L’incontro è aperto a tutte le associazioni di Corato

Le associazioni puntano a “fare rete”

L’appuntamento è fissato per martedì 12 novembre alle ore 18.30 nella biblioteca comunale “Imbriani”

Attualità
Corato sabato 09 novembre 2019
di La Redazione
La biblioteca comunale
La biblioteca comunale © n.c.

Tornano a riunirsi le associazioni che il 29 ottobre hanno manifestato l’intenzione di creare una rete associativa.

L’appuntamento è fissato per martedì 12 novembre alle 18.30 nella biblioteca comunale “Imbriani”.

La riunione servirà per parlare e incentivare il "desiderio" di Cultura nella nostra città, per sensibilizzare al recupero, la conservazione, la valorizzazione a la condivisione con l'obiettivo primario di far nascere una rete associativa.

L’incontro è aperto a tutte le associazioni di Corato.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 10 novembre 2019 alle 07:11 :

    Una postilla: ho sempre auspicato che l'entusiasmo che anima i vari sodalizi, specie se impegnati nel sociale, sfociassero poi in qualche modo in una estrinsecazione politica: è inutile infatti darsi tanto da fare se poi chi ha il dovere di accogliere le istanze sociali, è latitante. So che è un'utopia, ma io la penso così. Rimanendo in tema di politica, leggo che la destra, nei sondaggi, avanza. Ma quando solitamente, in una nazione, questo avviene? Per tre motivi: 1) rivendicazioni ad ingiustizie internazionali o territoriali; 2) disordini interni (classici sono questi primi due, i casi italiano e tedesco subito dopo la "Grande Guerra"); 3) abbandono, da parte della società o delle Istituzioni, del "senso" della Patria, in favore di un'apertura culturale e sociale cosmopolita. Rispondi a salvatore di gennaro

  • salvatore di gennaro ha scritto il 09 novembre 2019 alle 13:45 :

    Essendo io associato a tre sodalizi (Cicres, Arma Aeronautica, Mutilati, come retaggio di mio padre) comprendo la necessità di unirsi, per mirare ad obiettivi comuni. Incentivare il desiderio di cultura? Questo lo può fare solo la scuola, facendo capire quanto sia pericoloso e mortificante per l'ignorante dover sottostare, non avendo argomenti, a ciò che dicono e fanno gli altri. Rispondi a salvatore di gennaro

  • Vattin va ha scritto il 09 novembre 2019 alle 11:35 :

    L'obbiettivo è altro. Ca nesciune è fesse Rispondi a Vattin va