La protesta

Gilet arancioni in piazza a Corato: «Il collasso dell'agricoltura è il collasso della collettività»

Da questa mattina alle 8 gli agricoltori coratini con indosso i gilet arancioni si sono ritrovati ai piedi del Palazzo di città per dare vita a un presidio che si protrarrà sino alle 21 di stasera

Attualità
Corato lunedì 11 febbraio 2019
di La Redazione
Gilet arancioni in piazza a Corato: «Il collasso dell'agricoltura è il collasso della collettività»
Gilet arancioni in piazza a Corato: «Il collasso dell'agricoltura è il collasso della collettività» © Coratolive.it

In piazza per far valere le proprie ragioni. Da questa mattina alle 8 gli agricoltori coratini con indosso i gilet arancioni si sono ritrovati ai piedi del Palazzo di città per dare vita a un presidio che si protrarrà sino alle 21 di stasera.

Al centro della discussione c'è sempre la profonda crisi del settore, colpito dalla gelata del 2018 e dalla Xylella.

«Mai come quest'anno si è sentita la crisi del comparto che ha visto reddito zero per le azienda agricole» spiega Tommaso Loiodice, presidente Unapol.

«Con la manifestazione di oggi vogliamo sensibilizzare le comunità locali, perché qui il danno non è solo economico ma anche sociale. Il collasso dell'agricoltura è il collasso della collettività.

Abbiamo chiesto misure urgenti al governo, ma ci sentiamo presi in giro e sbeffeggiati. Chiediamo un decreto legge urgente, è l'unico modo per dare risposte concrete all'olivicoltura pugliese».

Com'è noto, per protestare contro i mancati interventi del governo a sostegno del comparto, i gilet arancioni saranno a Roma giovedì 14 febbraio.

«Avremo un confronto con la piazza e le istituzioni, poi ci dirigeremo a Montecitorio» sottolinea Loiodice.

Sempre oggi presìdi si terranno anche a Bitonto (dalle 7 con automezzi agricoli al Comune e assemblea nei locali del Palazzo di Città) e Ruvo (dalle 13 presidio con automezzi agricoli al Comune dove si terrà seduta monotematica del consiglio comunale alla 18). I sindaci di Bitonto e Ruvo hanno esposto sui balconi dei propri municipi un gilet arancione, simbolo della lotta degli olivicoltori.

Domani invece toccherà ad Andria (dalle 8 presidio con automezzi agricoli in piazza Vittorio Emanuele II), Bisceglie (dalle 17 alle 20 presidio con automezzi agricoli in piazza Vittorio Emanuele e a Palazzo di città) e Terlizzi (dalle 15 corteo di automezzi agricoli per raggiungere piazza Cavour dove si terrà una assemblea pubblica).

Giovedì 14 febbraio, invece, i gilet arancioni manifesteranno in massa a Roma, sono attesi migliaia di agricoltori che saranno guidati da numerosissimi sindaci.

«Sarà l’ultima chiamata per il governo che deve muoversi ad intervenire con due decreti legge d’urgenza e con risorse adeguate per affrontare l’emergenza - ha dichiarato Onofrio Spagnoletti Zeuli, portavoce dei gilet arancioni -. La situazione è diventata insostenibile, non aspettiamo più i tempi ed i giochetti della politica, la pazienza degli agricoltori è abbondantemente finita».

Lascia il tuo commento
commenti