​La segreteria del Centro diurno per le demenze Villa Anita è a disposizione per fornire tutte le informazioni necessarie ed anche per fornire assistenza in fase di presentazione delle domande

Pazienti affetti da demenza, come fare per richiedere il sostegno della Regione Puglia

Nei casi di maggiore difficoltà economica il sostegno della Regione Puglia può arrivare a coprire il 100% della quota sociale della retta dei centri specializzati, al netto di una franchigia di soli 50 euro mensili

Attualità
Corato sabato 15 settembre 2018
di La Redazione
La prima edizione delle
La prima edizione delle "Giornate d’Autunno" © Villa Anita

Si chiuderanno alle 12 del 30 settembre i termini per presentare alla Regione Puglia, per il tramite del portale Puglia Sociale, le domande di sostegno economico al pagamento della retta mensile per la fruizione dei Centri Diurni per le Demenze iscritti al Catalogo Regionale.

Lo rende noto Villa Anita, il centro diurno per le demenze di Terlizzi convenzionato con la Asl Ba, che ricorda che alla domanda devono essere allegati tutti i documenti necessari, a cominciare dall’Isee in corso di validità. Grazie al sostegno della Regione Puglia anche le famiglie con un reddito basso e/o una capacità di spesa molto limitata possono usufruire dei servizi del centro diurno: nei casi di maggiore difficoltà economica il sostegno della Regione Puglia può arrivare a coprire il 100% della quota sociale della Retta, al netto di una franchigia di soli 50 euro mensili.

«Due terzi dei nostri pazienti usufruiscono dei cosiddetti Buoni di Servizio della Regione Puglia con percentuali di contribuzione che arrivano anche all’80% della quota sociale» fanno sapere dalla Direzione di Villa Anita «e dunque solo un terzo sostiene in proprio la spesa della quota sociale della retta, a dimostrazione del fatto che chiunque può usufruire del Centro Diurno».

La segreteria del Centro Diurno per le Demenze Villa Anita è a disposizione per fornire tutte le informazioni necessarie ed anche per fornire assistenza in fase di presentazione delle domande tramite la piattaforma informatica.

Nel frattempo procedono sempre al meglio le attività del Centro: la qualità degli interventi, testimoniata dai riscontri obiettivi e dai feedback dei famigliari dei pazienti, si affianca alla rigorosità dei criteri scientifici con i quali il Centro Diurno Villa Anita (sotto la direzione attenta del prof. Paolo Livrea) assolve ai proprio compiti diagnostici e clinici: «qualità e quantità devono sempre viaggiare insieme» precisano i responsabili di Villa Anita «vogliamo essere d’aiuto a tanti ma senza perdere di vista l’importanza della personalizzazione di ciascun intervento».

Proprio nei giorni scorsi si è tenuta la prima edizione delle "Giornate d’Autunno" e, alla presenza di oltre duecento partecipanti, si è discusso delle modalità innovative di intervento nel campo delle demenze.
Lascia il tuo commento
commenti