Il 20 ottobre

Con Legambiente alla scoperta dei calanchi

Continuano le attività di conoscenza del territorio, del paesaggio e della storia locale del circolo cittadino di Legambiente

Attualità
Corato sabato 12 ottobre 2019
di La Redazione
I calanchi lucani
I calanchi lucani © n.c.

Continuano le attività di conoscenza del territorio, del paesaggio e della storia locale del circolo cittadino di Legambiente. L’associazione organizza per il prossimo 20 ottobre un’escursione a Montalbano Jonico, in provincia di Matera. Di notevole impatto paesaggistico e naturalistico la presenza dei calanchi.

Montalbano è come adagiato nella splendida Riserva regionale dei Calanchi, prestigiosa area scientifica di studio geopaleontologico dai panorami mozzafiato, per questo motivo, valutata come una delle zone paesaggistiche più suggestive e spettacolari della Basilicata. Nello splendido scenario della Riserva regionale dei Calanchi di Montalbano Ionico si possono compiere coinvolgenti escursioni lungo itinerari a contatto diretto con la natura.

E’ possibile fare percorsi alla scoperta di scenari geologici e paleontologici irripetibili per lo studio del Pleistocene medio – inferiore, tra fossili di specie marine, risalenti a milioni di anni fa. Il colle montalbanese, posto sulle alture argillose, nell'intermezzo delle fertili vallate dell'Agri e del Cavone, è contornato da una variegata presenza naturalistica e faunistica, in particolar modo la lussureggiante area boschiva di Andriace e dei suoi nascosti tesori archeologici siti nella Fattoria magno-greca e nell'Archeparco; e la Pineta forestale di Cozzo Jazzitelli che domina le antiche vie della transumanza. Le profonde incisioni dei calanchi che degradano fino ai campi coltivati, contornati da boschetti di macchia mediterranea, pini e cipressi, disegnano paesaggi di grande suggestione, come spettacolare è il geosito di Tempa Petrolla, uno sperone isolato di roccia che si innalza in un mare di argilla, al confine con Pisticci e Craco. Vari sentieri e piste attraversano la Riserva dei Calanchi di Montalbano.

Particolarmente interessanti sono alcune mulattiere (le storiche appiett’), censite nella rete nazionale di “Sentiero Italia”, che da tempi remoti collegano il Centro storico ai terreni irrigui della Val d’Agri (i così detti Giardini) o si innescano sulle antiche vie della transumanza, già usate dai Greci e dai Romani. La storia di Montalbano Jonico s’interseca con la Magna Grecia e con la cultura ellenica. Durante l’ascesa dei romani questo borgo ha potuto beneficiare di una posizione privilegiata, essendo un punto di passaggio lungo le antiche vie della transumanza. Con la caduta dell’Impero Romano Montalbano Jonico ha seguito le sorti che hanno accomunato il meridione d’Italia: è stata dominata dai bizantini, dai normanni, dai francesi e dagli spagnoli.

Il programma della giornata: partenza Corato Via Lago dei Viti il giorno 20 ottobre nei pressi della scuola Tattoli alle ore 7. Arrivo ore 9 circa ed incontro con guide a Montalbano. Attraversamento del centro storico e visita guidata all'interno della riserva regionale dei calanchi con un percorso ad anello, lunghezza 5km circa, dislivello 200m, durata 3 ore circa. Ore 13 circa pranzo presso struttura ricettiva con menù turistico incluso nella quota di partecipazione all’escursione. Nel pomeriggio Ore 16 circa laboratorio sulla fauna con proiezione immagini da fototrappola presso Palazzo Rondinelli. All'interno del giardino del Palazzo sarà possibile osservare e cimentarsi nell'arte dell'incisione su lastre di metallo, a cura dell'artista Giuseppe Filardi. Rientro per le ore 21 circa.

La quota di partecipazione è di 30 euro per i soci e bambini fino ai dodici anni e 35 per i non soci Legambiente. La quota di partecipazione comprende: viaggio in autobus granturismo andata e ritorno, guide nel corso dell’escursione, pranzo presso struttura ricettiva con menù turistico bevande incluse. Si consiglia con abbigliamento outdoor con scarpe da trekking e kway.

E’ possibile anche tesserarsi a Legambiente per il 2020.

Per informazioni e prenotazioni: 3473165572,3683678208, 3464263936. Email: legambientecorato@gmail.com

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • carlo mazzilli ha scritto il 12 ottobre 2019 alle 16:27 :

    ma se non volete andare fino a montalbano jonico, potete visitare i calanchi che si trovano nelle strade cittadine, specie quelli nel quartiere barbaschello/giganti, ma non mancano anche in altri quartieri. delle vere e proprie gravine, dei canyon in cui si può fare trekking,spakking, squarting e stramurting ... ed io che pensavo che fossero delle semplici, antichissime, profondissime buche nell'asfalto... Rispondi a carlo mazzilli