A riflettere sul tema sarà l’associazione Harambè, grazie alla collaborazione con Arcigay Bari e Arcigay Bat

Come vivono le minoranze? Arcigay fa il punto su "Lo Stato dei Diritti"

Sabato 12 gennaio, alle 19.30, l’appuntamento è nella sede di via Giustino Fortunato 18

Attualità
Corato mercoledì 09 gennaio 2019
di La Redazione
Arcigay
Arcigay © n.c.

Quale è lo "Stato dei Diritti"? A riflettere sul tema sarà l’associazione Harambè, grazie alla collaborazione con Arcigay Bari e Arcigay Bat. Sabato 12 gennaio, alle 19.30, l’appuntamento è nella sede di via Giustino Fortunato 18: sarà presente Luciano Lopopolo, presidente nazionale di Arcigay.

«Quanto è importante oggi parlare di diritti? Tutti i diritti per tutte e tutti. I diritti civili, come diritti umani sono la sfida della contemporaneità e appartengono alla sfera di ciò che è inalienabile per l'individuo e ne rappresenta la base del concetto stesso di cittadinanza. Qual è la condizione delle persone Lgbt nei nostri territori? Quali livelli di civiltà ed integrazione riusciamo ad agire rispetto alle minoranze? Qual è lo stato dei diritti nel nostro Stato? A queste domande cercheremo di dare risposte durante l'incontro» scrivono gli organizzatori dell’incontro.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 09 gennaio 2019 alle 05:43 :

    Forse l'unico argomento che regge, per disinnescare l'anticulturale ed ancestrale avversione per tutto ciò che è "diverso", è l'evidenziare l'inconscia sensazione di avere un qualcosa che appartenga alla stessa sfera di quello che si vuole osteggiare. L'esempio più eclatante: i gay. Certo non si può usare se stessi come termine di paragone ma io, chiamiamolo eterosessuale, non vengo turbato affatto da questa tematica, né stupidamente scandalizzato. Purtroppo la Natura ci vuole tutti belli, sani, forti e "normali" ed emargina, se non deride, attraverso il comportamento dell'uomo, suo figlio prediletto, chi esce da questi canoni. Ribadisco infine un concetto: prima di parlare sempre e solo di "diritti", mi piacerebbe che si argomentasse sui "doveri" dell'uomo, sistematicamente trascurati. Rispondi a salvatore di gennaro