, scagionati anche altri 9 tra imprenditori e dirigenti pubblici

Cronaca
Corato sabato 13 ottobre 2018
di La Redazione
Tribunale di Trani
Tribunale di Trani © n.c.

Assolti "perché il fatto non sussiste". È finito così anche il processo con rito ordinario a carico di nove persone coinvolte nella presunta gestione illecita dell'impianto di incenerimento dei rifiuti della cementeria Buzzi Unicem di Barletta.

Il 21 settembre scorso, al termine del processo con il rito abbreviato, il Gup Raffaele Morelli aveva assolto già i primi otto imputati, tra dirigenti e funzionari dell’Arpa Puglia. Con un provvedimento dell’8 ottobre scorso del giudice monocratico di Trani, Marina Chiddo, sono stati assolti, invece, Silvio Picca e Pietro Buzzi, amministratori della Buzzi Unicem di Casale Monferrato (Torino); Giuseppe Angelo Dalena e Ruggiero Rosario Bruno, rappresentanti legali delle aziende che conferivano rifiuti da trattare nell'impianto; ancora Pasquale Antonio Casieri, Giancarlo Chiaia e Giampaolo Sechi, membri del comitato tecnico della Provincia Bat che rilasciarono la Via (valutazione di impatto ambientale); Giuseppe Tedeschi e Francesco Paolo Garofoli, dirigenti della Regione Puglia.

Secondo l’accusa la cementeria di Barletta avrebbe violato il piano regionale di gestione dei rifiuti, ottenendo indebitamente un’autorizzazione a incrementare le quantità di quelli speciali da incenerire, da 51mila a 65mila tonnellate annue. Erano contestati, a vario titolo, i reati di cooperazione in disastro ambientale colposo e, per i funzionari pubblici, quelli di falso e abuso d'ufficio in concorso.

Al termine del processo la pm Simona Merra aveva chiesto l’assoluzione. Ma già prima di lei il pm Michele Ruggiero, che aveva preso il posto del collega Antonio Savasta, aveva chiesto il non luogo a procedere al Gup, che fu di diverso avviso motivando la sua decisione per la complessità del procedimento e disponendo il rinvio a giudizio per 9 dei 17 imputati; mentre altri 8 scelsero il rito alternativo dell’abbreviato.

«Quando si opera nella pubblica amministrazione o per conto di essa, per la rilevanza delle decisioni che bisogna assumere, si è sempre esposti al rischio di poter sbagliare» ha dichiarato Casieri, attualmente dirigente al Comune di Corato. «L'importante è farlo in buona fede e non con dolo. Ero certo della mia innocenza sulla base dell'etica che contraddistingue da sempre la mia vita professionale».

Lascia il tuo commento
commenti