Questa mattina intorno alle 11.30

Lancia oggetti dal balcone, poi semina il panico in un bar: uomo bloccato da due militari

È avvenuto nella zona di via Dante. Provvidenziale la presenza di due giovani militari del 9° Reggimento Fanteria “Bari” che, liberi dal servizio, si sono resi conto della situazione e sono intervenuti bloccando l'uomo

Cronaca
Corato mercoledì 06 gennaio 2021
di La Redazione
Lancia oggetti dal balcone, poi semina il panico in un bar: uomo bloccato da due militari
Lancia oggetti dal balcone, poi semina il panico in un bar: uomo bloccato da due militari © CoratoLive.it

Momenti di paura questa mattina, attorno alle 11.30, in zona via Dante. Un uomo di nazionalità straniera, giunto da poco a Corato, ha dato in escandescenze seminando il panico. Prima ha lanciato una scala e una sedia in legno dal balcone della sua abitazione (ubicata in una traversa di via Dante). Poi, sceso in strada, ha distrutto il parabrezza di un'auto ed è entrato in un bar colpendo alcune suppellettili e spaventando i presenti.

Provvidenziale la presenza di due giovani militari del 9° Reggimento Fanteria “Bari” (attualmente impiegato nell’operazione “Strade Sicure” in Puglia e Basilicata) che, liberi dal servizio, si sono resi conto della situazione e sono intervenuti bloccando l'uomo. Sul posto sono intervenute pattuglie della polizia locale e della polizia di Stato. L'uomo è poi stato identificato e denunciato per danneggiamento.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Salvatore Diaferia ha scritto il 16 gennaio 2021 alle 04:42 :

    Doo due ore l'anno rimesso in circolazione 🤣🤣🤣affrooottt Rispondi a Salvatore Diaferia

  • Gaetano Nesta ha scritto il 08 gennaio 2021 alle 04:42 :

    Complimenti ai militari intervenuti. Bravo Giuseppe Rispondi a Gaetano Nesta

  • franco ha scritto il 07 gennaio 2021 alle 16:35 :

    insomma abbiamo notizie del seguito? Rispondi a franco

  • LM ha scritto il 07 gennaio 2021 alle 12:09 :

    Non è una questione di colori politici ma solo di dati di fatto. Di italiani all'estero ce ne sono stati ovunque ed in quantità e certamente, nei primi tempi, non sono stati trattati con i guanti bianchi. Hanno esportato il "crimine"?, sicuramente sono stati perseguiti se non rispediti al mittente! Un piccolo e recente esempio di come ci trattano all'estero e' quello dei pescatori di Mazara del Vallo. Ma di che cosa stiamo parlando! Chi vuole venire in Italia per lavorare, ben venga, il resto non sappiamo che farcene. Rispondi a LM

  • Pier Luigi ha scritto il 07 gennaio 2021 alle 08:00 :

    A giudicare dalla pena di commenti ormai ci si sofferma solo sulla nazionalità dell'autore. E quando i compaesani commettono i loro (tanti) reati? Tutti muti, clown. Rispondi a Pier Luigi

  • Psichiatria ha scritto il 07 gennaio 2021 alle 05:46 :

    Queste cose sono pane bianco per sfascisti, sbruffoni e per coloro che pensano che i Coratini siano dei santi. È la LEGGE che con i MEDICI devono giudicare anche durramente non degli imbecilli come NOI . Questo uno xenofobo non può capirlo, ha immondizia al posto del cervello Rispondi a Psichiatria

  • LM ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 22:02 :

    È tutto nella norma...... siamo in Italia! Rispondi a LM

  • Aldo ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 16:11 :

    Un fulgido esempio di integrazione, di inclusione, di fratellanza cittadina ( parole molto in voga di questi tempi)...energumeni allo sbando lasciati approdare sotto le mentite spoglie di aiutare chi scappa dalla guerra(quale poi non si è ancora capita) facendo ingrassare le vacche di chi dietro a tutto questo ci guadagna. Io non ho mai creduto a questa utopia del fratelli tutti. Rispondi a Aldo

    Gigi Gusto ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 20:59 :

    Quindi tu sai chi è questo personaggio? O parli solo per dare fiato alla bocca? Rispondi a Gigi Gusto

    Mike Ferri ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 20:31 :

    Si, solo che bisogna dirlo a boldrina & company, e a quei mentecatti che li votano.... Rispondi a Mike Ferri

  • L. Marcone ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 15:31 :

    Poi come si fa a dare torto a Salvini??? Per il sinistroide di turno che a breve commenterà: se fosse stato il tuo bar o la tua macchina avresti detto “accogliamoli a braccia aperte e diamoli tutto” ??? Facciamo distinzione dagli irregolari che vengono a delinquere da coloro che fuggono da situazioni realmente grave è che vogliono lavorare (e sono tanti). Rispondi a L. Marcone

    Mba Pepp ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 21:33 :

    Questi almeno sfasciano una macchina, noi siamo andati in America e abbiamo importato la Mafia... Ahahahh Ah.. E poi piazza Venezuela si chiama così perché sono venuti i venezuelani a Corato in cerca di lavoro? Ah e non sono né di sinistra né di destra.. Semplicemente vedo le cose da un po' più in alto e non parlo se non conosco personalmente le persone in questione e i fatti. Rispondi a Mba Pepp

    Gigi Gusto ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 21:00 :

    Quindi tutti devono pagare per uno? Ahahahahah!!! Rispondi a Gigi Gusto

  • CATALDO ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 15:29 :

    Ha ragione (assai) dina di. Benvenuti in Italia, qui si può fare di tutto. Se non sei Italiano però. Rispondi a CATALDO

  • M.D ha scritto il 06 gennaio 2021 alle 14:36 :

    Ecco cosa succede. ...approdano nella terra promessa pensando di iniziare una vita nuova....con soldi lavoro e benessere. ..invece si ritrovano ad essere. ...Non gli ultimi....ma molto molto peggio....degli ultimi....e sclerano! Ecco perché bisogna porre rimedio a tutto ciò! Chi ripaga ora i cittadini danneggiati? Senza contare che ci rimane in giro questa mina vagante che può sperare ancora! Rispondi a M.D