​Domenica mattina, alle 12, la Santa Messa in Chiesa Matrice avrà “un valore” molto speciale

«Liberate padre Gigi»: in città si prega per il missionario rapito in Niger

Il sacerdote della Società Missioni Africane è stato a Corato nel mese di settembre 2009 per sensibilizzare la comunità rispetto alla questione della costruzione dei pozzi in Niger

Attualità
Corato venerdì 12 ottobre 2018
di La Redazione
padre Gigi Maccalli
padre Gigi Maccalli © n.c.

Domenica mattina la Santa Messa in Chiesa Matrice avrà “un valore” molto speciale: a partire dalle 12 si pregherà per la liberazione di padre Gigi Maccalli, missionario in Niger.

Il sacerdote della Società Missioni Africane è stato a Corato nel mese di settembre 2009 per sensibilizzare la comunità rispetto alla questione della costruzione dei pozzi in Niger. Padre Gigi, nella notte tra lunedì 17 e martedì 18 settembre, è stato rapito da presunti jihadisti attivi in Niger mentre era nella sua missione di Bomoanga. Ancora non è chiaro se il rapimento è ad opera di jihadisti - quindi, di matrice terroristica - o di una banda di ladri, forse attratti dal fatto che il missionario cremasco, rientrato in Niger da pochi giorni, potesse avere con sé denaro o viveri freschi.

L’Agenzia Fides, l’organo di informazione delle Pontificie Opere Missionarie che dà notizia del rapimento, riferisce che da qualche mese la zona del Niger dove opera padre Gigi “si trova in stato di urgenza a causa della presenza di terroristi provenienti dal Mali e il Burkina Faso. La Missione Cattolica dei Padri Sma si trova alla frontiera con il Burkina Faso e a circa 125 km dalla capitale Niamey. Il popolo Gourmancé è interamente dedito alla agricoltura e stimato in questa regione attorno a 30 mila abitanti. La Missione è presente dagli anni ’90, e i villaggi visitati dai missionari sono più di 20, di cui 12 con piccole comunità cristiane, distanti dalla missione anche oltre 60 km. La Chiesa cattolica in Niger sostiene fortemente che attraverso le opere sociali cresca il Regno di Dio ed è per questo che la Missione di Bomoanga ha un programma di impegno di Promozione Umana e di Sviluppo attraverso le sue cellule di base chiamate Csd (Comité de Solidarité et Developpement). La povertà è strutturale, i problemi di salute e igiene sono enormi, l’analfabetismo diffuso e la carenza di acqua e di strutture scolastiche ingenti. La mancanza di strade e di altre vie di comunicazione, anche telefoniche rendono la zona isolata e dimenticata”.

«Ottobre - scrivono dalla zona pastorale San Cataldo - è il mese missionario, è il momento per ricordare a tutti i credenti che si è in cammino all’interno della Chiesa e nel mondo, fatto di luoghi, di spazi ed esperienze di vita. Oltre alle attività di sensibilizzazione della varie parrocchie, quest’anno la comunità cristiana cittadina di Corato s’impegna a pregare per il missionario italiano padre Pierluigi Maccalli».

«Uniti nella preghiera vogliamo sensibilizzare tutta la comunità cristiana e i mass media - dichiara don Peppino Lobascio, vicario zonale - sull’evolversi della situazione, semplicemente parlandone. Intanto invitiamo tutti a pregare per padre Gigi. La nostra comunità cristiana è vicina a tutta la comunità religiosa della Sma e a padre Walter Maccalli, fratello di padre Gigi, nonché missionario nella stessa congregazione: non stanno vivendo un periodo facile come a padre Mauro Armanino, superiore in Niger, che è stato più volte nella nostra città e ci ha parlato in modo vivo ed acuto della sua trentennale esperienza di missio ad gentes, sia in Africa, che in sud America».

Una descrizione di padre Gigi scritta da padre Mauro Armanino
Ostaggio della missione. Pierluigi in mano ai rapitori di speranza nel Niger
«Era tornato da una settimana dall’Italia. Pierluigi Maccalli era da tempo ostaggio del popolo Gourmanché di questa porzione del Niger. Il villaggio dove operava dal 2007, Bomoanga, non è menzionato dalla cartine geografiche della regione. ‘Case sparse’, così possono essere definiti i pochi cortili di case di terra che osservano la missione dove abitava fino a lunedì scorso, il 17 settembre fino alle 22 ora locale. Ostaggio della missione che ha vissuto prima in Costa d’Avorio, in Italia per la ‘ri-animazione’ missionaria e poi nel Niger fino ad oggi. I contadini, invisibili ai più, di origine frontaliera, in parte aperti all’annuncio evangelico, sono i fattori che lo hanno legato a questa terra di sabbia. Lo diceva fin dall’inizio: in questa missione bisogna ‘durare’, se si vogliono cogliere frutti un giorno. Il primo frutto è lui.

Colto in camera, aperta 24 ore al giorno, per accogliere visite, ammalati e bisognosi di aiuto. Non era strano che quella notte qualcuno bussasse alla sua porta e che lui aprisse senza alcuna remora malgrado le tensioni esistenti nella zona. Si sapeva che gruppi armati si erano installati e molestavano la gente del posto, impreparata alle vicende legate al terrorismo. Fatalismo, distrazione, abitudine alla sofferenza e altri fattori rendono i contadini diffidenti e ancora più chiusi del solito. C’erano da qualche tempo gruppi di autodifesa, nati per contrastare la criminalità locale, ma nessuno immagina che una cosa lontana come il djihadismo possa infiltrarsi tra loro. Pierluigi era appena tornato e sapeva vagamente quanto stava accadendo nella zona.

Si sentiva come a casa sua. Si confermasse il rapimento nel tempo, si tratterebbe dell’ottavo ostaggio che il Sahel custodisce tra le sue sabbie mobili. L’ultimo in ordine di tempo è un operatore umanitario tedesco, rapito lo scorso aprile al confine col Mali, nella stessa grande zona dove operano i gruppi armati. Pierluigi si sentiva ostaggio della sua gente. Dei bambini ammalati che conduceva quindicinalmente in città e di quelli con problemi di cibo.

Ha organizzato evacuazioni internazionali per far operare quanti non potevano farlo sul posto. Ma era anche ostaggio dei giovani, degli adulti, delle famiglie, che da tempo aveva cominciato a riunire e accompagnare. Poi aveva costruito la ‘basilica’ come la chiamava lui. Giustificava questo appello perché era la chiesa dei poveri, i veri re della sua vita e allora la chiesa era la ‘basilica’ dei poveri. C’è dunque continuità tra le due situazioni. Già lui era ostaggio e adesso ciò lo si capisce ancora di più. Perché, in fondo, la missione non è altro che diventare ostaggi dei poveri e del vangelo. Proprio come ha fatto il Dio che aveva preso a ostaggio Pierluigi. La speranza si può forse rapire, portare altrove, imprigionare o abbandonare. Non più e non meno di tre giorni».

Lascia il tuo commento
commenti