Un coratino ai Talents 2019 dell’Accademia di Costume e Moda di Roma

Altaroma, in passerella gli abiti del designer coratino Giuseppe Maldera

Un viaggio tra gli anni venti ed i quaranta del secolo scorso, ricco di riferimenti artistici e ricami preziosi

Attualità
Corato domenica 03 febbraio 2019
di Ingrid Vernice
Giuseppe Maldera
Giuseppe Maldera © n.c.

Un’ode all’artigianalità made in Italy. Potremmo definire così la prima collezione di Giuseppe Maldera, designer coratino, che qualche giorno fa ha sfilato sulla passerella del Talents 2019 dell’Accademia di Costume e Moda di Roma nell’ambito della prestigiosa rassegna Altaroma.

Un traguardo importante per il talentuoso Giuseppe che da sempre coltiva la sua passione per il disegno, soprattutto in costume.

La collezione di Giuseppe Maldera si intitola "20. 40 Report" un viaggio tra gli anni venti ed i quaranta del secolo scorso, ricco di riferimenti artistici. Abbiamo avuto modo di scambiare qualche parola con il giovanissimo designer, classe ’94, per parlare con lui di moda, ispirazioni e progetti futuri.

Da dove nasce la tua passione per la moda?
Una passione che ho da sempre è quella per il disegno. Sin da piccolo disegnavo modelli soprattutto in costume anche se in passato non avevo mai preso in considerazione l’idea di diventare costumista o storico del costume. Dopo un anno di studio nella facoltà di lingue a Bari, ho deciso di lasciare e cominciare a lavorare con mio padre. Sono stati i miei genitori durante un viaggio a Roma a farmi conoscere l’Accademia di costume e Moda, una delle scuole più importanti al mondo per il settore moda. Dopo essermi informato ho deciso di provare il test di ingresso e l’ho superato. Avevo un background di moda molto limitato mal’Accademia mi ha dato l’opportunità di crescere molto e non solo a livello professionale.

Parlaci della tua vita in accademia.
Quello dell’Accademia è un ambiente meraviglioso, dove mi sono sentito subito accolto come in una grande famiglia. Essere un fuorisede ovviamente ti mette di fronte ad una serie difficoltà che si affrontano con uno spirito completamente diverso se sai di poter contare sul supporto di colleghi e professori. Sono stati tre anni intensi che mi hanno dato tantissimo nono solo a livello formativo ma soprattutto a livello umano.

Come sei arrivato ai Talent 2019?
A luglio 2018 ho partecipato alla selezione per il Talent con una collezione di abbigliamenti di circa 22 elementi che sono stati sottoposti al giudizio di una giuria esterna molto qualificata, composta da talent scout di grandi marchi come Valentino e Ferragamo. È stata un’emozione immensa solo poter conoscere personalità così di spicco nel mondo della moda. Alla fine sono anche stato selezionato e ho creato una capsule collection di sei capi che ha poi sfilato in passerella. Tutti i capi sono stati disegnati da me e realizzati con l’aiuto di una sarta; è stato bello confrontarsi con il processo di realizzazione ed avere la possibilità di visitare aziende dell’eccellenza manifatturiera italiana per scegliere i tessuti in prima persona.

Quali sono attualmente i tuoi brand preferiti?
Non ho un brand preferito in assoluto, ma mi piacciono alcuni pezzi o ispirazioni. Per esempio la direction di Gucci grazie al direttore creativo Alessandro Michele, un visionario in cui riconosco la mia passione per la storia del costume e la contaminazione di epoche diverse. A livello di immagine ammiro il direttore creativo di Balenciaga Demna Gvasalia, molto più street e undergroud . Nella mia visione personale mi piacerebbe unire i due stili. Se invece dovessi far un riferimento ad un’idea di femminilità sceglierei Yves Saint, con la sua donna dark e sexy allo stesso tempo.

Quali sono state le tue fonti di ispirazione per la collezione?
Ho iniziato a ragionare sulle mie passioni ed è venuta fuori una collezione abbastanza couture e strutturata nonostante tendenzialmente il mio gusto sia decisamente più streetwear. Il mio interesse personale per la storia del costume e per il cinema mi ha dato modo di creare una collezione caratterizzata dalla contaminazione, in cui forza ed eleganza sfociano nell'opposizione gender maschile e femminile. Le ispirazioni provengono dagli zoot degli anni 40 con abiti maschili e volumi oversize e dalle donne eteree delle ziegfeld folies degli anni 20 con tessuti leggeri e ricami preziosi, passando per le opere oniriche di Utagawa Kuniyoshi.

Cosa ti è mancato di più in questi anni lontano dalla tua città?
Sicuramente la famiglia ma anche lo stile di vita di Corato. Mi sono sempre trovato molto bene; è una città tranquilla dove non manca nulla, nemmeno il fervore culturale che negli ultimi tempi si è sviluppato notevolmente. Mi è dispiaciuto non aver partecipato al risveglio cittadino. La riapertura del teatro, le tante mostre e le rassegne culturali che negli ultimi anni hanno caratterizzato la città, dimostrano che con impegno anche la cultura può diventare un’attrazione per i giovani e non solo. Un augurio che vorrei fare alla mia città è quello di cercare di valorizzare maggiormente i talenti artistici.

Per il futuro cosa hai in programma?
Non penso di tornare in Puglia. Si fa una bella vita ma per il campo lavorativo che ho scelto non offre molte possibilità. Dopo aver avuto modo di conoscere le aziende durante vorrei fare esperienze nelle aziende della filiera nei settori ricamo o stamperia. Mi piacerebbe portare avanti anche la carriera di designer magari anche nel campo dell’accessorio. Con la prima collezione di Giuseppe Maldera si percepisce chiaramente la cultura storica del costume e le opposizioni. I richiami storici non abusati agli zoot degli anni quaranta ed alle ziegfeld follie degli anni venti, sfociano in una leggerezza palpabile, quasi materica, dalle forme decise e sinuose, impreziosita da pregiatissimi ricami. Un sontuoso piacere per gli occhi.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Gino Perrone ha scritto il 03 febbraio 2019 alle 20:52 :

    Complimenti!! Rispondi a Gino Perrone

  • M.G ha scritto il 03 febbraio 2019 alle 06:27 :

    Complimenti. ...Giuseppe. .un grandissimo in bocca al lupo per tutto...mia madre era una sarta..speciale ed esigentissima...tanti anni fa mi cucito un capospalla identico ai tuoi...se ci fosse ancora ti avrebbe fatto tanti complimenti. ...buona vita! Rispondi a M.G