Sabato scorso la cerimonia all'Itet

La Fondazione De Benedittis premia i ragazzi più meritevoli con quattro borse di studio

Come ogni anno la fondazione istituita da Luigi De Benedittis dona borse di studio per i migliori quattro studenti tra le terze di tutte le scuole superiori di Corato

Attualità
Corato mercoledì 12 febbraio 2020
di La Redazione
La Fondazione De Benedittis premia i ragazzi più meritevoli con quattro borse di studio
La Fondazione De Benedittis premia i ragazzi più meritevoli con quattro borse di studio © Niccolò Testino

Giorgia Mangano dell'Itet, Angelica Amenduni del liceo classico Oriani, Morena Fracchiolla dell'Ipc Tandoi e Luca Ignomeriello del liceo artistico Federico II. Questi i nomi dei quattro ragazzi che, sabato mattina, hanno ricevuto altrettante borse di studio da parte della Fondazione Luigi e Maria De Benedittis.

Nell'auditorium dell'Itet Tannoia (che ha ospitato per la prima volta l'evento) sono stati premiati i migliori quattro studenti tra le terze di tutte le scuole superiori di Corato.

La Fondazione è nata per volere di Luigi, agricoltore De Benedittis, agricoltore capace di eccellere nel proprio settore nonostante abbia interrotto gli studi alle medie, puntando su impegno, passione, forza di volontà e curiosità. Curiosità per il mondo della finanza che studiava andando a leggere in biblioteca i giornali specializzati e i libri dedicati all'argomento. L'acume e l'intelligenza l'hanno portato a utilizzare queste nozioni per mettere da parte denaro utile ad aiutare la famiglia e Maria, la sorella malata.

Il tema della premiazione è il "coraggio della solidarietà" e riprende l'impegno di Luigi De Benedittis nell'aiutare con donazioni ragazzi bravi a scuola ma in difficoltà nel sostenere le spese della loro educazione, fino a costituire la fondazione che porta il suo nome.

Durante la mattinata sono stati interpretati brani musicali e letture tratte dalla vita di personaggi noti per il loro impegno sociale come Steve Jobs, don Milani, Madre Teresa di Calcutta e Serenella Antoniazzi.

Lascia il tuo commento
commenti