Randagismo, parla il dirigente del settore veterinario della ASL Bari

La radiografia della situazione sul nostro territorio, affidata al dr. Aniello Coppola, dirigente del settore veterinario della ASL Bari.

Attualità
Corato martedì 24 marzo 2009
di Giuseppe Cantatore
© n.c.

Com'era prevedibile, le riflessioni pubblicate nei giorni scorsi sulla spinosa questione del randagismo hanno provocato diverse reazioni, oltre che tanti commenti da parte dei lettori.

Torniamo oggi sull'argomento per proporvi la radiografia della situazione sul nostro territorio, affidata al dr. Aniello Coppola, dirigente del settore veterinario della ASL Bari.

A questo parere si aggiunge quello che arriva da una delle associazioni animaliste operanti sul nostro territorio, ovvero la L.I.D.A., Lega Italiana dei Diritti dell'Animale, sezione GGA di Corato.

La premessa, ci si intenda, è d'obbligo: l'amore per gli animali nasce dall'amore per le persone.

Una seria politica che preveda censimento, sterilizzazione e condizioni dignitose all'interno dei canili ha come obiettivo tanto la tutela dell'uomo, quanto quella degli animali.

In una sola parola, civiltà.

Tra chi avvista alle porte della città presunti branchi di cani famelici e chi invece sostiene che i randagi addirittura scappino alla vista dell'uomo, chi ha ragione?

E quali sono i numeri di questo fenomeno dalle nostre parti, visto che la Puglia è tra le regioni con il numero più alto di cani randagi con circa 70mila esemplari?

«Non è mai stata fatta una stima precisa per capire quanti siano i randagi che popolano il nostro territorio» ci spiega il dr. Coppola.

«Ogni anno i Comuni avrebbero dovuto censire i randagi e consegnare in Regione i risultati, ma questo non è praticamente mai avvenuto.

In via orientativa possiamo comunque dire che nell'agro di Corato circolano diverse centinaia di cani randagi. Un numero che comunque resta al di sotto del migliaio.

Corato com'è messa rispetto alle città vicine?
La situazione di Corato è nella norma e non è dissimile rispetto a quella dei comuni limitrofi, anche se Ruvo e Molfetta vivono una situazione leggermente più pesante.

Ritiene giustificato l'allarmismo di questi giorni?
Ovviamente no: un cane morde solo laddove si trovi in situazioni di forte disagio e sia costretto a difendere il territorio in cui gli viene somministrato il cibo. Il rischio derivante da questo allarmismo è cha la gente possa farsi giustizia da sola, magari avvelenando cani colpevoli solo di esistere.

Quali le soluzioni?
Se il problema non è stato risolto neppure con l'abbattimento dei cani, pratica diffusa sino al 1991, vuol dire che alla radice della questione non ci sono i randagi, bensì il controllo del territorio inteso come cuccioli abbandonati, rifiuti abbandonati e cibo che viene indiscriminatamente distribuito in diverse zone della città.

Per quanto riguarda le soluzioni al problema, stante all'origine un adeguato controllo del territorio, le sterilizzazioni sono ovviamente il rimedio più efficace.

Nella sola Corato dal 1° Giugno 2008 sono stati sterilizzati, iscritti all'anagrafe canine e dotati di microchip, ben 102 cani vaganti.

I canili sono stracolmi. Cosa può chiedere agli amministratori del nostro territorio il dirigente del settore veterinario della ASL Bari per ottenere un aiuto concreto nella risoluzione del problema?
Suggerirei la gestione dell'accalappiamento dei cani direttamente a carico degli Enti Comunali. Aiuterebbe a mantenere un doveroso equilibrio».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • babila ha scritto il 25 marzo 2009 alle 21:46 :

    io amo molto gli animali, anche i cani, ma a volte la battaglia è difficile xche bisogna combattere contro una cultura sbagliata. quanti cani ci sono al buio nei garage? dietro una grata? che possono farsi 4 passi solo nel momento della pipì? quanti cani nelle case? quanti cani sui balconi?e sottolieneo balconi! come fai a combattere con sta gente? tutte le volte ti risponde che ama i cani..io penso: bel modo di amarli! Rispondi a babila

  • obama ha scritto il 25 marzo 2009 alle 18:25 :

    X Gattodellenevi:faccio partedi un associazione animalista e nn faccio altro ke dire alle personedi sterilizzare e di rispettare gli animali e l,ambiente.Più c'è pulizia e più tollerano gli animali (spero).Noi quando mettiamo da mangiare oltre a mettere cibo secco in modo da nn sporcare ,togliamo anche le sporcizie delle persone.Scatolette nn ne mettiamox sicurezza.cmq nn faccio ke ripetere di sterilizzare anche tramite asl perchè a Corato lo si può fare e i risultati si vedranno in seguito! Rispondi a obama

  • obama ha scritto il 25 marzo 2009 alle 17:41 :

    X Coratino 59:nn sei degno di chiamarti persona se pensi di risolvere le cose in questo modo!Vergognati!Gli animali hanno un cuore più umano del tuo e inoltre nn penso ke le cose stanno propio come la racconti.Ma quando mai si possono cacciare anche specie protette e inoltre la caccia è aperta solo in alcuni periodi dell'anno!cmq io mi vergogno di avere un concittadino come te! Rispondi a obama

  • rubinia ha scritto il 25 marzo 2009 alle 17:17 :

    MicroBit....mi mancavi!!!!Sò che 6 uno dei pochi che può parlare con cognizione di causa. Rispondi a rubinia

  • rubinia ha scritto il 25 marzo 2009 alle 17:14 :

    x coratino59: perchè non provi a fare tiro a bersaglio su di me? Rispondi a rubinia

  • MicroBit ha scritto il 25 marzo 2009 alle 16:31 :

    Tirando insieme una conclusione potremmo indirizzarci nell'affermare che sarebbe opportuno effettuare più controlli e sterilizzazioni? Rispondi a MicroBit

  • buccifrancesco ha scritto il 25 marzo 2009 alle 15:41 :

    x lupacchiotta: evidentemente non hai inteso quello ke ho scritto, ripeto: sono stanco di sfamare intere cucciolate che altrimenti morirebbero di fame! Non caccio e non uccido i cani, dico solo che non e' una soluzione quella di sfamarli occasionalmente. E poi vorrei vedere te, ogni volta che esci di casa vederti accerchiata da un branco di cani che, ormai affezionati, implorano un boccone....e vederli aumentare di giorno in giorno..... Rispondi a buccifrancesco

  • rubinia ha scritto il 25 marzo 2009 alle 15:01 :

    x Commandos: Se si amano gli animali ci sono milioni di modi per aiutarli e rendersi attivi x il loro benessere.Le polemiche che sono state sollevate hanno solo avuto il potere di agire su menti malate, se leggi alcuni commenti anche nell'articolo precedente avrai modo di rendertene conto.Io mi auguro che tutto questo polverone porti a qualcosa di concreto.....però...temo davvero il contrario. Rispondi a rubinia

  • babila ha scritto il 25 marzo 2009 alle 14:53 :

    coratino59, ma sei matto? perche nn ti diverti al tiro al bersaglio al tuo u..? Rispondi a babila

  • gokuzzz ha scritto il 24 marzo 2009 alle 23:44 :

    Per quei tanti che parlano di Canili guardate un po' questo vecchio filmato su un canile di manduria http://www.diariodelweb.it/Video/Societa/?d=20080908&id=43123 a voi piacerebbe finire cosi??? Rispondi a gokuzzz

  • gokuzzz ha scritto il 24 marzo 2009 alle 23:44 :

    non so voi... E' bello poi vedere che c'è chi coglie l'occasione per sparare sul nemico politico di turno. Torno a ribadire che scaricabarile a parte sarebbe opportuno censire e sterilizzare i cani e man mano dopo averli dodati di piastrina o microchip vaccinarli periodicamente o comunque tenerli sotto controllo Rispondi a gokuzzz

  • gokuzzz ha scritto il 24 marzo 2009 alle 23:33 :

    c'è chi parla di diritto a difendere i cani e diritto ad aver paura...poi ci si scorda del diritto degli altri esseri presenti sulla terra ad abitare questo pianeta! ma si sa è nella natura umana! si parla di canili, io parlerei piu' di lager...rinchiusi con la sola colpa di esser nati..guardate che fa accapponare la pelle questa cosa, non so io solitamente ho l'abitudine di immedesimarmi nelle cose..di certo io nn ci vivrei bene Rispondi a gokuzzz

  • anton56 ha scritto il 24 marzo 2009 alle 21:49 :

    non voglio farla luga, anziche' spendere soldoni in canili lagher finalizzati solo al busines di pochi, si potrebbero spendere soldini attuando una sana profilassi x randagi che preveda sterilizzazione intelligente e alimentazione somministrata da cooperative di giovani. I cani non fanno male se non indotti a farlo. ll caso del bimbo aggredito fa notizia ma nessuno ci ha mai raccontato se quel bambino stava innocentemente stuzzicando quel cane. Forse andrebbero sbranati i genitori incauti. Rispondi a anton56

  • commandos ha scritto il 24 marzo 2009 alle 19:01 :

    Ripeto il mio pensiero: i cani randagi vanno presi, sterilizzati, curati (se sono feriti), e messi in un canile, e basta! Non c'è da scandalizzarsi, ma proprio per niente, signori/e miei/mie! ...............naturalmente queto dovrebbe accadere se i canili ci sono!!!!!Comunque rubinia, che significa "non sollevate problematiche"? Qui c'è da sollevarle e come! Chi di dovere dovrebbe fare il suo mestiere e sbrogliare sta matassa e venirne a capo! Rispondi a commandos

  • commandos ha scritto il 24 marzo 2009 alle 19:01 :

    Carissime Lupacchiotta e Rubinia, domani, armato di cazzuola comincerò a costruire il canile dei sogni, sarà a 5 STELLE!!!........ma da me che volete! non sono mica io quello che li deve costruire! e poi come fate a dire che nn amo gli animali? Su quali basi? Non ho niente contro quello che fate e vi ammiro! Sono invece da prendere a bastonate nei denti le persone che li abbandonano! Rispondi a commandos

  • BIGGIANNI ha scritto il 24 marzo 2009 alle 18:15 :

    ANCHE IL PROBLEMA DEL RANDAGISMO INTERESSA LA" VI COMMISSIONE CONSILIARE PER LA SICUREZZA". ORA MI ASPETTO DAL PRESIDENTE TEDESCHI LA CONVOCAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DELLE ASSOCIAZIONI CINOFILE D'ITALIA, DEI RAPPRESENTANTI DEI CANILI E DEGLI ACCALAPPIACANI PER CARPIRE QUALCHE SEGRETO PER RISOLVERE QUESTO PROBLEMA. TEDESCHI VAI AVANTI COSI' .... SEI FORTE...... Rispondi a BIGGIANNI

  • ilgattodellenevi ha scritto il 24 marzo 2009 alle 18:01 :

    x obama:va bene sfamarli,ma fino ad un certo punto!In tutte le cose bisogna avere un pò di criterio:ci sono persone che danno da mangiare e lasciano sui bordi della strada le buste,le scatolette,recipienti....COSI' NON VA'!!!!Inoltre le scatolette sono pericolosissime:i cani x leccarle si tagliano la lingua.....Non si capisce che così invece di aiutarli,li si uccide! Rispondi a ilgattodellenevi

  • coratino59 ha scritto il 24 marzo 2009 alle 17:46 :

    In Italia è ammesa la caccia, anche ad animali innocui grandi e piccoli, e specie protette ad opera dei bracconieri, solo per divertimento. Propongo quindi la caccia controllata, anche ai cani randagi, quel tanto che basta per ridimensionare il numero. Una volta diminuiti sarà più facile gestirli. Rispondi a coratino59

  • obama ha scritto il 24 marzo 2009 alle 15:47 :

    Cmq volevo dire ke le notizie di questi gioni stanno creando allarmismi inutili.Se avete ascoltato bene ,i cani di cui questi giorni si è parlato erano cani ke x prima cosa erano in custodia ,cosa ke nn faceva quel signore e poi nn venivano nutriti e quindi affamati!Con questo voglio dirvi ke i randagi vanno nutriti ed è x il bene di tutti e no prenderci a parolacce quando lo facciamo,cosa ke mi è successa!I randagi ci sono ,meglio sfamarli! Rispondi a obama

  • rubinia ha scritto il 24 marzo 2009 alle 15:35 :

    Di tasca mia per i randagi ci spendo ogni giorno tra cibo e spese mediche più qua che a Torino ,qualcuno mi fucilerebbe qualcuno invece no...però di una cosa sono sicura e ve lo chiedo per favore:NON SOLLEVATE PROBLEMATICHE!Perchè non verrebbero affrontate nel modo giusto.Dove vivo le questioni sono gestite in modo ben diverso e non mi sento di dover insegnare cose che dovrebbero eseguite a termini di legge. Rispondi a rubinia

  • rubinia ha scritto il 24 marzo 2009 alle 15:24 :

    Dietro la mia villa c'è un canile , sento i cani piangere e guaire in continuazione....notte e giorno .Sono andata a dare un occhiata e a parte il fatto che abbiano, trasportini al posto delle cucce ,sembrano ben tenuti.Cosa dovrei fare COMMANDOS secondo te? Pensi davvero che faranno nuove strutture insonorizzate ,coibentate,con spazi grandi e adeguati?Che destineranno soldi al benessere dei randagi?Come ho già detto le parole sono tante ma i fatti pochi. Rispondi a rubinia

  • obama ha scritto il 24 marzo 2009 alle 15:22 :

    Purtroppo la gente sa solo lamentarsi dei cani,bisogna muoversi e sterillizzare !Le asl lo stanno facendo,perchè nn farlo!Ho già detto ke faccio parte di un associazione animalista e i cucc ke troviamo vengono da cucciolate di persone ke fanno partorire i loro cani e poi nn sanno ke fare!Con delle mie amiche grazie alla asl nn sono nati almeno 200 cani nel giro di 5/6 mesi.Questo è combattere x il randagismo! Rispondi a obama

  • lupacchiotta ha scritto il 24 marzo 2009 alle 15:18 :

    odio gli inutile,patetici sarcastici commenti dei soliti a cui piace parlare tanto x.aldo65,commandos e buccifrancesco..imparate ad amare gli animali e sicuro potreste avere qlc di bello dalle vostre vite.abbaiano?e quindi?mi fanno schifo le xsone ke nn amano gli animali,nn rispettano il loro mondo e si lamentano soltanto..fate un bel gesto ed adottateli sicuro sapranno ringraziare..cm si a far loro male proprio nn lo capisco..dalla parte degli animali x sempre Rispondi a lupacchiotta

  • famelico ha scritto il 24 marzo 2009 alle 14:56 :

    leggendo l'articolo, noto che secondo il pare degli esperti A.S.L. e della L.I.D.A. chi segnala la presenza in branchi di randagi è un soggetto che non ama le persone o un visionario, il responsabile della A.S.L. ci dice cosa andrebbe fatto, dovrebbe essere il suo lavoro, bene bene capisco come lo stato utilizzi il denaro dei contribuenti. Rispondi a famelico

  • figliolia ha scritto il 24 marzo 2009 alle 13:09 :

    Ma chi è questo dott. Coppola che, sul randagismo, si permette di accusare l'amministrazione Comunale di Corato ossia il Sindaco Perrone dichiarando: " Ogni anno i Comuni avrebbero dovuto censire i randagi e consegnare in Regione i risultati, ma questo non è praticamente mai avvenuto". Caro Coppola il Sindaco Perrone ama sia i cani che i gatti e ne ha dato ampiamente prova. La responsabilità del randagismo è dell'ASL e della Regione ossia del centrosinistra! Rispondi a figliolia

  • buccifrancesco ha scritto il 24 marzo 2009 alle 10:30 :

    ...e lasciamoli vivere in pace.....cosi' termina il trafiletto della L.I.D.A. bene, io vivo in campagna come tante altri cittadini di Corato. Ormai il territorio e' pieno di randagi, te li ritrovi ovunque, affamati, sporchi, pieni di parassiti, di notte spesso abbaiano in continuazione....mi chiedo: noi non abbiamo il diritto di vivere in pace??? Premetto che io amo gli animali e sono stanco sfamare intere cucciolate che altrimenti, povere bestie, morirebbero di fame. Rispondi a buccifrancesco

  • commandos ha scritto il 24 marzo 2009 alle 09:11 :

    ...segue quindi se ci sono vanno PRESI TUTTI, sterilizzati e messi nei CANILI, punto! Che poi i canili sono stracolmi e pochi questo è risaputo e ne vanno costruiti SUBITO altri piu grandi e con spazi adeguati. Rispondi a commandos

  • commandos ha scritto il 24 marzo 2009 alle 09:11 :

    Il parere della L.I.D.A. puo essere condivisibile sotto certi aspetti (i cani sono esseri viventi e vanno rispettati in quanto tali e che la situazione che si è creata è dovuta ad anni di assenteismo da parte delle autorità preposte a tale scopo) ma sotto altri aspetti non la condivido affatto! Ma lo sapete quanti cani muoiono investiti sulle strade? e lo sapete che i cani possono sbucare (anzi SBUCANO) e ci tagliano la strada magari provocando incidenti?? ...segue Rispondi a commandos

  • ALDO65 ha scritto il 24 marzo 2009 alle 08:38 :

    Gino Pensaci tu, come hai accontentato l'Assessore al Personale che aveva l'urgente bisogno delle piste ciclabili, cosi' fai con i cani e sicuramente anche loro saranno con te. Volevo DIRE A GINO, CHE: il POSTINO Roselli non sa' portare la bicicletta QUINDI "BACCHETTALO" Rispondi a ALDO65

  • enri_gran ha scritto il 24 marzo 2009 alle 08:12 :

    concordiamo con quanto espresso dalle guardie della LIDA; i randagi hanno diritto di vivere come tutti gli altri, le leggi ci sono è che non vengono rispettate anche dalle istituzioni che dovrebbero provvedere ad un controllo più serrato avvalendosi soprattutto delle associazioni ambientaliste. il cane domestico è un predatore e se affamato o maltrattato reagisce aggredendo.. quindi non li colpevolizziamo..è l'uomo il vero ed unico responsabile.... GUARDIE AMBIENTALI D'ITALIA - BARI Rispondi a enri_gran

  • rubinia ha scritto il 24 marzo 2009 alle 07:32 :

    Molto bello il trafiletto a destra della pagina: Il parere della L.I.D.A. Rispondi a rubinia