​«Dio senza tempo e senza spazio, entra nel nostro spazio»

Il nonno diventa prete: undici coratini raccontano l'ordinazione di don Giuseppe Mangano

A condividere questo importante momento sono arrivati ben undici coratini: sono gli amici della parrocchia di San Giuseppe che 50 anni fa vivevano insieme al nuovo sacerdote, all’epoca giovane seminarista, l’esperienza di oratorio

Attualità
Corato domenica 16 settembre 2018
di La Redazione
Il nonno diventa prete, il racconto dei coratini presenti all'ordinazione di don Giuseppe Mangano
Il nonno diventa prete, il racconto dei coratini presenti all'ordinazione di don Giuseppe Mangano © CoratoLive.it

«Dio senza tempo e senza spazio, entra nel nostro spazio». Ieri pomeriggio ha esordito così l'arcivescovo Marco Zuppi, durante la celebrazione in cui il coratino don Giuseppe Mangano è stato ordinato presbitero.

La sua storia, come molti ricorderanno, è arrivata sui giornali nei giorni scorsi. In tanti, con affetto, lo hanno chiamato “nonno prete”. Don Giuseppe ha 71 anni e vive a Bologna da mezzo secolo, è rimasto vedovo dopo un lungo e felice matrimonio ed ha deciso di vivere tutto il resto della sua vita consacrandosi a Dio.

CoratoLive.it lo ha raggiunto telefonicamente qualche ora prima della sua ordinazione. Dalla voce di don Giuseppe, allegra e squillante, arriva un “dettaglio” importante: «mia moglie sarebbe stata contenta. Da ragazzo sono stato in seminario per lunghi anni, prima al minore di Bisceglie e poi al maggiore di Molfetta. Oggi, dopo una vita trascorsa da dipendete Telecom, la mia vocazione trova pieno compimento».

Oggi celebrerà la prima messa nella parrocchia di San Pietro in Casale. Subito dopo un pranzo speciale: a condividere questo importante momento sono arrivati ben undici coratini: sono gli amici della parrocchia di San Giuseppe che cinquant'anni fa vivevano insieme al nuovo sacerdote, all’epoca giovane seminarista, l’esperienza dell'oratorio. Sono arrivati nella cattedrale di Bologna con le loro mogli perché hanno sentito il bisogno condividere con lui questo momento di gioia.

«Quella di ieri - raccontano - è stata una splendida celebrazione, molto gioiosa e con grande partecipazione di popolo. Stiamo vivendo una esperienza molto bella. Il fatto che undici persone si siano mosse da Corato per andare a cercare un amico che non vedevano da quarant’anni e forse più, è già un dato importante. Abbiamo conosciuto la famiglia di don Giuseppe, il figlio arrivato dall’America con i suoi ragazzi, e la sorella.

Abbiamo constatato accanto a lui un grande affetto, molto calore da parte dei parrocchiani che lo accolgono nel luogo in cui svolge il suo ministero. Non era l’unico nonno: durante la stessa celebrazioni sono stati ordinati altri tre diaconi fra cui un altro che, come don Giuseppe, in precedenza era stato sposato.

Straordinario anche il vescovo sia durante l’omelia che nel resto della messa, capace di essere anche informale e scherzoso.

Mons. Zuppi ha augurato ai nuovi presbiteri di vivere gioiosamente l’alterità e il servizio ai fratelli citando anche una frase di Alda Merini: “solo l’abbraccio con l’altro rende l’uomo intero, cioè se stesso”. Il Duomo gremito, con la gente seduta anche per terra pur di partecipare alla celebrazione, è già una grande testimonianza».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Cataldo Ferrara ha scritto il 16 settembre 2018 alle 13:11 :

    Non si offendino i sacerdoti Coratini e tutti gli altri in generale. Ma vedere un uomo che riceve il sacerdozio a 71 è straordinario, perché dimostra tutta la sua maturità, la sua volontà di mettersi al servizio di Dio e della Chiesa in ogni suo aspetto, cosa che invece un giovane seminarista che poi diventa sacerdote non ha nelle due membra. Francamente confessarsi con don Giuseppe è molto diverso che farlo con un sacerdote giovane e senza esperienza. Non è una polemica e neanche voglio contraddire il volere del Signore, ma la penso un quadro modo. PUNTO Rispondi a Cataldo Ferrara

  • Vincenzo Quinto ha scritto il 16 settembre 2018 alle 09:49 :

    Bellissima Storia!!!!!!! I miei piu sinceri complimeti e auguri per tutto il meglio! Rispondi a Vincenzo Quinto