L’esperienza

Un coratino alla maratona di New York

Il 33enne Aldo Di Bisceglie: «Sono rimasto colpito dalla perfetta organizzazione, dall’atmosfera di grande festa e dal tifo incredibile della popolazione newyorkese»

Attualità
Corato venerdì 09 novembre 2018
di La Redazione
Un coratino alla maratona di New York
Un coratino alla maratona di New York © Aldo Di Bisceglie

Domenica scorsa, 4 novembre c’era anche un coratino tra i circa 60mila atleti alla maratona di New York.

Si tratta del 33enne Aldo Di Bisceglie che, insieme ai “colleghi” provenienti da tutto il mondo, ha partecipato alla prestigiosa corsa partita dal ponte di Verrazzano e arrivata a Central Park.

Di Bisceglie è giunto 802° tra i 3124 italiani in gara, dopo aver percorso la distanza di 42 chilometri e 195 metri in 3 ore 53 minuti e 59 secondi.

Un ottimo risultato se si pensa che in tanti hanno superato anche le sei ore o si sono ritirati prima di arrivare al traguardo. Colpito da crampi violenti intorno al 30° chilometro di un circuito con numerose salite e in una giornata piuttosto fredda, Di Bisceglie ha tenuto duro sostenuto dall’incoraggiamento dei parenti giunti anche da Corato.

Di Bisceglie - laureato alla Bocconi, sposato e residente a Milano dove lavora nel settore bancario - coltiva da poco questa passione per la corsa sulla lunga distanza. Tutto ha avuto inizio due anni fa partecipando ad una maratona nella metropoli lombarda in favore di bambini diversamente abili. E da allora non si è più fermato. La scorsa primavera ha preso parte alla maratona di Amburgo. Per la gara di domenica si è allenato per alcuni mesi percorrendo a giorni alterni la distanza di 30 km.

«Sono rimasto colpito dalla perfetta organizzazione, dall’atmosfera di grande festa e dal tifo incredibile della popolazione newyorkese» commenta ripensando a New York. Guardando avanti, sogna: «per il prossimo anno sto facendo più di un pensierino alla maratona di Tokio».

Lascia il tuo commento
commenti