​L’esperienza

Infermiere coratino in vacanza salva un bimbo: «L’ho visto rivivere, non lo dimenticherò mai»

Il piccolo, di sei anni, era precipitato sul fondo di una grande piscina ed aveva perso i sensi: non respirava, aveva gli occhi riversi all’indietro, il polso carotideo non era palpabile

Cronaca
Corato venerdì 17 agosto 2018
di La Redazione
Una piscina (foto di archivio)
Una piscina (foto di archivio) © n.c.

«L’ho visto e sentito rivivere mentre lo rianimavo, è qualcosa che mi porterò dentro per tutta la vita». Così, l’infermiere coratino Massimo Randolfi, racconta al sito Nursetimes.org l’esperienza vissuta il 14 agosto, mentre era in vacanza in un resort di Villapiana, in provincia di Cosenza.

Dando il cambio ad un chirurgo dell’ospedale di Lecce, è riuscito a rianimare un bimbo di sei anni in arresto cardiocircolatorio: il piccolo era precipitato sul fondo di una grande piscina ed aveva perso i sensi. I presenti si erano tuffati per riportarlo sull’asciutto ma la situazione da subito era apparsa molto grave: il bimbo non respirava, aveva gli occhi riversi all’indietro, il polso carotideo non era palpabile.

«Stavo parlando al telefono - spiega Randolfi - quando ho notato un manipolo di persone intorno a un corpicino disteso per terra. All’inizio non capivo bene cosa fosse accaduto ma poi, vedendo l’inequivocabile movimento del massaggio cardiaco, non c’ho pensato un attimo: ho chiuso la telefonata, ho allontanato i curiosi e mi sono avvicinato. Solo in quel momento ho capito che stavano soccorrendo un bambino di sei anni».

Il medico che stava praticando il massaggio «era esausto, sfiancato dagli interminabili minuti di rianimazione cardiopolmonare»: sono operazioni in grado di mettere a dura prova anche gli atleti allenati. Randolfi gli ha dato il cambio, ha iniziato con le ventilazioni bocca a bocca e le compressioni toraciche senza sosta, profonde e veloci. Fino al primo segnale, tanto aspettato e sperato: il bambino ha iniziato a espellere dalla bocca una notevole quantità di acqua, il polso è riapparso e dopo un po’ ha ripreso a respirare.

All’arrivo dell’ambulanza, il bimbo è stato trasportato all’ospedale di Rossano dotato del reparto di rianimazione per essere intubato e stabilizzato. I medici del nosocomio calabrese hanno poi optato per il trasferimento al più attrezzato ospedale di Cosenza. E nelle prime ore della mattinata di ieri è arrivata la notizia che il piccolo è fuori pericolo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 18 agosto 2018 alle 11:57 :

    Gli "ANGELI" non hanno un nome e cognome, adesso siamo abituati ad "apparire" nella speranza di avere popolarità o di ricevere un banale Like. Onore hai due Angeli che hanno salvato il bambino, ma anche tante grazie a chi salva, NELL'ANONIMATO, vite umane nei Pronto Soccorso, negli Ospedali, gli uomini e le donne del 118, della Polizia, dei Vigili del Fuoco, e tanti altri, magari semplici cittadini che rischiano la loro vita persalvare qualcuno e poi vanno via senza attendere di ricevere un semplice GRAZIE... Rispondi a Marco

  • Carla ha scritto il 17 agosto 2018 alle 20:49 :

    Ma il bimbo è stato salvato dal cardiochirurgo.Dopo le estenuanti manovre di rianimazione.Lo ha confermato lei Signor Randolfi che ,il medico era esausto.Quindi il bambino è stato salvato da lui. Rispondi a Carla

  • Michele Strippoli ha scritto il 17 agosto 2018 alle 16:29 :

    Bravo! Rispondi a Michele Strippoli

  • Aldo ha scritto il 17 agosto 2018 alle 14:29 :

    Bravo infermiere. Sarebbe stato meglio rimanere nell'anonimato. Certi gesti fanno più effetto se sono silenti. Rispondi a Aldo

    PINO PICCA ha scritto il 17 agosto 2018 alle 18:02 :

    Sono d'accordo con Te, Aldo. in via di principio, e lo stesso eroe, perché di eroismo si deve parlare, mi ha rimproverato per questo mio gesto di pubblicizzazione dell'accaduto. Ma a volte caro Aldo, credo che tali e tanti gesti quotidiani di chissà quanta gente per bene che lavora nell'ombra, restano purtroppo senza cassa di risonanza o cadono nel dimenticatoio e si preferisce, perché aumenta l'odiece, dare spazio ai soliti imbecilli e sconsiderati, sprezzanti del rispetto umano, che fagocitano tali notizie, guadagnando la prima pagina, anche per la loro efferatezza o semplicemente perché hanno saputo fregare il prossimo. Ora me ne frego della deontologia e penso che chi merita debba ricevere dei giusti plausi e i pezzi di merda, debbano meritarsi solo l'olezzo che hanno prodotto. Rispondi a PINO PICCA

  • salvatore di gennaro ha scritto il 17 agosto 2018 alle 13:17 :

    Unendomi ai complimenti, e spiccando sovrana la deontologia professionale, ritengo però che un bambino di sei anni non debba "mai" essere perso di vista da un genitore. Specie in una piscina. Rispondi a salvatore di gennaro

  • Er Pupo ha scritto il 17 agosto 2018 alle 13:06 :

    bravissimo e complimenti all'infermiere Randolfi! Rispondi a Er Pupo

  • SPINAFIO ha scritto il 17 agosto 2018 alle 12:03 :

    onore al merito c'era anche il dottor Giarracuni. Grandi Rispondi a SPINAFIO

  • Giuseppe Ungaro ha scritto il 17 agosto 2018 alle 10:54 :

    E un angelo mandato da Dio Rispondi a Giuseppe Ungaro

  • carlo mazzilli ha scritto il 17 agosto 2018 alle 10:47 :

    bravo, siamo orgogliosi di te! d'altro canto tutto si può dire dei coratini, ma non che siano indifferenti o incapaci di buttarsi anche tra le fiamme per aiutare il prossimo. "cor sine labe doli", di motto e di fatto! Rispondi a carlo mazzilli

  • Mennuti Arcangelo ha scritto il 17 agosto 2018 alle 10:38 :

    Bravo bravo bravo Rispondi a Mennuti Arcangelo

    M.G ha scritto il 17 agosto 2018 alle 13:00 :

    Non ci sono parole. ....... Rispondi a M.G

  • Rosaria Schittulli ha scritto il 17 agosto 2018 alle 09:43 :

    È bello leggere di queste notizie, complimenti all'infermiere e, tantissima salute x il piccolo. Rispondi a Rosaria Schittulli