Il fatto

​Fenerator, per Flavio D’Introno arriva la condanna della Cassazione

La pena diventa definitiva a 5 anni e mezzo di reclusione. Per gli altri due imputati si riduce a uno

Cronaca
Corato sabato 06 ottobre 2018
di La Redazione
Un'aula di tribunale
Un'aula di tribunale © n.c.

È diventata definitiva la condanna per Flavio D’Introno, l’imprenditore coratino delle ceramiche arrestato nel 2007 per usura ai danni di commercianti del Nord Barese.

La Corte di Cassazione ha annullato, senza rinvio, la sentenza di Appello che aveva condannato D’Introno a 5 anni e 9 mesi nel dicembre 2016, in quanto estinto per prescrizione uno dei capi di imputazione di usura, e rideterminata la pena in 5 anni e 6 mesi di reclusione (per la quale è previsto l’arresto) e 16.500 euro di multa.

Diversa la posizione di Sabino Lupo ed Eligio Di Bari. La massima Corte ha annullato la sentenza di condanna inflitta a Lupo e Di Bari Eligio ad anni 7 di reclusione per diversi motivi. Innanzitutto, ha annullato per intervenuta prescrizione, senza rinvio, uno dei capi di imputazione per un’estorsione del gennaio 2005; ed ha annullato anche l’altro capo di imputazione per estorsione risalente all’agosto 2005. Ha invece annullato, con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello di Bari, la misura patrimoniale della confisca di un’abitazione intestata alla moglie di Lupo. Confermata soltanto la sentenza di condanna ad un anno di reclusione per il reato di usura commesso da Lupo e Di Bari.

I tre imputati dovranno rifondere le spese processuali alla Fondazione antiusura San Nicola di Bari; mentre Lupo ed Eligio anche quelle in favore della parte civile costituita.

I fatti contestati risalgono agli anni tra il 2004 e il 2006. Nell’aprile 2007 vennero arrestate (tra carcere e domiciliari) 10 persone grazie all’operazione Fenerator del Gico di Bari; mentre nel settembre successivo furono 11 le ordinanze di custodia cautelare eseguite (sempre tra carcere e domiciliari), molte delle quali riguardavano persone coinvolte nella prima tranche dell’operazione. In entrambe venne coinvolto D’Introno, considerato il personaggio chiave dell’inchiesta della Procura tranese. Sequestrati anche beni per un valore complessivo di 15 milioni.

Stando alle indagini le persone coinvolte avrebbero prestato soldi a commercianti e imprenditori in difficoltà pretendendo la restituzione del denaro con tassi di interesse fino al 160% annuo. In una occasione un commerciante, a fronte di un prestito di 50mila euro fatto da D’Introno, avrebbe restituito non denaro ma 81 condizionatori del valore di quasi 100mila euro. Al termine del processo di primo grado dei 13 imputati solo in tre vennero condannati, tutti a 7 anni, pene ridotte nei successivi gradi di giudizio.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • CATALDO ha scritto il 09 ottobre 2018 alle 09:41 :

    Che schifezza di reato l'USURA (che vomito). Fra i peggiori. VERGOGNA !!!!!!!! Rispondi a CATALDO