41esima edizione

Carnevale Coratino, tutto pronto per l'anteprima del 16 febbraio. Il programma

Sfilate il 23 e 25. Dal 16 al 25 febbraio ​sarà aperto al pubblico il museo del Carnevale nei locali ex Enel di piazza Di Vagno

Attualità
Corato giovedì 13 febbraio 2020
di La Redazione
Re Cuoraldino, simbolo del Carnevale Coratino
Re Cuoraldino, simbolo del Carnevale Coratino © Pro Loco Quadratum

Tutto pronto per il 41esimo Carnevale Coratino, un'edizione ricca di celebrazioni con le numerose ricorrenze tra anniversari, temi storici e artistici e temi sull’ambiente. La manifestazione gode del patrocinio del Comune di Corato, dell’assessorato all’industria turistica e culturale - gestione e valorizzazione dei beni culturali della Regione Puglia, Unpli Puglia, Gal Le città di Castel del Monte.

Confermati i tre corsi mascherati con l’anteprima del Carnevale (domenica 16 febbraio) che vedrà protagonisti i gruppi privati in concorso tra performance di animazione lungo i corsi cittadini e in piazza Cesare Battisti. Le due grandi sfilate tradizionali invece si terranno nei giorni 23 e 25 febbraio con raduno e partenza da via Lama di Grazia per proseguire poi su via Aldo Moro, corsi cittadini e piazza Cesare Battisti per le performance finali. Cena con delitto ambientata negli anni Venti il 21 febbraio al Rocket King e spettacolo teatrale il 22 febbraio nell’auditorium dell’istituto scolastico Cesare Battisti.

La novità dell’edizione 2020 è il museo temporaneo del Carneval dedicato al carnevale pugliese e alle sue principali caratteristiche, grazie alla collaborazione delle Pro loco delle località in cui la tradizione del Carnevale è fortemente sentita. Il museo temporaneo vede la partnership delle Pro loco di alcune località in cui la cultura del carnevale è ben radicata: Manfredonia, Putignano, Gallipoli e ovviamente Corato. Il museo è stato allestito in piazza di Vagno, nell’edificio in cui una volta era ubicata la sede Enel. È promosso dalla Pro loco Quadratum che ha raccolto gli elementi fotografici, costumi, manufatti in cartapesta, videoproiezioni e informazioni dettagliate.

«Si ringrazia la famiglia Falco per aver concesso i locali per l’allestimento del museo» dicono dalla Pro loco. Il museo sarà inaugurato domenica 16 febbraio alle 19 e sarà aperto tutti i giorni dalle 18 alle 21 (esclusi giorni delle sfilate) e domenica 23 febbraio dalle 10. Le scuole potranno prenotarsi per visite guidate esclusive in orari mattutini.

Il programma

16 febbraio
Anteprima del Carnevale - Corsi cittadini e performance gruppi in piazza Battisti - Dalle 9 alle 13.30

16-25 febbraio
Museo del Carnevale - (locali ex Enel - piazza Di Vagno) - tutti i giorni dalle 18 alle 21 (chiuso in concomitanza delle sfilate del 23 e 25 febbraio)

21 febbraio
“Murder in The City” - Cena con delitto - Dress code anni 20 - Rocket King (prenotazioni al 392.3980556)

22 febbraio
Rappresentazione teatrale - “Io... Pinocchio” a cura della compagnia “Room to play” - Palestra scuola “C. Battisti” - ore 18

23 febbraio
Visite guidate al centro storico e al museo del carnevale a partire dalle 10 (su prenotazione)
Sfilata dei gruppi - Corsi cittadini e performance in piazza C. Battisti
Dalle 14.30

25 febbraio
Sfilata dei gruppi - Corsi cittadini e performance in piazza C. Battisti
Dalle 14.30

Concorso fotografico su www.prolococorato.it
Info e prenotazioni visite guidate: 080.8728008 - 333.8497742 - 368.7099065
info@prolococorato.it

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • fc ha scritto il 13 febbraio 2020 alle 11:52 :

    Mi preoccupo di segnalarVi che i carri potranno subire danni per via della strade con voragini o per evitare i rifiuti abbandonati. Per il resto divertitevi e non pensate ai problemi della città. Peggio di così non si può. Rispondi a fc

  • salvatore di gennaro ha scritto il 13 febbraio 2020 alle 07:56 :

    Come purista della lingua non posso non sottolineare, come sempre, il cozzo tra il desiderio di perpetuare le tradizioni culturali e la distruzione sistematica del nostro idioma. C'è, in questo, un misto di gioioso masochismo e di incoscienza infantile: ora tutti dicono così, ed occorre seguire ciò che fa la massa, influenzata dalla tv. Ed ecco perciò che al posto di "esibizione", tanto provinciale, ora si dice "performance", così stupidamente alla moda, e al posto di "gemellaggio", che sa di "Ottocento ammuffito", si scrive "partership". Il nostro è l'unico Paese al mondo, senza portone d'ingresso... Rispondi a salvatore di gennaro