La denuncia era partita a maggio 2018 ma solo nel febbraio 2020 la Procura della Repubblica di Trani chiese ed ottenne il sequestro preventivo dei cani

Nove cani in una villetta, padrona condannata per maltrattamento sugli animali

I cani restavano segregati nelle pertinenze in cui venivano confinati, costretti perfino a fenomeni di coprofagia

Cronaca
Corato venerdì 30 luglio 2021
di La Redazione
Nove cani in una villetta, padrona condannata per maltrattamento sugli animali
Nove cani in una villetta, padrona condannata per maltrattamento sugli animali © Associazione nazionale Guardie per l’Ambiente

In condizioni «incompatibili con la loro natura e potenzialmente produttive di gravi sofferenze». Così hanno vissuto per anni i nove cani per cui il Tribunale di Trani ha ordinato la confisca definitiva. Inoltre il Tribunale ha condannato per il reato di maltrattamento la signora che li tratteneva a Corato, in un luogo dalle «precarie condizioni igienico-sanitarie» e che durante il sopralluogo hanno reso possibile solo al medico veterinario di entrare nei locali «a causa del fetore delle esalazioni maleodoranti percepite».

I 9 cani sono stati trovati presso la villetta della signora: due erano nel giardino antistante la villetta, sei all’interno della villetta, uno nella veranda posteriore. Gli animali restavano segregati nelle pertinenze in cui venivano confinati, costretti perfino a fenomeni di coprofagia.

La denuncia era partita a maggio 2018 ma solo nel febbraio 2020 la Procura della Repubblica di Trani chiese ed ottenne il sequestro preventivo di tutti gli animali. Qualche giorno fa il procedimento si è concluso in modo definitivo e il Tribunale di Trani ha disposto la confisca degli animali che erano stati giudizialmente affidati in custodia all’Associazione nazionale Guardie per l’Ambiente.

«Siamo felici - commenta Pasquale Laterza, presidente dell’associazione animalista e ambientale operante da anni sul nostro territorio – che gli animali adesso abbiano trovato miglior opportunità di vita, anche se per via della loro età avanzata e per lo stato di detenzione regresso sarà difficoltoso dargli una migliore prospettiva. Ma almeno sarà dignitosa».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Rosanna Prisco ha scritto il 02 agosto 2021 alle 17:50 :

    Quando nn sapete o nn volete animali nn prendeteli proprio ...nn sono pupazzi lo volete capire o no Rispondi a Rosanna Prisco

  • Ss ha scritto il 31 luglio 2021 alle 21:16 :

    Saponetta,ma scemi si puo’anche diventare. Rispondi a Ss

  • Ss ha scritto il 31 luglio 2021 alle 21:14 :

    Escremento umAno Rispondi a Ss

  • Angela ha scritto il 31 luglio 2021 alle 18:40 :

    L'ho sempre detto che le vere bestie ,sono gli esseri umani e non gli animali! VERGOGNA Rispondi a Angela

  • Ss ha scritto il 31 luglio 2021 alle 04:32 :

    I cani sono diventati lo sfogo per l’imbecilllita’umana.Questa è una storia orrenda.,per non parlare di quelli che trattano gli animali come pupazzi. Rispondi a Ss

  • saponetta ha scritto il 30 luglio 2021 alle 18:28 :

    secondo me, per possedere animali, di qualunque tipo, dimensione e specie, bisognerebbe prima conseguire una patente, un documento che certifichi la capacità di una persona a possedere, condurre , allevare animali ... e sul documento la foto tessera dovrebbe ritrarre il titolare di spalle, in omaggio ai volontari della Ass.ne Naz.le Guardie per l'Ambiente ... Rispondi a saponetta