Il 21 e 22 giugno Spettacolo di fine Anno Academico della Scuola Dance Lab

Al Teatro Comunale di Corato il “Don Chisciotte” della Scuola di Danza Dance Lab

​In scena i talentuosi ed entusiasti allievi della Scuola Dance Lab

Contenuti Suggeriti
Corato lunedì 09 luglio 2018
Al Teatro Comunale di Corato il “Don Chisciotte” della Scuola di Danza Dance Lab
Al Teatro Comunale di Corato il “Don Chisciotte” della Scuola di Danza Dance Lab © n.c.

Gli applausi entusiasti diventano un indistinto brusio. Il sipario si è chiuso e le luci lentamente si accendono ad illuminare la sala e il pubblico con i volti raggianti e gli sguardi ancora rapiti.

Al Teatro Comunale di Corato è appena terminato lo Spettacolo di fine Anno Accademico della Scuola di Danza Dance Lab “Don Chisciotte”, tratto dal romanzo seicentesco di Miguel De Cervantes e ispirato alla versione coreografica di Rudolf Nureyev e Michail Barysnikov .

A palcoscenico chiuso sembra ancora di vedere il baldanzoso Cavaliere, il folle buono, all’eterno inseguimento delle sue chimere.

I tre atti, diretti magistralmente dal Maestro Vittorio Miscioscia, con la direzione artistica della dott.ssa Marika De Benedittis e di Vittorio Miscioscia, con le coreografie dei Maestri Vittorio Miscioscia, Vito Iacobellis, Fabrizio Natalicchio, Diamante Lacalamita e Bruno Squicciarini, le scenografie di Vincenzo Mascoli, sono stati dominati dalla passione: l’amore è entrato in scena con prorompente disinvoltura.

I colori della Spagna, mediterranea, elegante, sensuale, gitana, fremente di ritmo, di sole e di stelle, hanno acceso il palco e inebriato i sensi.

I gesti di corteggiamento si sono rincorsi a passo di flamenco, animati dalle gonne roteanti, tulle, fiocchi e merletti, e dai costumi da Matador attillati e scintillanti.

Passione e leggerezza hanno intrecciato un costante dialogo di raffinata seduzione, contagiando tutti, idealmente, nelle esibizioni dei ballerini.

Il coinvolgimento è stato altrettanto intenso nel secondo Atto, quando Don Chisciotte combatte con le gigantesche pale del mulino a vento, il nemico delle sue fantasie. Ferito e spaventato, egli scivola in un surreale stato di incoscienza.

Nel bellissimo Atto bianco, la regina delle Driadi lo conduce dalla sua Dulcinea la cui figura sfuma in quella della protagonista, la bella Kitri, come fossero due ectoplasmi evanescenti, leggeri come l’aria.

Tutù candidi, soffici, impalpabili ali di farfalla, voli di libellula.

L’atmosfera si è riaccesa di colori e movimento nel terzo Atto, con un incalzare di giochi, trucchi e falsi equivoci, buffi incidenti e pantomime, che hanno condotto al coronamento dell’amore dei due protagonisti, avvenuto grazie al coraggio di Don Chisciotte.

Davvero emozionante, dall’inizio alla fine, lo Spettacolo è durato due ore e trenta minuti, volati via in punta di piedi. Ma cosa in realtà ha colpito, oltre alla bravura degli allievi, spinti al massimo delle loro possibilità coreutiche e interpretative? Innanzitutto la musica sulle note di Ludwig Minkus, che ha amplificato ogni sentimento espresso sul palcoscenico.

E anche la splendida scenografia e il disegno luci che hanno completato ed esaltato il risultato di mesi di durissimo e intenso lavoro.

Nel romanzo “Memorie di Adriano” Marguerite Yourcenar scrive :

“Ogni felicità è un capolavoro”. L’impulso è quello di capovolgere queste parole: “Ogni capolavoro è felicità!” Si! Ogni opera artistica è un dono di emozioni all’umanità e questo dono ha un nome: Felicità. Preziosi momenti che rendono la vita più bella e più meritevole di essere vissuta. Il “Don Chisciotte” messo in scena dalla Scuola Dance Lab al Teatro Comunale di Corato ha creato momenti felici, condivisi da chi ha diretto, da chi ha organizzato maniacalmente ogni dettaglio, da chi ha danzato, da chi ha pianto, da chi ha sfidato se stesso e ha vinto, da chi ha prestato il proprio sapiente aiuto, da chi ha assistito, e che saranno ricordati per sempre.

Abbiamo bisogno di momenti condivisi, di parole come comunità, di parole che contengano in sè il “cum”.

Questa la battaglia ancora attuale dell’irriducibile Alonso Quijano.

Lascia il tuo commento
commenti