Ecomondo è la fiera di riferimento in Europa per l’innovazione industriale e tecnologica dell’economia circolare

​Corgom alla fiera di Ecomondo 2019: «Un mondo sempre più integrato e dinamico»

Impegnata da ben undici anni nel campo del riutilizzo e del riciclo in un’ottica di green economy, Corgom dal 2009 approfitta della prestigiosa esposizione internazionale per mostrare le tecniche con cui opera per la ricostruzione

Contenuti Suggeriti
Corato venerdì 08 novembre 2019
di La Redazione
​Corgom alla fiera di Ecomondo 2019: «Un mondo sempre più integrato e dinamico»
​Corgom alla fiera di Ecomondo 2019: «Un mondo sempre più integrato e dinamico» © n.c.

Ecomondo 2019 - fiera di riferimento in Europa per l’innovazione industriale e tecnologica dell’economia circolare - ospita anche quest’anno Corgom, azienda di Corato attiva da più di trent’anni nel settore degli pneumatici usati e fuori uso. Impegnata da ben undici anni nel campo del riutilizzo e del riciclo in un’ottica di green economy, Corgom dal 2009 approfitta della prestigiosa esposizione internazionale per mostrare le tecniche con cui opera per la ricostruzione e il riciclaggio dei PFU (pneumatici fuori uso).

Cogliendo l’occasione della fiera, che si tiene a Rimini dal 5 all’8 novembre, Corgom, leader in materia di ecosostenibilità, propone la valorizzazione di un’economia circolare attraverso molteplici tecniche di riuso del PFU e punta sulla produzione del polverino di gomma, materiale ecocompatibile finalizzato alla realizzazione di asfalti modificati (che riducono del 7% l’inquinamento acustico delle strade), pavimentazioni sportive, superfici antitrauma per bambini e tanto altro.

Nel padiglione B3 allo stand 37, l’azienda coratina ormai da tempo riconosciuta a livello nazionale, mette in luce metodi e procedure per mezzo delle quali opera con successo, seguendo i principi del suo slogan “Retreading & Recycling”.

In linea con gli obiettivi della fiera, Corgom fa proprie le parole di Fabio Fava (presidente del comitato scientifico di Ecomondo) «dentro ad ogni filiera, c’è sempre più integrazione tra tutti gli attori dell’innovazione, dall’accademia, all’industria, alle istituzioni alla società civile. È un mondo sempre più integrato e dinamico».

Lascia il tuo commento
commenti