Il report Asl

Covid: a Corato dati in miglioramento, ma il tasso settimanale è il secondo peggiore della provincia

In città sono 24 i nuovi casi nell'ultima settimana (6-12 settembre) con un tasso di 50.5 casi su 100mila abitanti. Peggio di Corato solo Rutigliano con 54.2

Cronaca
Corato venerdì 17 settembre 2021
di La Redazione
Vaccini
Vaccini © n.c.

Nuove positività in diminuzione per la quarta settimana consecutiva. Il tasso settimanale per 100mila abitanti si attesta a quota 18,7, con un numero di positività inferiore - in valore assoluto - di circa il 25% rispetto ai sette giorni precedenti. Si conferma e consolida ulteriormente, dunque, la tendenza in generale discesa registrata nell’ultimo mese in tutto il territorio della Asl Bari. Appare molto chiara la correlazione con l’avanzare della campagna vaccinale anti Covid, giunta nella sua fase culminante.

A Corato sono 24 i nuovi casi nell'ultima settimana (6-12 settembre) con un tasso di 50.5 casi su 100mila abitanti. Dato in miglioramento rispetto a quello dei sette giorni precedenti, quando il valore era di 73.6. Quella di questa settimana, però, è il secondo dato peggiore tra tutti i 41 Comuni dell'Area metropolitana di Bari. Davanti a Corato c'è solo Rutigliano con 54.2. Per quanto riguarda le vaccinazioni in città, su una popolazione vaccinabile di 42.403 persone (ovvero persone dai 12 anni in su) l'86% ha ricevuto la prima dose, mentre il 74% ha ricevuto entrambe le dosi. Nel dettaglio, sinora sono stati somministrati 67.146 vaccini a persone residenti a Corato: 36.383 per la prima dose e 30.763 per la seconda.

Con le circa 27mila somministrazioni degli ultimi sette giorni, il computo complessivo è salito ad oltre 1 milione e 855mila iniezioni, tra prime e seconde dosi. In termini di copertura vaccinale assicurata alla popolazione over 12, la Asl Bari ha raggiunto livelli molto elevati nell’intera Area Metropolitana di Bari, dove l’88% dei residenti ha ricevuto almeno la prima dose di vaccino e il 78% ha completato l’intero ciclo. La crescita più evidente, negli ultimi tempi, è stata registrata grazie alla forte adesione dei giovanissimi 12-19enni: più di otto su dieci (82%) hanno ricevuto la prima dose di vaccino e il 59% ha completato il ciclo di immunizzazione. Ottimo viatico per garantire la massima sicurezza delle attività didattiche, ormai alle porte, negli istituti scolastici della città di Bari e dei comuni del territorio. Tra questi, ben 25 sui 41 totali hanno toccato o superato quota 88% di copertura con prima dose e cinque hanno oltrepassato il traguardo del 90%: Putignano (91%), Noci (91%), Sammichele di Bari (90%), Giovinazzo (90%) e Bitetto (90%).

Numeri che si riflettono sulle alte percentuali raggiunte nelle diverse fasce d’età. Prima dose fatta per l’80% dei 20-29enni, così come per il 79% dei 30-39enni e l’84% della fascia 40-49 anni. “Coperti” al 95%, sempre con prima dose, sia i 60-69enni sia gli over 80, mentre i 70-79 anni rappresentano il target generazionale più vaccinato in assoluto: il 98% ha ricevuto la prima dose e il 92% è completamente immunizzato. Dati che da un lato avvalorano l’efficacia del lavoro svolto sinora dagli operatori sanitari e, dall’altro, testimoniano dell’altissima consapevolezza raggiunta dai cittadini nell’affrontare la campagna vaccinale: una lunga maratona comune. 

Il grafico dell'andamento del Covid a Corato dall'inizio della pandemia (marzo 2020). In base ai dati forniti da Asl Bari, Prefettura di Bari e Comune di Corato, sono indicati i positivi per data, il totale dei decessi, il totale dei positivi e il totale dei guariti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Ss ha scritto il 18 settembre 2021 alle 21:07 :

    Ancora vi chiedete perche😳 Rispondi a Ss

  • Rosanna Prisco ha scritto il 17 settembre 2021 alle 17:27 :

    Ma come è possibile ? Tanti vaccinati eppure i contagi salgono c'è qualquadra che nn cosa Rispondi a Rosanna Prisco

  • Sapone ha scritto il 17 settembre 2021 alle 13:44 :

    Evviva, w.saremo campioni Rispondi a Sapone