Un momento di forte aggregazione per i cittadini e i visitatori dei paesi limitrofi

Jò a jò, ci siamo: la grande pira è pronta per ardere. Il programma

Giovedì 12 dicembre si rinnova l’appuntamento in piazza Cesare Battisti per l’accensione della grande catasta di legna

Attualità
Corato martedì 10 dicembre 2019
di La Redazione
joajo
joajo © CoratoLive.it

L’edizione della jò a jò 2019 è alle porte: giovedì 12 dicembre si rinnova l’appuntamento in piazza Cesare Battisti per l’accensione della grande catasta di legna. Un momento di forte aggregazione per i cittadini e i visitatori dei paesi limitrofi. Si tratta di un’annata particolare nella quale si celebra l’inserimento e il riconoscimento nel registro regionale dei Riti del Fuoco.

Storicamente l’iniziativa è organizzata dalla Pro loco Quadratum con il patrocinio del Comune di Corato e dell’Unpli Puglia, cui da quest’anno si aggiunge anche quello della Regione Puglia, oltre alla collaborazione con il Pastificio Granoro e l’istituto alberghiero Oriani Tandoi.

Intorno al falò si svilupperà come sempre un percorso enogastronomico che consentirà di gustare i sapori della tradizione natalizia e i prodotti tipici locali. Non mancherà l’esposizione di manufatti realizzati dagli artigiani locali. Grande partecipazione anche dell’associazionismo locale: in prima linea l’unione italiana ciechi (Uici) - scelta per il particolare legame con Santa Lucia, protettrice della vista - cui spetterà anche quest’anno l’accensione del falò. Saranno presenti, inoltre, Unitalsi, Gocce nell’oceano, Amore a quattro zampe, Centro diurno Solidarietà, Fidapa, Adisco, Aido, Admo, Avis e Avo.

La serata sarà accompagnata dalla musica della Compagnia Aria Corte: un connubio ormai consolidato, quello della musica popolare con la jò a jò, tradizione ricca di folklore. Il gruppo nasce nel 1996 a Diso, un piccolo comune agricolo del Salento orientale di antiche origini messapiche. Il concerto è un concentrato dell’antica e travolgente “Pizzica - pizzica” e canti della tradizione Grika, canti d’amore, ballate contadine, tarantelle. Un viaggio nel mitico mondo della taranta ripercorso attraverso i ritmi più suggestivi della tradizione contadina del basso Salento e brani di propria composizione.

Il programma

Ore 18.00 Santa Messa in chiesa Matrice
Ore 19.00 fiaccolata lungo via Duomo e corso Cavour fino in piazza Cesare Battisti
Ore 19.30 accensione del falò
Ore 20.30 Concerto della Compagnia Aria Corte.

Si invitano gli espositori e attività commerciali a non utilizzare stoviglie in plastica, sostituendole con stoviglie biodegradabili.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 11 dicembre 2019 alle 12:55 :

    ...peccato che queste occasioni per ritrovarsi tra gente sana, siano poche... Se analizziamo la vita, un'inutile corsa tra ancor più inutili affanni, diamo valore a questi momenti di vero calore, e non solo allegorico, umano. Sempre ammirevolmente impegnata la Pro Loco, con Gerardo e i suoi validi collaboratori. Rispondi a salvatore di gennaro