Dalla Diocesi

L'appello del vescovo D'Ascenzo: ​«Guariti, donate il plasma per salvare vite umane»

Chi volesse donare il plasma iperimmune (non possono farlo le donne che hanno avuto gravidanza o interruzioni) non deve fare altro che contattare il Centro trasfusionale più vicino

Attualità
Corato martedì 17 novembre 2020
di La Redazione
Mons. Leonardo D'Ascenzo
Mons. Leonardo D'Ascenzo © n.c.

Si susseguono in questi giorni gli appelli, da quelli accompagnati da recensioni scientifiche a quelli con l’invito alla donazione quale gesto di solidarietà, rivolti a chi è guarito dal Covid a mettere a disposizione il proprio plasma perché sia impiegato nella terapia di alcuni pazienti affetti da coronavirus. Si tratta di una possibilità terapeutica, tra le tante oggi utilizzate, per far fronte il più possibile al comune nemico di un virus purtroppo ancora tanto aggressivo, in attesa dell’arrivo di una cura sicura, efficace e duratura nel tempo.

Anche S.E. Mons. Leonardo D’Ascenzo, Arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie, ha voluto unirsi al coro di queste voci.

«Ho avuto modo - ha dichiarato - di approfondire la conoscenza della terapia basata sul plasma iperimmune con persone qualificate nel campo medico-scientifico, come il Dott. Ennio Peres, Primario del Centro trasfusionale dell’Ospedale Mons. Raffaele Dimiccoli di Barletta, e ho tratto la convinzione che, in attesa dell’arrivo della vaccino, si debba invitare i guariti da coronavirus a donare il proprio plasma. Ormai è appurato che, nei casi in cui il contagio divenga severo e sempre sotto il diretto controllo medico, quella terapia può essere risolutiva e ridare la certezza della vita a chi versa in condizioni disperate.

Ho qui presente la parabola evangelica, in cui il buon samaritano, dopo essersi chinato verso il malcapitato, prende del suo per garantirgli la cura fino alla completa guarigione. Rendersi disponibili a donare il plasma, per i guariti dal coronavirus, è come dare qualcosa di proprio per la cura di tanti che soffrono a causa dello stesso agente patogeno e, quindi rappresenta una forma veramente alta di amore, di gratuità, di solidarietà».

Chi volesse donare il plasma iperimmune (non possono farlo le donne che hanno avuto gravidanza o interruzioni) non deve fare altro che contattare il Centro trasfusionale più vicino.

Lascia il tuo commento
commenti