Nelle settimane scorse ha vinto un concorso per titoli grazie al quale è stato promosso ufficiale al grado di sottotenente e destinato quindi a ricoprire incarichi superiori

Promosso ufficiale, dopo 24 anni il comandante Pietro Zona lascia Corato

È stato il comandante più longevo della locale stazione dei carabinieri. Già lunedì inizierà a frequentare il corso presso la scuola ufficiali dell'Arma a Roma. Poi il Comando generale definirà la sua nuova destinazione

Attualità
Corato sabato 10 novembre 2018
di La Redazione
Il comandante Pietro Zona
Il comandante Pietro Zona © CoratoLive.it

Dopo 24 anni di servizio in città, il luogotenente Pietro Zona lascia il comando della stazione dei carabinieri di Corato.

Nelle settimane scorse il militare ha infatti vinto un concorso per titoli grazie al quale è stato promosso ufficiale al grado di sottotenente e destinato quindi a ricoprire incarichi superiori.

Già lunedì prossimo l'ormai ex comandante inizierà a frequentare il corso di sei settimane presso la scuola ufficiali dell'Arma dei Carabinieri di Roma. Subito dopo il Comando generale di Roma definirà la sua nuova destinazione.

Campano originario di Calvi Risorta (Caserta), classe 1966, Pietro Zona è stato il comandante più longevo della stazione dei carabinieri di Corato. Ha infatti preso servizio in città come vice comandante nel lontano 1994. Nel 2003 ha poi assunto il comando della stazione.

Doppia laurea in Scienze dell'amministrazione e Scienze politiche con indirizzo economico-giudiziario - quest'ultima con una tesi sul processo mediatico - sono numerosissimi i casi di cui Zona si è occupato nei tanti anni di servizio in città: centinaia gli arresti - tra i quali anche uno per riduzione in schiavitù una decina di anni fa - così come molti sono stati i blitz e i sequestri di sostanze stupefacenti. Si è occupato anche di omicidi, come quello recente del giovane albanese avvenuto in piazza Abbazia e il duplice assassinio di due marocchini risalente al 2010.

Nel giugno del 2017 è stato insignito del premio annuale "Comandanti di stazione", assegnato «per la meritoria attività svolta nel servizio d'istituto nell'anno 2016» dal Comando interregionale Carabinieri "Ogaden" nella caserma "Salvo D’Acquisto" di Napoli, in occasione del 203esimo anniversario dalla fondazione dell’Arma dei Carabinieri.

Nello stesso anno Zona ha ricevuto anche un encomio «per le complesse e prolungate indagini nei confronti di un'organizzazione criminale dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti che si sono concluse con l'arresto di dieci persone».

Dal 2013 è anche "Cavaliere al Merito della Repubblica", onorificenza conferita nella sala degli specchi della Prefettura di Bari con Decreto del Presidente della Repubblica.

Ora la stazione dei carabinieri di Corato, formalmente indicata come sede vacante, è retta dal luogotenente Teodoro Russo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • carlo mazzilli ha scritto il 11 novembre 2018 alle 19:24 :

    da un lato sono contento per il com.te zona, per il coronamento della sua carriera, per il prestigio di questa promozione, sicuramente meritata e guadagnata con onore sopratutto, abnegazione, professionalità. dall'altro mi dispiace per corato che perde una persona così meritevole. sono comunque convinto che chi prenderà il suo posto saprà farsi onore in maniera almeno altrettanto egregia. auguri al com.te zona, al suo successore e alla città di corato! Rispondi a carlo mazzilli

  • Gaetano BUCCI ha scritto il 11 novembre 2018 alle 14:17 :

    Mi associo al commento precedente. Il comandante Pietro Zona ha lavorato con grande impegno e professionalità. Forse grazie a uomini dell'ordine come lui Corato ha potuto affrontare momenti difficili per la sicurezza pubblica mantenendo ancora fiducia nella comunità e nelle istituzioni. Gli auguro ogni successo per il suo futuro professionale. Rispondi a Gaetano BUCCI

  • Marcello Mastromauro ha scritto il 10 novembre 2018 alle 17:12 :

    Un ottimo comandante!!! Una persona professionale e ligia al dovere!!! Stima assoluta!!! Tanti auguri comandante!!! Rispondi a Marcello Mastromauro