Secondo round dell'udienza preliminare

​Scontro treni, diatriba in aula sulle costituzioni di parte civile

Sollevate numerose eccezioni dagli avvocati degli imputati. Si torna in aula il giorno 11

Cronaca
Corato venerdì 07 settembre 2018
di La Redazione
Disastro ferroviario, l'udienza preliminare del processo
Disastro ferroviario, l'udienza preliminare del processo © CoratoLive.it

Riprenderà l’11 settembre l’udienza preliminare, in corso a Trani, per decidere se processare 18 persone e una società per il disastro ferroviario del 12 luglio 2016, avvenuto lungo la tratta Andria-Corato di Ferrotramviaria.

Lo ha stabilito il Gup Angela Schiralli, che ha dato appuntamento alle parti nell’aula di Corte d’Assise del Palazzo di giustizia di Trani, in attesa di sapere dall’amministrazione carceraria se sia possibile utilizzare l’aula bunker di Trani per tenere l’udienza. Richiesta in tal senso è arrivata questa mattina da uno dei legali di Ferrotramviaria, Tullio Bertolino, che ha lamentato la mancanza di posti a sedere per tutti gli avvocati e le parti interessate al processo. A questa richiesta si sono associati praticamente tutti i legali presenti in aula.

Oggi la parola è passata ai difensori degli imputati, che hanno sollevato diverse eccezioni sulle richieste di costituzione di parte civile avanzate il 16 luglio.

L’avvocato Michele Laforgia, che con Bertolino difende Ferrotramviaria, ha confutato invece le 50 costituzioni di parte civile nei confronti dell'ente imputato per la responsabilità civile nei reati contestati, ritenendole inammissibili. La responsabilità amministrativa da reato - come spiegato dal legale - non consente l'esercizio dell'azione civile in sede penale, perché non contemplata dal decreto 231/2001. Così che «la presunta responsabilità della società - ha precisato Laforgia - è una responsabilità da reato, ma non è un reato. Secondo la giurisprudenza, infatti, costituisce una fattispecie autonoma e complessa e non produce alcun danno nei confronti dei terzi». L'avvocato ha ricordato che la giurisprudenza su questo è unanime con pronunce della Cassazione, della Corte costituzionale e della Corte di giustizia europea, con pochissime eccezioni tra cui quella relativa al processo Ilva, nell'ambito del quale c'è stata l'ammissione delle costituzioni delle parti civili nei confronti della società.

La Regione invece - secondo quanto sostenuto ancora in aula dall'avvocato Laforgia - non ha conferito procura speciale per costituirsi nei confronti dell'ente Ferrotramviaria. Quindi la dichiarazione di costituzione di parte civile sarebbe stata esercitata senza il potere conferito al procuratore. Si sono dichiarati in disaccordo, tra gli altri, i colleghi Giuseppe Losapio (difensore di un'associazione dei consumatori) e Renato Bucci (in rappresentanza di alcuni parenti delle vittime e di un ferito). Mentre Laura Di Pilato (in rappresentanza dei parenti di altre vittime) ha confutato la costituzione della Regione, in quanto - a suo avviso - dovrebbe essere parte imputata nel procedimento per "culpa in vigilando" per aver affidato la concessione a Ferrotramviaria.

Da più parti è stata chiesta, inoltre, l'esclusione delle associazioni animaliste e di alcune associazioni dei consumatori come parti civili, in quanto carenti di interesse legittimo. Alla richiesta si è associata anche la Procura, rappresentata dal pm Marcello Catalano, che invece si rimette alla decisione del Gup per le altre richieste di costituzione. Il Gup si è riservato la decisione sulle eccezioni sollevate e sulle richieste di citazione dei responsabili civili, aggiornando l'udienza all'11 settembre.

Le accuse e gli imputati
Le accuse mosse dalla Procura di Trani nei confronti dei 18 imputati riguardano i reati - contestati a vario titolo - di disastro ferroviario, omicidio colposo e lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e falso. Sono imputati dipendenti, dirigenti e vertici della Ferrotramviaria, ma anche dirigenti del Ministero dei Trasporti e dell’Ustif (organi periferici del Ministero che si occupano delle ferrovie in concessione) di Puglia, Calabria e Basilicata.

Si tratta dei due capistazione di Andria e Corato, Vito Piccarreta e Alessio Porcelli, in servizio la mattina dello schianto; del capotreno sopravvissuto Nicola Lorizzo (era sull’ET1021); del dirigente coordinatore centrale (Dcc), Francesco Pistolato; dei vertici (all'epoca dei fatti) di Ferrotramviaria, il conte Enrico Maria Pasquini e la sorella Gloria Pasquini; del direttore generale, Massimo Nitti, e il direttore di esercizio, Michele Ronchi; e ancora Giulio Roselli, dirigente divisione infrastruttura di Ferrotramviaria; Vito Mastrodonato, dirigente responsabile della divisione passeggeri di Ferrotramviaria; Francesco Giuseppe Michele Schiraldi, capo unità organizzativa tecnica responsabile del coordinamento delle attività delle unità tecniche di divisione e del supporto infrastruttura; Tommaso Zonno, coordinatore responsabile dell'unità tecnica trazione e scorta ferroviaria; Giandonato Cassano, coordinatore di ufficio responsabile dell’unità tecnica formazione e regolamenti unità sociale; Antonio Galesi, capo unità tecnica e responsabile unità tecnica movimento stazioni.

Il processo, ancora, è stato chiesto per Virginio Di Giambattista, direttore generale della direzione generale per i sistemi di trasporto e impianti fissi e il trasporto pubblico locale, ed Elena Molinaro, direttore della divisione 5 della direzione generale-Tpl; Alessandro De Paola e Pietro Marturano, in qualità di direttori dell’Ustif di Puglia, Basilicata e Calabria (il primo dal gennaio al giugno 2011 e dal giugno 2013 al dicembre 2014, il secondo dal 19 febbraio 2015). Il giudizio, infine, è stato chiesto anche per la società Ferrotramviaria per l’illecito amministrativo dipendente dai reati commessi da vertici e dirigenti.

Lascia il tuo commento
commenti