«L’amministrazione comunale deve rendersi conto che la zona Oasi di Nazareth-Torre Palomba è una realtà e che i suoi abitanti, residenti o stagionali, hanno diritto a essere ascoltati»

Zona Oasi, 4mila residenti riuniti in comitato: «Chiediamo servizi, non siamo cittadini di serie B»

«Non è possibile che chi abita qui debba essere dimenticato e sentirsi diverso da chi abita in centro» dicono. «Paghiamo le tasse, ma viviamo in un’area in cui mancano importanti opere di urbanizzazione»

Attualità
Corato giovedì 21 marzo 2019
di La Redazione
La zona Oasi di Nazareth-Torre Palomba
La zona Oasi di Nazareth-Torre Palomba © n.c.

«Paghiamo le tasse come tutti gli altri cittadini di Corato, ma viviamo in un’area in cui mancano importanti opere di urbanizzazione primaria e secondaria». Alzano la voce i circa 4mila residenti della zona Oasi di Nazareth-Torre Palomba che, dopo un incontro svolto il 1° marzo scorso, hanno deciso di riunirsi in un comitato per chiedere «di essere ascoltati e di avere strutture necessarie a un vivere civile. Non è possibile - dicono - che chi abita qui debba essere dimenticato e sentirsi diverso da chi abita in centro».

«Prima di iniziare, diamo i numeri!» scrivono i residenti in una lunga nota che spiega la loro situazione. «4.000 che, moltiplicato per 2, fa 8.000 ma che, probabilmente, farà anche 10.000. Di cosa stiamo parlando? Facendo due conti della “massaia” stiamo parlando di quattromila residenti nel cosiddetto quartiere Oasi di Nazareth-Torre Palomba. Così come stiamo tenendo conto, nel calcolo più o meno raddoppiato, di tutti quelli che, come da rituale ultradecennale, dalla tarda primavera agli ultimi caldi settembrini, si trasferiscono nelle seconde case di campagna. Omettiamo, però, quanti si spostano nella zona solo la domenica per assistere alla messa o invitati nelle numerose ville. Si tratta, quindi, di 1/5 degli abitanti di Corato che vivono, in forma permanente o solo per svernare, nel quartiere sviluppato lungo e attorno le tre grandi arterie extramoenia: Via Castel del Monte, Via San Magno, Via MaglioFerro.

Allora, non si tratta più di considerare l’ampio sobborgo sviluppato nell’agro coratino un’area residenziale in cui la gente vive, come monade a sé, in schiere di ville e basta. Qui si parla di equiparare i residenti della zona, concentrata attorno ai due importanti luoghi di culto, il Santuario Madonna delle Grazie e la Parrocchia Mater Gratiae, a tutti gli altri cittadini di Corato. Come questi, infatti, usufruiscono di diritti, eseguono i doveri del buon cittadino, sono contribuenti dell’erario comunale, pagano le tasse. Tuttavia, vivono in un’area in cui mancano importanti opere di urbanizzazione primaria e secondaria.

Basta scaricare da internet un qualsiasi elenco di queste opere, per rendersi conto di come ad un inurbamento dell’agro coratino non è seguito uno sviluppo completo dei servizi principali. Per esempio, è evidente a tutti quelli che percorrono la trafficatissima Via Castel del Monte la mancanza dei marciapiedi sostituiti, invece, da un sistema di grate non idonee per camminarci in sicurezza, in gran parte rovinate o mancanti.

Eppure c’è desiderio in moltissimi di raggiungere il paese a piedi o in bici così come, viceversa, c’è intenzione in tanti di camminare da Corato verso le chiese, molto frequentate, senza l’uso dell’auto. A partire da un ponte, assolutamente inabile al camminamento, e continuando con la mancanza di una sede stradale riservata al transito dei pedoni, di una pista ciclabile, di un’idonea illuminazione, di un’adeguata segnaletica stradale, di rallentatori, della formazione di pericolose buche nell’asfalto, ecc.., il rione extraurbano è condannato, così, a essere solo un “quartiere dormitorio”, da raggiungere se motorizzati. L’amministrazione comunale, allora, deve rendersi conto che la zona Oasi di Nazareth-Torre Palomba è una realtà e che i suoi abitanti, residenti o stagionali, hanno diritto a essere ascoltati ed avere strutture necessarie a un vivere civile.

Di questo e di altro ancora, come anche della necessità delle reti idriche ed energetiche (sempre seguendo la pianificazione del competente Ufficio Tecnico), si è discusso venerdì primo marzo, durante un incontro tra residenti della zona, riunitisi grazie all’invito di Don Antonio Maldera, parroco della chiesa Mater Gratiae. Motivo dell’assemblea è stato la creazione di un Comitato di Quartiere che faccia da punto di riferimento per le numerose famiglie e portatore delle proposte del grande rione ‘fuori città’.

All’incontro hanno partecipato in molti e tutti si sono accordati nel rivedersi con cadenza mensile, ognuno con la promessa di farsi portavoce della nascente iniziativa ad altri residenti non ancora informati, onde poter accrescere la voce dei cittadini. Don Antonio, da parte sua, continuerà a ricordare ai suoi fedeli le date dei meeting intenzionato com’è di creare, anche in senso laico e apolitico, una comunità riunita da stesse esigenze e soprattutto dalle medesime intenzioni di far crescere e, soprattutto, far “vivere” la borgata. Durante il ritrovo, infatti, questa è stata la prima impressione emersa dai partecipanti, quella cioè di voler uscire dalle proprie case, di camminare fuori dai propri cancelli, di muoversi in sicurezza e, soprattutto, di non sentirsi unità isolate ma parte di una grande collettività.

In proposito, Don Antonio ha sostenuto la volontà di fondare un centro di aggregazione, soprattutto per giovani e anziani, sottolineando che la popolazione del quartiere non è fatta solo di persone automunite che si spostano verso il paese. “Se il ruolo del parroco è quello di partecipare alla costruzione di un bene comune - ha spiegato - la Chiesa deve essere attenta ai segni dei tempi e deve investire energie dentro un contesto urbano in profonda trasformazione”. “Il ruolo dell’Amministrazione comunale, si è replicato, non può essere diverso: deve ascoltare le istanze della città che vede Corato non soltanto come città rigorosamente intesa, ma con la sua periferia molto estesa interessata da cambiamenti evidenti anche negli stili abitativi”.

Quello che si chiede è, infatti, di sostenere anche una scelta di vita fatta da chi ha voluto impegnare i propri risparmi nella prima casa in campagna che, se pur nasce dalla ri-scoperta di un rapporto con la natura (peraltro molto sentito per il coratino), non può prescindere dal diritto di avere condizioni abitative decorose e in sicurezza. Ciò che il Comitato raccoglierà, attraverso azioni di raccolta firma e altro, è domandare quanto è lecito avere, richiedere ciò che è prescritto come le opere di urbanizzazione necessarie per la fruizione stessa del quartiere, creare un punto aggregativo dove, per esempio, gli anziani possano trascorrere il proprio tempo libero, giocando a bocce o a scacchi, dove i ragazzi possano incontrarsi tra loro in una partita a pallacanestro, dove i bambini e madri possano sostare e giocare con giochi da esterno, dove anche i non residenti possano raggiungere e usufruire di questi spazi comunali.

“Non è possibile - si è evidenziato - che chi abita qui debba essere dimenticato e sentirsi diverso da chi abita in centro. Non esiste un’altalena, eppure la popolazione infantile qui è alta! Il servizio navetta ha poche corse e tra l’altro attraversa solo alcune strade principali non tenendo conto dello sviluppo urbano che da un anno all’altro si modifica. Una, tra le tante conseguenze, è che gli anziani (stranamente si pensa che nella zona residenziale abitano solo famiglie giovani!) se non automuniti devono dipendere da passaggi per andare in paese. Raggiungere a piedi la chiesa è un’impresa pericolosa per i ragazzi, senza marciapiedi e illuminazione. L’unica scelta, così, è l’auto o rimanere in casa”. “Qualsiasi amministratore comunale, senza distinzione di colore politico - si è continuato - deve capire che siamo parte della città. Inoltre, non si pensa che, confrontando Corato con i paesi limitrofi, avere una frazione in campagna con tanti residenti, costituisce un unicum, insomma, un modello abitativo ecologico che gli abitanti viciniori ci invidiano. Occorre però sostenere, ampliare, fare ciò che è giusto dare, sempre nel rispetto dell’habitat murgiano”.

Durante l’incontro, oltre a confrontarsi su questi temi, tutti hanno convenuto che la modalità di raccolta firme solitaria non ha mai sortito alcun effetto e che, invece, la determinazione a farsi sentire deve essere congiunta e ad ampio raggio. Tuttavia è emersa la necessità di costituire un piccolo gruppo di lavoro, per snellire l’operatività del Comitato, onde stendere un regolamento, avviare le pratiche necessarie alla costituzione formale, richiedere una sede stabile per il Comitato, come la appena restaurata Torre Palomba oppure il Centro Parrocchiale, ecc... Ed è così che già in cinque, tra cui Don Antonio stesso, si sono resi disponibili a tali compiti iniziali e comunque preparatori per il prossimo venerdì 8 aprile quando, sempre presso il Centro Parrocchiale, alle 20.30, si attenderà chiunque voglia partecipare tra i residenti del quartiere Oasi di Nazareth-Torre Palomba sviluppato non solo lungo le tre grandi strade prima menzionate.

Infine, il primo appuntamento ha lanciato anche un’idea per il futuro della città: la costituzione del Comitato di Quartiere può essere estesa a tutta Corato, adottando i residenti stessi il proprio spazio di paese. Chissà se accanto a #iovivoilmioquartiere.oasi sentiremo parlare, allora, di #iovivoilmioquartiere.cerasella oppure di #iovivoilmioquartiere.centro storico, ecc… Sarebbe davvero bello poi vedere uniti tutti i quartieri in azioni simultanee come quelle di abbellimento dei balconi o delle luminarie, così come si fa nella vicina Ruvo o città toscane. Magari, ma un passo alla volta. Così nasce il desiderio di una vita buona e felice per tutti. Così si inizia ad amare e curare il proprio paese: partendo dal tuo quartiere».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luigi OLIVIERI ha scritto il 22 marzo 2019 alle 14:30 :

    Zona Torre Palomba spesi € 600.000,00 per la riqualificazione della zona, ebbene lavori finiti, torre chiusa da anni e non di sa che farne, lampioni a iosa per 2 zone recintate con l’erba che cresce e nessuno che viene a pulire. Noi residenti credevamo in parchi con panchine e giochi per bimbi invece il nulla. Questo è il buon governo della città! Rispondi a Luigi OLIVIERI

  • Lucia dell Aglio ha scritto il 22 marzo 2019 alle 06:55 :

    Non posso non dirle che mi dispiace e allo stesso tempo che mi fa rabbia pensare che per cercare di ottenere ciò che spetta bisogna lottare, quasi elemosinare e aspettare anni. L'amministrazione dovrebbe essere al servizio della città. Non servirsi di essa. Le migliorie, i servizi, fanno crescere una città. Dobbiamo tenerci per tutti. Per il bene di tutti. Rispondi a Lucia dell Aglio

  • Costantino ha scritto il 22 marzo 2019 alle 05:21 :

    Cara signora Lucia, sono circa15 anni che lottiamo x la cessione delle strade al comune più illuminazione strade.Da zona via Andria a quella mercatale,un quartiere di circa8 mila anime.Finora dal comune2 di pikke. Rispondi a Costantino

  • Lucia dell Aglio ha scritto il 21 marzo 2019 alle 18:21 :

    Alcuni commenti sono davvero strani. Se qualcuno si muove per richiedere diritti spettanti a chi abita un determinato territorio, dovrebbe essere preso d'esempio. Anziché essere invitato adirittura a distaccarsi o a perdere la speranza...! Chiunque riconosca di trovarsi in condizioni simili si può invece attivare per attirare l'attenzione dell'amministrazione sui problemi o sui diritti non rispettati. E non si tratta di confronto. Semmai i vecchi amministratori dovrebbero spiegare perché tutto è fermo. Gli oneri di urbanizzazione appunto che destinazione hanno avuto... Rispondi a Lucia dell Aglio

  • nerdrum ha scritto il 21 marzo 2019 alle 16:07 :

    gioco delle tre carte di napoletana origine, da sempre utilizzato nella gestione del bilancio comunale. gli oneri (a 000, 0000, 00000) di urbanizzazione che questi signori hanno pagato, che fine hanno fatto? conosciamo il loro utilizzo? tutto qui. il resto è poesia. Rispondi a nerdrum

  • Costantino ha scritto il 21 marzo 2019 alle 12:58 :

    Vi lamentate voi?Per caso state scherzando? Perché non venite a Corato noi stiamo ancora più rovinati.Un consiglio? Distaccatevi dalla città sarebbe la cosa migliore. Rispondi a Costantino

  • MB ha scritto il 21 marzo 2019 alle 07:38 :

    Sicuramente è una bella e utile iniziativa. ..sono d'accordo con chi ha dato vita a tutto ciò.Io da molti anni avevo sperato che su nella zona oasi facessero addirittura un bel parco dove almeno la domenica venendo su a messa si potesse poi sostare li con amici e conoscenti ,e soprattutto d'state prendere una boccata d' aria fresca....ma nulla!!!Non voglio scoraggiare nessuno ma questa mi sembra un utopia...se penso e vedo come hanno ridotto Corato. .le vecchie amministrazioni. ....con il loro puro disinteresse per tutto. .tranne per i loro tornaconto. ...e vedo questo nuovo che vorrebbe avanzare. .mi vien da dire ""perdete ogni speranza " Rispondi a MB

  • salvatore di gennaro ha scritto il 21 marzo 2019 alle 06:43 :

    La vicina Ruvo o le città toscane sono abitate da ruvesi e toscani, ed è pleonastico fare degli accostamenti. Corato, e la sua gente, hanno una storia diversa, una formazione diversa. Credo che, riguardo ai marciapiedi, anche la disagevole posizione altolocata abbia contribuito a non rendere fattibile la loro costruzione, ma ciò non toglie che sarebbe un'ottima scelta crearli. Magari, prima, al posto di quella grande aiuola, vera cattedrale nel deserto. Quando vi sono delle rimostranze, rivolte quasi sempre all'Amministrazione, solitamente sono a "senso unico". Sarebbe utile quindi, per completezza d'informazione, intervistare la controparte (che per ora non c'è) ed ascoltare le sue risposte, le sue giustificazioni, i suoi rilievi sull'argomento, e poi pubblicare il tutto. Rispondi a salvatore di gennaro

    MB ha scritto il 21 marzo 2019 alle 14:57 :

    Lasciamo i rivedi ed i toscani li dove stanno ne abbiamo abbastanza di loro Rispondi a MB

    carlo mazzilli ha scritto il 21 marzo 2019 alle 11:44 :

    l'erba del vicino è sempre più verde. i ruvesi vengono a corato per ricrearsi e molto spesso anche per riprodursi, lamentandosi dell'aria mortifera che stagna sulla loro cittadina. i toscani vengono a corato per comprare l'olio, dato che tutto l'olio spacciato nel mondo per toscano e ligure in realtà viene prodotto a queste parti. e anche loro dicono "ma he bella hodesta hittadina hon il horso hirholare e anhe l'estramurale! he la mi dà una hoha hola hon la hannuccia horta? per hortesia?" Rispondi a carlo mazzilli