Un incontro per illustrare il progetto regionale

Corato lungo “Le strade della fiaba”​. La tappa è all’istituto “Imbriani-Piccarreta”

Oggi un incontro per la presentazione del progetto, cui parteciperanno Laura Marchetti, docente di Didattica delle Culture dell’Università di Foggia​ e Aldo Patruno, direttore del Dipartimento Turismo e Cultura della Regione

Attualità
Corato lunedì 13 gennaio 2020
di La Redazione
Corato lungo “Le strade della fiaba”​
Corato lungo “Le strade della fiaba”​ © n.c.

«Un’occasione di formazione e crescita, un vero e proprio laboratorio di idee». Lo afferma Grazia Maldera, dirigente scolastico dell’istituto comprensivo “Imbriani-Piccarreta”, in vista dell’appuntamento di oggi che mira a divulgare e sostenere il progetto interregionale “Le strade della fiaba”

Corato diventa una delle “tappe” di riferimento per la realizzazione del progetto scientifico che attraversa Puglia e Basilicata, realizzato secondo il modello già consolidato della “Deutsche Märchenstrasse” (la “strada tedesca delle fiabe”).

Oggi alle 16 l’Istituto comprensivo “Imbriani- Piccarreta” ospita un incontro per la presentazione del progetto, cui parteciperanno la professoressa Laura Marchetti, docente di Didattica delle Culture dell’Università di Foggia e ideatrice del progetto, e Aldo Patruno, direttore del Dipartimento Turismo e Cultura della Regione Puglia. Il convegno coinvolgerà anche la dirigente scolastica del liceo Oriani, Angela Adduci. Il comprensivo “Imbriani-Piccarreta” fa già parte del progetto socio-pedagogico previsto da “Le strade della fiaba” e le due scuole puntano a una collaborazione proficua per poter fare rete tra loro.

Promosso dalla professoressa Laura Marchetti, il progetto - frutto di una prima fase di ampio studio scientifico - si snoda in ben dodici percorsi di un’unica via delle fiabe, distribuiti tra la Puglia e la Lucania. Musei, asili, ostelli, piazze, parchi e boschi saranno i luoghi in cui prenderanno vita vari eventi tesi alla valorizzazione del genere fiabesco come frutto di una coscienza collettiva che la tradizione orale tramanda nella storia, giungendo a noi in forma scritta. La riscoperta delle fiabe nostrane è un modo per tutelare l’identità culturale delle due regioni le cui radici affondano nelle storie di vita popolare, contadina e marinara: sono queste storie antiche, pagane e religiose a trovare nella fiaba il loro terreno fertile.

Tra le sottosezioni previste dal progetto, Corato è inclusa nel “percorso federiciano”(lungo 44 km) che comprende anche Castel del Monte. Non a caso Daniele Giancane, professore universitario di Letteratura per l’infanzia, a Corato ha trovato e studiato “La fiaba della gatta che si voleva maritare”. La città trova dunque la sua degna collocazione all’interno di questo progetto.

Grazia Maldera, dirigente scolastica della “Imbriani-Piccarreta”, apre le porte della scuola per approfondire e divulgare gli intenti di tale iniziativa e sostiene: «l’occasione, per la nostra comunità, è motivo di grande condivisione: un “contenitore” nel quale varie anime culturali e territoriali possano incontrarsi e confrontarsi e dove far convergere conoscenze, aspettative e peculiarità che il Sistema Puglia racchiude in sé».

Per ulteriori info sul progetto "Le strade della fiaba" https://www.facebook.com/lestradedellafiaba/ e http://www.regione.puglia.it/web/pressregione/pres...

Lascia il tuo commento
commenti