Cosa sono i diritti universali dell’uomo? Perché è importante parlarne e celebrarli?

“Riaccendiamo i diritti”: quattro ore di arte, musica e spettacolo

Domani, 13 dicembre, la serata si aprirà alle 19 con delle incursioni musicali e performative su via Duomo, via Roma e Piazza Sedile

Attualità
Corato mercoledì 12 dicembre 2018
di La Redazione
Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo © n.c.

Si chiama di “Riaccendiamo i diritti” la manifestazione che domani si inserirà nel programma delle attività pensate per celebrare il 70esimo anniversario della Dichiarazione internazionale sui diritti dell’umanità.

Cosa sono i diritti universali dell’uomo? Perché è importante parlarne e celebrarli? Come mai oggi tante persone, di ogni orientamento ideologico, confessione religiosa, credo politico e provenienza, avvertono tanta preoccupazione rispetto alla tutela dei diritti fondamentali? Qual è lo stato di salute dei diritti e della democrazia in Italia?

«Sono queste le domande che abbiamo rivolto agli studenti e alle associazioni culturali di Corato - scrive Daniela Maggiulli - chiedendo loro di formulare una propria risposta libera e originale, in termini poetici, performativi, teatrali, musicali. Tanto l’entusiasmo che abbiamo registrato, massiccia l’adesione dei ragazzi e delle ragazze delle scuole superiori, intenso e sentito l’impegno delle associazioni che hanno aderito, lavorando per settimane alla realizzazione di un vero e proprio evento comunitario che ha coinvolto tutti profondamente».

Il programma. Domani, 13 dicembre, la serata si aprirà alle 19 con delle incursioni musicali e performative su via Duomo, via Roma e Piazza Sedile.

Fra le vetrine natalizie dei negozi del centro storico si potranno incontrare le “statue dei diritti”, e mentre alcuni gruppi di studentesse metteranno in scena piccoli momenti di “animazione di fiabe” dedicati ai nostri concittadini più giovani, altre distribuiranno ai passanti dei doni poetici, “I Diritti come i fiori: più Belli se Vivi” e altri ragazzi gireranno nelle vie del centro, distribuendo le “Cartoline dei diritti”, un dono bello e importante da portare a casa e da condividere in famiglia. I più fortunati, ma solo pochi, potranno incontrare in qualche vicolo l’artista Ina Ripari che presenterà una performance dal titolo “Vengo da Riace”.

Dalle 20.00 la serata continuerà in piazza Abbazia, che avrà un aspetto diverso, molto festoso e pieno di umanità pulsante. Per l’occasione ospiterà un’istallazione su tela dal titolo “I tre portali di Riacee” teli di poesia visiva, a cura di Beatrice Capozza e “La casa della poetessa”. IF-In-Apulia insieme a Pietre Pizzute animeranno con proiezioni l’arco della piazza, raccontando i diritti e abbinandoli all’arte e alla fotografia, strumenti preziosi per parlare a cuori e menti.

Le associazioni Cicres e Harambè gestiranno la raccolta di doni per i bambini di Riace, Camini e comuni dell’accoglienza in Locride, iniziativa nata per sensibilizzare i bambini delle scuole elementari di Corato e poi estesa a tutta la cittadinanza attiva sensibile al tema. Ci sarà anche il contributo degli studenti del Liceo artistico, con distribuzione gratuita di segnalibri e adesivi su design originale che riprende il logo della manifestazione. Sono inoltre previsti alcuni banchetti di sensibilizzazione/promozione a cura di Filomondo e Migrantes Liberi di Andria, un’esposizione di stampe xilografiche dal titolo “We are all related” a cura dell’associazione “F. L. Tedone”, e un live writing curato da studenti e studentesse dell’Itet Tannoia, accompagnato dalle letture di pensieri di Uomini che hanno difeso con coraggio e ostinazione i Diritti dell'uomo.

In piazza si susseguiranno vari momenti di spettacoli dal vivo. Si comincia con i bambini dell’accademia La Stravaganza, che riempiranno la piazza di bellezza e di energia con i loro magnifici abiti africani e i ritmi esotici di feste lontane, diretti dal Spiff, maestro Nigeriano, e da poco anche Coratino; seguirà alle 20.30 una performance corpo e voce dal titolo significativo Ubuntu, a cura di Teatrifico 22 e scopriremo che in alcune culture si diventa esseri umani solo attraverso l'umanità degli altri; alle 20.45 circa cominceranno le danze popolari di Abracadanze, un momento comunitario di rara intensità in cui tutti i presenti saranno chiamati a comporre cerchi di esplosiva energia collettiva; alle 21.30 i ragazzi del liceo classico e dell’associazione Pietre Pizzute ci trasporteranno nell’antica Grecia, in un viaggio ideale nelle pieghe dell’anima tormentata di Antigone e di chi, come lei, si trova a scegliere fra la Legge di Stato e la Legge di Dio; seguiranno alle 22.00 musiche dal vivo, scelte e realizzate dai ragazzi dell’Ipc, che coinvolgeranno tutti i presenti su note e parole alla portata di tutta la piazza; la musica proseguirà con Luigi Palumbo e Pasquale Lamparelli, con lo spettacolo dal titolo “Suoni del Sud”, incentrato sul tema del viaggio e delle radici, comuni a tutti i popoli della terra, vicina e lontana.

La serata sarà chiusa da un intervento di arte relazionale con Enzo Correnti nei panni dell’Uomo Carta, che legherà spiritualmente e materialmente tutta la comunità di amici presenti nella piazza con lunghissime strisce di carta riciclata, simboli dei legami più veri e profondi fra gli esseri umani: l’amicizia, la solidarietà, la fratellanza.

L’organizzazione. «Sarà una grande festa che nasce dal basso da e per una comunità variegata, che non vuole smarrirsi di fronte all’inquietudine dei tempi che sta attraversando, e che ripropone il valore dell’umanità per ritrovare la bussola del buon senso, della giustizia sociale e della costruzione di un mondo più giusto, più unito e più sano» conclude Daniela Maggiulli.

Le riprese, gli scatti fotografici e la comunicazione social dell’evento sono curati interamente dagli studenti del liceo classico, con il coordinamento di Lella Povia e il supporto di Rossella Lopetuso.

La logistica è stata realizzata grazie all’impegno di Legambiente e Presidio Del Libro. L’intera cura della serata nasce da un’iniziativa del Punto Pace Pax Christi di Corato e dalla condivisione e dall’impegno delle associazioni aderenti a Rete Attiva.

Tutti gli appuntamenti della settimana sui diritti umani “Umanamente 70 anni dopo”, in cui la serata di “Riaccendiamo i diritti” si colloca, si avvalgono del patrocinio di Regione Puglia e Comune di Corato e della collaborazione degli sponsor.
Lascia il tuo commento
commenti