Il presidente dell’antico Oleificio Cooperativo “I Tre Campanili” di Andria boccia duramente la molitura anticipata ritenendola un oltraggio al naturale decorso della maturazione delle olive che vanno raccolte nei mesi freddi

Molitura olive anticipata in Salento: «Contro natura la raccolta ad agosto»

«Il nostro territorio annovera la cultivar Coratina, riconosciuta anche per le sue proprietà terapeutiche. Dovremmo imparare ad abbandonare le politiche individualistiche e pensare di più a promuovere il nostro oro verde»

Attualità
Corato giovedì 29 agosto 2019
di Sabino Liso
Franco Guglielmi, presidente coop. I Tre Campanili
Franco Guglielmi, presidente coop. I Tre Campanili © AndriaLive.it

È di questi giorni la notizia della molitura in Salento delle prime olive ottenute da ulivi resi resistenti alla Xylella grazie all’innesto di piante malate con varietà resistenti di Leccino. Il clima, a detta dei produttori, avrebbe permesso una molitura anticipata.

La notizia è stata accolta favorevolmente da alcune associazioni di categoria, vedi Coldiretti. La novità ha però cominciato a raccogliere alcuni pareri contrari nel comparto olivicolo: per esempio Franco Guglielmi, presidente dell’antico Oleificio Cooperativo “I Tre Campanili” di Andria, che boccia duramente la molitura anticipata ritenendola un oltraggio al naturale decorso della maturazione dell’olivo.

«Se gli amici salentini colpiti dalla Xylella vogliono lanciare un messaggio di speranza al settore olivicolo hanno tutte le ragioni per farlo, ma non devono veicolare messaggi oltraggiosi: l’idea che si possa anticipare la molitura nel mese di agosto è una fandonia. Teniamo presente che in questo periodo è in corso la raccolta delle mandorle; è iniziata la vendemmia ed è contro natura pensare di raccogliere olive ad agosto proprio quando la pianta è in una fase necessaria di stallo. Con le prime piogge, quello che ci accingiamo a vivere è un periodo importantissimo per la formazione della polpa dell’ulivo»..

Per Guglielmi si tratta quindi di una cattiva sperimentazione: «Non esiste cultivar al mondo che può essere raccolta con temperature che sfiorano i 40 gradi, perché le olive vanno raccolte in periodi freddi».

L'ultima cultivar sperimentata in Salento, la “Favolosa”, si aggiunge alle oltre 500 cultivar italiane rispetto alle appena 5 cultivar della Spagna. Di cosa realmente ha bisogno il comparto per risollevarsi dalla crisi?

«Intanto - continua Guglielmi - vanno fatti degli studi e approfondimenti seri, cercando evitando di andare nella sola direzione della estirpazione e del reimpianto degli olivi. La materia va approfondita. Inoltre, tengo a precisare che il Salento non ha mai prodotto l'olio extravergine di prima qualità, ha sempre prodotto perlopiù olio lampante. Oggi ben venga se a causa della Xylella decide di puntare sulla qualità, ma lo si faccia tramite gli strumenti concessi attraverso il decreto governativo.

Non sottovalutiamo un problema atavico di cui soffre il mondo dell’olivicoltura: noi non riusciamo a fare sistema. Siamo stati bravi a recuperare i fondi per rispondere all'emergenza della Xylella e della gelata, seguiamo attentamente le problematiche del PSR, ma non ci preoccupiamo di rifare un programma serio di valorizzazione e di promozione del nostro olio di qualità, quello per intenderci prodotto solo nella Terra di Bari, nell’area compresa tra Monopoli e sino ad arrivare ad una parte del foggiano. Una terra, la nostra, che rappresenta il top nella produzione di olio extravergine di qualità. Gli olivicoltori di questo territorio fanno salti mortali per proteggere e conservare egregiamente le nostre campagne che si distinguono dalle campagne del Salento dove non sono mai state attuate buone pratiche agricole.

Il nostro territorio annovera la cultivar Coratina - conclude Guglielmi, riconosciuta anche per le sue proprietà terapeutiche. Un prodotto salutare distintosi anche in campo farmaceutico. Dovremmo imparare ad abbandonare le politiche individualistiche e pensare di più a promuovere e valorizzare adeguatamente il nostro oro verde».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 30 agosto 2019 alle 10:45 :

    Non si capisce cosa vuole. Se in salento hanno fatto la molitura agostana ed è andata bene non ha senso recriminare. Non si finisce mai di imparare. E poi le "buone pratiche" si seguono anche in Salento, inutile fare "guerre" intestine tra produttori. Rispondi a Franco