Le sentenze sono state emesse il 9 luglio scorso

Autovelox sulla 231, il giudice di pace annulla le multe notificate dal Comune di Terlizzi

Il giudice di pace di Trani ha invalidato le contravvenzioni registrate dall'apparecchio ai danni di molti automobilisti di passaggio dal territorio di Terlizzi. Il Comune di Terlizzi è stato condannato a risarcire i ricorrenti

Cronaca
Corato martedì 13 luglio 2021
di La Redazione
Autovelox sulla sp 231, annullate dal giudice di pace le multe notificate dal Comune di Terlizzi
Autovelox sulla sp 231, annullate dal giudice di pace le multe notificate dal Comune di Terlizzi © n. c.

Sono stati annullati i verbali emessi a seguito delle rilevazioni effettuate sul tratto di strada provinciale 231 dall'autovelox controllato dalla polizia locale di Terlizzi. Il clamoroso responso è stato decretato dalle sentenze 304, 305, 306, 308, 310, 313, 314 e 315 emesse il 9 luglio scorso dal giudice di Pace di Trani, che ha invalidato le contravvenzioni registrate dall'apparecchio ai danni di molti automobilisti di passaggio dal territorio comunale terlizzese. Il giudice, a quanto si apprende, ha anche condannato il comune di Terlizzi a risarcire le spese legali e giudiziali dei ricorrenti. Nulla da fare, invece, per chi ha già pagato le multe senza intraprendere la via del ricorso: per loro non sarà possibile ottenere un rimborso.

In tanti, da marzo in poi, avevano impugnato le notifiche di contravvenzione emesse dal Comune di Terlizzi davanti ai giudici di pace, formulando ricorsi individuali o tramite "class action", con l'ausilio di studi legali locali. Gli autovelox installati dagli agenti della Locale, secondo la difesa, non sono debitamente segnalati e questo rende illegittime le sanzioni spiccate. Secondo gli avvocati interpellati dagli automobilisti multati, i verbali emessi dalla Polizia Locale di Terlizzi sarebbero stati affetti "da almeno quattro vizi di nullità". Il primo è un "vizio su segnaletica stradale di segnalazione e presegnalazione autovelox (è abbastanza nascosta)"; sarebbe a parere del legale anomala anche la "posizione degli Agenti Accertatori (si trovano su una complanare ad effettuare rilievi a distanza su una strada diversa, ovvero l’attigua SP231)", tanto più che "l’autovelox la maggior parte delle volte è nascosto dalla stessa macchina/furgone della Polizia e non è visibile". Da ultimo, "manca nel verbale l’indicazione del decreto prefettizio di autorizzazione alla Polizia Locale a poter effettuare rilievi sulla SP231". 

Interpellato da TerlizziLive, tuttavia, il comandante della Polizia Locale di Terlizzi, Antonio Modugno, aveva rigettato al mittente le ipotesi di inesigibilità delle multe, affermando che "il dispositivo che rileva la velocità è regolarmente omologato nonché segnalato alla Prefettura di Bari, alla Città Metropolitana di Bari e al Compartimento Polizia Stradale di Bari, in rigorosa ottemperanza al decreto ministeriale Maroni integrato dal decreto ministeriale Minniti. Ricevere una sanzione amministrativa non fa mai piacere a nessuno, ma le regole sono regole e ciascuno deve assumersi le proprie responsabilità". Le sentenze del giudice di Pace hanno tuttavia reso vana gran parte delle decine di multe notificate in questi mesi.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Savino.favullo ha scritto ieri alle 07:17 :

    Come posso fare x nn pagare i 2 verbali che mi sono arrivati ieri? Rispondi a Savino.favullo

  • Mau ha scritto il 24 agosto 2021 alle 18:39 :

    Qualcuno può suggerirmi a chi rivolgermi per farne annullare 2 ricevute oggi di giugno? Grazie Rispondi a Mau

  • Marco ha scritto il 14 luglio 2021 alle 14:36 :

    Ora il Prefetto dovrebbe battere un colpo se c'è e dire la sua sull'impiego illegittimo degli autovelox da parte dei Comuni Rispondi a Marco

  • creative ha scritto il 14 luglio 2021 alle 12:02 :

    A tutti quelli che dicono che bisogna rispettare il Codice della Strada, ma avete mai provato ad andare a 90 km/h sulla SP231?? Qui chi si è beccato la multa " sfrecciava" a 100/110 km/h su strada per la maggior parte delle volte libera o al massimo poco trafficata. Il Sindaco ed il Comandante dei VV.UU di Terlizzi abbiano almeno il coraggio di dire che hanno utilizzato l'autovelox solo per rimpinguare le casse comunali altro che promuovere la sicurezza. Sciatavin sciat Rispondi a creative

  • Ss ha scritto il 14 luglio 2021 alle 06:00 :

    Ma scusami gg non sono a norma di legge perché!Solo perché’dovrebbero avvisarci?E’che razza di legge e!Aaaaaa la privacy.Se vabbe’dove vogliamo noi.Poi i cittadini vessati.Ma per favore!La storia insegna che dove c’è vessazione per usare lo stesso termine,C’è più ordine. Rispondi a Ss

    Maria P. ha scritto il 14 luglio 2021 alle 16:45 :

    Dove c'è vessazione c'è più ordine, come nei lager nazisti? Quindi ss ha quel significato? Rispondi a Maria P.

    saponetta ha scritto il 14 luglio 2021 alle 17:02 :

    anche i gulag, per quello che ne ho letto, erano ordinatissimi ... avevano un'unica pecca, il bar della piscina non serviva alcoolici dopo la mezzanotte ... Rispondi a saponetta

    gg ha scritto il 14 luglio 2021 alle 12:54 :

    Esiste una normativa che regola l'utilizzo di queste forme di rilevazione di infrazioni e in questo caso alcune regole non venivano osservate, cone evidenziato da avvocati e giustamente confermati dal Giudice Rispondi a gg

    cataldo ha scritto il 14 luglio 2021 alle 11:13 :

    forse non considerate un fatto alla base della questione, che forse è proprio quello che il giudice di pace, che giudica non solo in base alla legge ma anche in base alla equità, ha voluto stigmatizzare: qui si tratta del modo in cui questo controllo è stato effettuato, cioè con il chiaro intento di far un pò di cassa, ma che nulla ha apportato al miglioramento della sicurezza stradale. se uno va veloce, lo si rileva, lo si ferma, lo si controlla, lo si sanziona. ma fare foto a vettura in movimento, mandando poi la multa a casa èdue volte una scorrettezza, uno perchè colpisci a tradimento gente che lavora, due perchè non lo hai bloccato quindi non hai migliorato la sicurezza stradale in quel momento, anzi hai lasciato continuare un comportamento pericoloso. e mo hai capito? Rispondi a cataldo

  • Ss ha scritto il 14 luglio 2021 alle 05:54 :

    ne’dovrebbero pure avvisarci quando decidono di far rispettare un limite di velocità!🤣🤣🤣🤣Intanto il dispositivo ha rilevato Che i 90 km orari non si sono rispettati.Allora risarcissero anche chi ha pagato!Che cosa ridicola davvero. Rispondi a Ss

    Marco ha scritto il 14 luglio 2021 alle 14:33 :

    No devono avvisarci come previsto dal Codice, essere visibili altrimenti sa tutto di agguato. Rispondi a Marco

  • Maria P. ha scritto il 13 luglio 2021 alle 22:43 :

    Dopo questa sconfessione giudiziaria il Comune di Terlizzi farebbe cosa buona a restituire di sua iniziativa il maltolto ai cittadini. A tutti, anche a quelli che non hanno fatto ricorso e pagato le multe. Proprio per non creare disparità tra cittadini. Rispondi a Maria P.

  • catall ha scritto il 13 luglio 2021 alle 14:32 :

    se posso dire la mia....ben vengano i dispositivi di controllo della velocità e le conseguenti sanzioni. Ma invece che utilizzarli su strade a scorrimento veloce, come la sp.231, andrebbero utilizzati su strade urbane dove si vedono spesso sfrecciare sottosviluppati con autoradio a tutto volume e macchine sportive che davvero fanno paura. E prima o poi ci scappa il morto.... In quel caso, si che sarebbero utili. Rispondi a catall

    Marco ha scritto il 13 luglio 2021 alle 16:15 :

    Utili a cosa se non fermano gli automobilisti veloci? Se puntano alla cosiddetta sicurezza dovrebbero fermarli e invece si accontentano del facile tiro al piccione e ovviamente dei ricavi. Rispondi a Marco

    catall ha scritto il 14 luglio 2021 alle 07:34 :

    diciamo che una bella multa salata e conseguente decurtazione di punti dalla patente diventano un ottimo deterrente anche per chi è evidentemente limitato al punto di non comprendere che sfrecciare per le vie cittadine è molto pericoloso. Per non parlare delle autoradio a tutto volume per le quali andrebbe previsto il sequestro del mezzo. Rispondi a catall

  • Cittadino ha scritto il 13 luglio 2021 alle 11:36 :

    Ma Percheeeeee????E’cosi bello rispettare la legge.E poi proprio un giudice di pace annulla tutto.Lo dico io che questo mondo fa’sempre più schifo.Adesso siete liberi di andarvi a schiantare.......... Rispondi a Cittadino

    Maria P. ha scritto il 13 luglio 2021 alle 16:17 :

    Approvare violazioni della legge non ha senso. Per fortuna ci sono ancora Giudici a frenare l'ingordigia dei Comuni e la mancanza di ragionamento sui social. Rispondi a Maria P.

  • franco ha scritto il 13 luglio 2021 alle 10:47 :

    benchè le sentenze vadano ripsettate(tutte) anche stavolta mi sembra che l'ente condannato possa fare controricorso in cassazione-sbaglio?- anche perchè sarebbe più che disonorevole pagare le spese legali con i soldini dei cittadini di Terlizzi anzichè di tasca propria...quindi il mio consiglio è di aspettare la fine definitiva della questione e continuare a mantenere i limiti di velocità Rispondi a franco

    Franco ha scritto il 13 luglio 2021 alle 12:40 :

    Vuoi forse dire che consigli al Sindaco e al Comandante di Terlizzi, nell'attesa, di continuare a tartassare ignari automobilisti con la speranza che qualcuno paghi per non avere problemi? Rispondi a Franco

  • Maria P. ha scritto il 13 luglio 2021 alle 10:42 :

    Presi letteralmente con le mani nella marmellata..... Rispondi a Maria P.

  • Maurizio ha scritto il 13 luglio 2021 alle 09:53 :

    Su daiii adesso avete il permesso di superare i limiti di velocità, tanto poi non si paga e non tolgono i punti dalla patente!! Ma sperate solo di riuscire a fare ricorso, perché l'alta velocità si paga con la vita!! Rispondi a Maurizio

    Marco ha scritto il 13 luglio 2021 alle 10:39 :

    Ma quale alta velocità, lì ti fregavano pure se andavi 5 km oltre il limite. Il loro unico interesse era fare cassa, altrimenti avrebbero fermato subito chi andava troppo veloce. Non credi? Rispondi a Marco

  • antonio domenico ciliberti ha scritto il 13 luglio 2021 alle 08:09 :

    Buongiorno, quindi chi come me ha pagato rimane "fragato", si può dire? Be' in effetti è così. Volevo ringraziare gli autori di questa farsa e consiglio di farne buon uso del denaro sottratto alla gente. Grazie!!! Rispondi a antonio domenico ciliberti

  • giuseppe ha scritto il 13 luglio 2021 alle 07:45 :

    Dunque anche questa volta l'insegnamento finale, per di più perorato da avvocati e giudici, è quello di non pagare subito. Complimenti Rispondi a giuseppe

    Maria P. ha scritto il 13 luglio 2021 alle 09:04 :

    Ovvio che se c'è qualcosa di illegale e ti senti vessato devi ricorrere a un Giudice. Cosa trovi di strano? Purtroppo per il Codice della Strada chi paga la multa la accetta in qualche modo e poi non può chiedere rimborso. È l'abc. Rispondi a Maria P.

    giuseppe ha scritto il 13 luglio 2021 alle 09:44 :

    Provi a fare all'ENEL o all'ENI una roba del genere. Anche se c'è fondamento per un ricorso deve prima pagare e poi far ricorso, altrimenti le tagliano la fornitura Rispondi a giuseppe

    Maria P. ha scritto il 13 luglio 2021 alle 12:56 :

    Semplice, per le bollette Enel vale il Codice del Consumo, per le multe il Codice della Strada. Il contenzioso per le bollette blocca automaticamente il loro pagamento sino alla definizione della controversia.

  • Maria P. ha scritto il 13 luglio 2021 alle 07:37 :

    Non si può che esultare, una volta tanto è stata resa giustizia ai cittadini vessati da amministrazioni che intendono fare casa facile con le multe. Rispondi a Maria P.

    gg ha scritto il 13 luglio 2021 alle 12:32 :

    e' esattamente cosi.... Rispondi a gg

  • Luigi Murgiano ha scritto il 13 luglio 2021 alle 06:12 :

    Ma come diceva il sindaco di Terlizzi, non erano solo avvocati in cerca di pubblicità? Ahahahahah Rispondi a Luigi Murgiano

  • cataldo quercia ha scritto il 13 luglio 2021 alle 05:57 :

    una vergogna assoluta. sfruttare una grande arteria stradale come un trabucco per pesciolini, elevare sanzioni "ad capoclam" ai danni di automobilisti, leggasi gente che lavora, specie in questi tempi, pur avendo poi alle spalle un territorio notoriamente, storicamente gravato e macchiato da problemi a dir poco imbarazzanti. mi auguro che la Corte dei Conti chieda spiegazioni di questi comportamenti. Rispondi a cataldo quercia

    gg ha scritto il 13 luglio 2021 alle 12:33 :

    imfatti.... Rispondi a gg

  • Treccarte ha scritto il 13 luglio 2021 alle 05:39 :

    ok, bene. ma ciò non vuol dire comunque che non si debbano rispettare i limiti di velocità e il codice della strada. siate sempre prudenti. Rispondi a Treccarte

    Maria P. ha scritto il 13 luglio 2021 alle 13:22 :

    Ma si possono ripetere ovvietà superflue come fossero consigli saggi? Rispondi a Maria P.

    gg ha scritto il 13 luglio 2021 alle 12:35 :

    ma cosa centra sto fatto....mamma mia....hai capito o no che non erano a norma di legge ? Rispondi a gg