«Devo ammettere che c’abbiamo visto giusto quando nel 2000 abbiamo pensato di investire le nostre risorse aziendali per offrire ai nostri clienti anche questo servizio» commenta Sergio Zucaro, direttore tecnico Madogas

La provincia di Bari punta al gpl, Madogas: «Finalmente si risparmia rispettando l’ambiente»

In Puglia esiste una rete di 272 distributori gpl: tra questi due sono gestiti dall’azienda coratina Madogas natural energy del gruppo Mds, da 19 anni al servizio del territorio

Contenuti Suggeriti
Corato lunedì 11 marzo 2019
Rifornimento di gpl
Rifornimento di gpl © n.c.

Quella di Bari è la provincia pugliese con più auto e distributori gpl: la classifica è stata stilata da Assogasliquidi/Federchimica. Secondo i dati rilevati, in Puglia ci sono circa 124mila vetture dotate di serbatoi gpl (pari al 65% delle alimentazioni alternative). Nel 2018, inoltre, nella nostra Regione sono state registrate 5.261 immatricolazioni di auto a gpl e 3.862 conversioni da benzina a gpl. A loro servizio c’è una rete di 272 distributori. Fra questi due sono gestiti dall’azienda coratina Madogas natural energy del gruppo Mds, da 19 anni al servizio del territorio.

«Devo ammettere che c’abbiamo visto giusto quando nel 2000 abbiamo pensato di investire le nostre risorse aziendali per offrire ai nostri clienti anche questo servizio – commenta Sergio Zucaro, direttore tecnico Madogas.

Oggi l’utilizzo di un’auto a gpl è una scelta vincente sotto tanti punti di vista. Di sicuro permette alle famiglie di risparmiare sui costi del carburante, si stima di riuscire a spendere il 50% in meno; e poi, soprattutto, si contribuisce a ridurre l’inquinamento perché i gas di scarico prodotti fanno registrare emissioni di particolato e di ossidi di azoto molto ridotte.

Non a caso Assogasliquidi/Federchimica ricorda che «i veicoli alimentati a gpl (gas di petrolio liquefatto) sono esclusi dai provvedimenti restrittivi alla circolazione dei mezzi di trasporto, applicati in numerose città italiane con l’obiettivo di ridurre i livelli di emissioni inquinanti».

«Guardando al futuro – aggiunge Massimo Zucaro, direttore commerciale Madogas - per il bene del pianeta e delle nuove generazioni si deve sperare che la quantità di anidride carbonica nell’aria diminuisca sempre più: di sicuro il gpl in questo ci aiuta».

Lascia il tuo commento
commenti