Ieri mattina

Progetto Erha, dalla Itel un passo deciso nella lotta ai tumori

Un investimento di quasi 15 milioni di euro per sviluppare nei prossimi anni il primo acceleratore lineare di protoni al mondo, che sarà prodotto dalla Newco Linear Beam srl​, spin-off della Itel

Attualità
Corato venerdì 15 marzo 2019
di Elena Albanese (riprese Francesco De Marinis)
Leonardo Diaferia di Itel
Leonardo Diaferia di Itel © RuvoLive.it

A dispetto della pioggia battente fuori, «oggi è una bellissima giornata». L'ha detto ieri mattina il coratino Leonardo Diaferia, fondatore e presidente dell'azienda ruvese Itel, che ieri ha presentato il nuovo spin-off dell'azienda, la Newco Linear Beam srl. Una struttura che si occuperà di sviluppare nei prossimi quattro anni, attraverso il progetto Erha (Enhanced radioterapy with hadrons), il primo acceleratore lineare di protoni per la cura di numerosi tipi di tumore, composto anche da un sistema robotizzato di movimentazione paziente e da un software per il trattamento in radioterapia.

Per farlo avrà a disposizione 14,9 milioni di euro provenienti dalla Banca europea degli investimenti per il tramite del Miur e del Fondo ricerca e innovazione (Rif) di Equiter, che si occupa di sostenere la ricerca e di generare innovazione nelle regioni del Sud Italia. Fra i tre al momento in atto, questo è il finanziamento più consistente.

«Oggi è il kick off, il calcio d'inizio di un percorso nuovo. Qualcuno ci ha intercettati, ha intravisto un progetto molto interessante che può avere degli sviluppi veramente inimmaginabili e ha deciso di investire tantissimo», ha proseguito Diaferia.

E al triplice fischio di questa importante partita, «io spero semplicemente che questa macchina sia immessa sul mercato, nelle mani giuste dei clinici, e che faccia realmente il lavoro per cui noi la stiamo realizzando, curare i tumori», ha concluso.

Lascia il tuo commento
commenti