Questa sera alle 19

Xylella, a che punto siamo? Oggi un convegno a San Domenico

Situazione attuale​, misure di contenimento e prevenzione sono i temi del dibattito introdotto dalla proiezione del cortometraggio Figli di Madre Terra, scritto e interpretato da Francesco Martinelli

Attualità
Corato mercoledì 13 marzo 2019
di La Redazione
Un ulivo colpito dalla Xylella
Un ulivo colpito dalla Xylella © n.c.

Situazione attuale della Xylella fastidiosa, misure di contenimento e prevenzione: sono i temi del dibattito introdotto dalla proiezione del cortometraggio Figli di Madre Terra, scritto e interpretato da Francesco Martinelli, che si svolgerà questa sera alle 19 nella parrocchia San Domenico.

«Il problema della Xylella va affrontato in maniera compatta dal punto di vista politico e da parte delle associazioni di rappresentanza del comparto olivicolo - ha dichiarato Tommaso Loiodice, presidente nazionale Unapol - le iniziative sinora messe in atto non sono riuscite ad evitare il diffondersi della fitopatia anche perché non si è pensato in primis di formare e informare gli agricoltori su come attuare le giuste pratiche colturali di contenimento, ivi compresa l’immediata eradicazione della pianta infetta, e che in alcuni casi possono rappresentare un aggravio di costi per la stessa azienda agricola.

Per ovviare all'estrema frammentazione fondiaria e semplificare la gestione degli interventi all'interno delle aziende di piccole dimensioni, si potrebbe pensare di affidare le operazioni alle Organizzazioni dei produttori o alle Cooperative. È importante precisare che le azioni necessarie a fronteggiare l'emergenza Xylella devono essere attuate con determinazione, fermezza e senza indugi. Ogni attimo perso si traduce in avanzamento del contagio. Non è più tempo di fake news e pseudoambientalisti».

Da queste considerazioni nasce la volontà di aprire i lavori con l’intervento di Ettore Zucaro, presidente del collegio periti agrari laureati della provincia di Bari e tecnico senjor della Opapol aderente ad Unapol e Pierfederico La Notte, ricercatore del Cnr.

«Che i contadini siano le sentinelle del creato è una verità incontestabile che attribuisce al comparto agricolo, se mai ce ne fosse bisogno, un ulteriore importanza, valore e ruolo, aggiunge Loiodice - quello di natura sociale, come emerge dall’enciclica Laudato sì di Papa Francesco e a darne un piacevole approfondimento sarà Don Gino Tarantini, parroco della chiesa San Domenico nelle cui storiche mura sono state girate alcune scene intense del cortometraggio “Figli di Madre Terra”».

Il cortometraggio, girato in Salento, nelle aree più colpite dalla Xylella, scritto e interpretato da Francesco Martinelli, direttore artistico del Teatro delle Molliche, diretto dal regista Michele Pinto con musiche di Antonio Molinini, parte dai fatti di cronaca per poi maturare la ferrea volontà di dare un contributo artistico rispetto ad un problema che affligge duramente i secolari e maestosi testimoni della storia della nostra terra.

A quasi un anno dal suo primo debutto ufficiale, voluto fortemente dal presidente Loiodice, presso il cinema Alfieri, il corto ha riscosso innumerevoli premi e successi sino a diventare autorevole messaggero della problematica tanto da essere divenuto testimonial ufficiale in diversi eventi pubblici di importanza nazionale.

«A mio avviso quello di questa sera, conclude Loiodice, nella scelta del luogo, dei relatori, dei mezzi di comunicazione è la sintesi perfetta ed ideale per approcciarsi alla problematica della pestilenza Xylella. Alla sensibilità e responsabilità contadina si unirà quella della comunità cristiana e della comunità artistica. L’augurio è che la cittadinanza colga la gravità del momento e senta la necessità di informarsi/formarsi per cercare di arginare la peste agricola del momento».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • maria ha scritto il 13 marzo 2019 alle 16:03 :

    comincia nel vivo la campagna elettorale..... Rispondi a maria