A Bari

Inaugurata la Fiera, la prima volta di Casillo: «Avanti con concretezza, coerenza e responsabilità»

Il presidente del Consiglio Conte ha inaugurato questa mattina la 82esima edizione della Campionaria. Con lui Pasquale Casillo, neopresidente e primo coratino alla guida dell'ente: il suo discorso integrale

Attualità
Corato sabato 08 settembre 2018
di La Redazione
Pasquale Casillo inaugura a Bari l'82ma edizione della Fiera del Levante
Pasquale Casillo inaugura a Bari l'82ma edizione della Fiera del Levante © n.c.

«Questo evento rappresenta da sempre uno dei più importanti appuntamenti italiani. Sono lieto di inaugurarlo sia da presidente del Consiglio che da pugliese». Giuseppe Conte ha inaugurato questa mattina l’82ma edizione della Fiera del Levante.

Il presidente del Consiglio è giunto tra i viali della Campionaria dopo la cerimonia della posa simbolica della prima pietra del nuovo stabilimento Blackshape Spa. «Gli imprenditori devono destinare parte cospicua delle risorse in innovazione, vale per tutte le realtà imprenditoriali, ancora di più per queste realtà specialistiche» ha dichiarato nell’area all'interno dell'aeroporto di Bari. E l’attenzione alle imprese è stata ribadita nel discorso di apertura della campionaria. «La forza delle nostre imprese potrà aiutarci a produrre quelle risorse di cui abbiamo bisogna per un paese più giusto, più forte, più inclusivo. Noi vogliamo aiutare chi intraprende per creare ricchezza, per se stesso e per gli altri», ha dichiarato il capo dell’esecutivo.

«Sul piano della fiscalità non posso anticipare i dettagli della manovra economica» ha aggiunto, «ma siamo consapevoli che le prime vittime dell’incertezza delle prospettive sono gli operatori e le imprese. Infrastrutture: sono state pesantemente trascurate durante l’austerity. Vogliamo riammodernare il sistema delle infrastrutture, vogliamo remunerare gli investimenti dei privati, invitiamo i privati a inserirsi in una logica del bene comune ma vigileremo affinché nessuno lucri sui beni pubblici».

«Questo governo pensa molto al Sud – ha assicurato Conte -, vogliamo fare del Mezzogiorno il laboratorio di un nuovo intervento pubblico in economia. Stiamo studiando gli elementi più efficaci. Vogliamo favorire le giovani start up, servono infrastrutture fondamentali. Vogliamo lavorare sull’alta velocità, potenziando il trasporto regionale. Vogliamo migliorare l’utilizzo dei fondi europei. Stiamo lavorando a una task force per poter avere una sollecitazione ulteriore all’utilizzazione dei fondi che a volte ci sono ma non sappiamo utilizzarli. Dobbiamo far partire il porto di Gioia Tauro, contrastando il caporalato e la criminalità organizzata».

Le domande di Emiliano
«Niente sogni, niente progetti. Niente giovani, niente nuovi nati, niente nuove imprese, persino niente calciatori, da sempre l’alternativa per chi non ama troppo lo studio. Le aziende italiane pubbliche e private all’asta, salvate da fondi di investimento o da oligopolisti che si appropriano degli asset strategici della nostra industria, come nel caso dell’Ilva, imponendoci condizioni capestro sul lavoro e sulla salute». L’attualità il punto di partenza del discorso di Michele Emiliano.

«Non ci sono grandi progetti. Abbiamo smesso di pensare in grande. Non si azzarda e non si manutiene, come accade nelle case degli anziani depressi, che non aggiustano la finestra rotta perché sanno di non avere eredi che proseguiranno i loro sogni» ha aggiunto il presidente della Regione.

Da qui le domande rivolte a Conte: «Qual è il progetto di paese che emerge dal contratto di governo che pure ho giudicato in parte positivo nella misura in cui coincide con il programma di governo della Puglia? Come restituiremo alla generazione successiva la speranza e il desiderio di faticare per costruire un’Italia migliore? L’unica cosa che li motiverà sarà la nostra rassicurazione che ci occuperemo solo di italiani e non di migranti? Lei pensa che sia sufficiente a bloccare la fuga dall’Italia degli italiani?».

Decaro: «Palazzo di giustizia inagibile ma in città 16 clan mafiosi»
«Quale voce usiamo noi politici?» ha chiesto, invece, il sindaco di Bari, Antonio Decaro. «È purtroppo una voce cinica, volgare, che aizza la rabbia dei singoli, che crea muri tra le persone, che fomenta guerre tra poveri. Una voce che soffia ogni giorno sulle paure e sugli egoismi. E non a caso spesso noi politici ci vantiamo di parlare alla “pancia” dei cittadini. Io penso invece che sia nostro dovere tirar fuori la nostra voce migliore, e provare a smetterla di parlare alla pancia e ricominciare a parlare alla testa dei cittadini. E se possibile al cuore. Per rispetto nei loro confronti e per rispetto anche della nostra funzione».

Decaro ha posto all’attenzione del capo dell’esecutivo la questione del Palazzo di Giustizia in via Nazariantz, dichiarato inagibile, in una «città dove 16 clan mafiosi sgomitano ancora per il predominio del territorio, per questa terra, dove una signora anziana viene uccisa all’alba per sbaglio nel centro storico di Bitonto, e per questo distretto, alle prese con la mafia garganica e con la piaga del caporalato che nell’arco di pochi giorni ha ucciso 16 lavoratori stranieri».

«Eppure – ha aggiunto Decaro - da metà maggio 650 operatori e migliaia di cittadini sono stati privati del luogo in cui si amministra la giustizia. Di fronte a un’emergenza di carattere nazionale come questa ci saremmo aspettati una forte unità di intenti. Invece, signor presidente, il ministro della Giustizia ha avuto parole ingenerose nei riguardi del sindaco, definendomi “irresponsabile” per aver firmato un’ordinanza che proroga i termini dello sgombero del palazzo che ospita il Tribunale penale. Un giudizio pesante, da togliere il sonno, anche se, del resto a Bari, sin dal 1991, siamo abituati a ricevere, da parte delle massime cariche dello Stato, espressioni amare e inopportune sull’operato dei sindaci».

Nel discorso del sindaco anche il riferimento alle periferie. Avrebbero bisogno di nuovi fondi, e invece ci si «blocco dei fondi - sottolinea Decaro - deciso di recente con un emendamento notturno in Senato possiamo scegliere di raccontarlo in due modi».

Da qui l’appello a Conte: «Confido in Lei, presidente. Ci dia una mano a ripristinare quel finanziamento. Ci dia una mano a far nascere e crescere quelle piazze dove le persone imparano a conoscersi, a stare insieme e a fidarsi le une delle altre. Quelle piazze dove possiamo provare a ricostruire la fiducia nelle istituzioni. Ricucendo le ferite, tessendo una trama delicata e stando vicini. Per provare, gradualmente, a mutare la diffidenza in reciproca collaborazione».

La Nuova Fiera pronta alla sfida
Un Sud che chiede di essere ascoltato, quello dell’82ma edizione della Fiera del Levante, ma anche pronto a dir la sua in chiave di innovazione e sviluppo.

«Siamo ad uno snodo fondamentale» ha sottolineato Pasquale Casillo, neopresidente e primo coratino alla guida dell'ente. «Nel nostro paese abbiamo deciso di risolvere cancellando il tema del meridionalismo: dobbiamo ridare dignità a questo tema su basi nuove, propositive, coerenti, eliminando ogni forma di piagnisteo. Ognuno deve fare la sua parte per la soluzione di un problema che è un problema dell’intero paese».

«Concretezza, coerenza, sistema e responsabilità saranno le parole chiave per raggiungere gli obiettivi - ha aggiunto -. Saranno questi i concetti chiave ai quali ispireremo l’azione di questo ente, cercando di recuperare e rinsaldare il valore simbolico che esso ha assunto in più di ottant’anni di storia in materia di sviluppo economico, culturale e sociale del nostro meridione d’Italia».

E la rinnovata Campionaria è pronta. «Stiamo lavorando per ritagliare alla Fiera un ruolo nel panorama nazionale e internazionale. Stiamo lavorando affinché la Fiera diventi un polo di attrazione aperto tutto l’anno, di identità e offerta del Mediterraneo» ha aggiunto Alessandro Ambrosi, presidente della Nuova Fiera del Levante.

Il discorso integrale di Pasquale Casillo

«Come sarà noto ad alcuni di voi, la mia nomina alla presidenza delle Ente Autonomo Fiera del Levante è recentissima. È un grande privilegio per me poter restituire al mio territorio, col mio impegno, una piccola parte di quanto - sempre - un territorio offre ad un’impresa che si afferma. La nomina giunge al termine di una gestione commissariale, che si è occupata prevalentemente del risanamento finanziario dell’Ente.

Il sostanziale conseguimento dell’obiettivo di risanamento, consente oggi all’Ente di riprendere il proprio cammino ordinario, ripristinando - a partire dalla presidenza - tutti gli organi statutari, in conformità ad uno statuto che pure è stato rivisitato, anche in virtù del fatto che l’ente autonomo, in forza della legge regionale n.2 del 2009, non possa svolgere attività commerciali quali, l’organizzazione di manifestazioni fieristiche. Si è pertanto proceduto ad affidare tale attività ad una società concessionaria, la Nuova Fiera del Levante Srl, la cui compagine sociale è composta dalla Camera di Commercio di Bari che ha una quota dell’85% del capitale e dalla Bologna Fiere Spa, che ha una quota del 15%. Quella che – Presidente Conte – inaugurerà fra qualche minuto sarà la prima Edizione della Fiera del Levante organizzata dalla menzionata società concessionaria.

Potrebbero sembrare dettagli, ma a mio parere sono elementi di contesto, indicativi del percorso articolato che è stato seguito in questi anni.

All’Ente statutariamente competono obiettivi molto rilevanti che, a partire dalla valorizzazione del quartiere fieristico, favoriscano

  • la promozione commerciale delle nostre imprese,
  • la loro internazionalizzazione,
  • la circolazione di idee, informazioni, innovazioni e persone,
  • i processi di innovazione in campo commerciale, gestionale, organizzativo e tecnologico
  • la nascita e lo sviluppo di imprese e di iniziative basate sull’economia della conoscenza e della creatività;
  • la promozione dell’arte e della cultura.

Se posso provare a sintetizzare, stiamo parlando di competitività e di benessere. E se posso aggiungere un ulteriore commento, esimio presidente Conte, se parliamo di competitività vuol dire che abbiamo accettato la competizione. Non è così banale in certi contesti territoriali. Lei lo sa, essendo come noi un uomo del sud.

Ovviamente, ma questa è anche l’aspettativa di coloro che mi hanno affidato il mandato, metterò a disposizione la mia esperienza, le mie conoscenze, ma anche il mio approccio ai problemi frutto della mia professione di imprenditore. E vi posso assicurare che dopo quelle di primo ministro, di presidente della regione e di sindaco metropolitano, la professione di imprenditore è sicuramente tra le più difficili.

Rispetto ai citati obiettivi, che sono talmente importanti ed ampi da apparire quasi irraggiungibili, ho riflettuto profondamente, giungendo ad individuare dei concetti e delle parole chiave. Si tratta di una metodologia espositiva ormai consolidata, quella delle parole chiave, ma che pur non originale mi sento di adottare, in quanto molto efficace.

Dicevamo parole chiave. Le parole chiave che ho individuato sono: CONCRETEZZA, COERENZA, SISTEMA e RESPONSABILITÀ.

Partiamo dalla concretezza: è ovvio che l’analisi del contesto e l’elaborazione strategica siano fondamentali. Tali attività le condurremo (e non sto usando il nos maestatis) con grande impegno e grande rigore, perseguendo il miglior risultato possibile in termini di partecipazione e di condivisione. Però l’ambito nel quale ancor di più dovremo dimostrare la nostra adeguatezza al compito sarà quello di una efficace realizzazione delle azioni strategiche. Si tratta di riuscire a tradurre in atti concreti e risultati tangibili un disegno strategico. È questa la principale sfida che raccolgo e che raccoglieranno con me tutti i componenti della squadra in via di costituzione. È questo il focus principale che non dovrà mai essere perso di vista.

Passiamo alla coerenza, da me intesa in questo ambito non in senso morale, ma in senso tecnico, quale sinonimo di sintonia e di sincronizzazione. Il mondo è cambiato profondamente. La trasformazione digitale ha già trasformato le nostre vite, a partite dai valori di ciascuno di noi, ma posso assicurarvi da appassionato delle nuove tecnologie, che stiamo vedendo solo la punta dell’iceberg, in quanto sarà ancora enorme l’impatto dell’innovazione tecnologica sugli stili di vita, sui modelli di consumo e conseguentemente sui modelli produttivi e distributivi di beni e servizi. La comprensione quanto più profonda e tempestiva delle evoluzioni in corso, ma soprattutto la rapida e continua riconfigurazione delle proprie azioni per restare coerenti al contesto, sono una chiave fondamentale nella competizione odierna. Quindi la coerenza è l’obiettivo, la capacità e volontà di riconfigurarsi continuamente, lo strumento. Peraltro, e questo è un aspetto particolarmente interessante e gratificante, la diffusione ed il consolidamento di simili consapevolezze nel tessuto delle imprese, è uno degli obiettivi dell’ente che presiedo.

Sicuramente essere coerenti ci porta alla successiva parola chiave: sistema. Innanzitutto una riflessione di carattere generale: nel mondo continuamente connesso, sono state abbattute o ridotte gran parte delle barriere spazio-temporali. Ciò ha determinato che in ogni ambito di interazione umana, siano aumentate a dismisura le variabili in gioco ed il numero di possibili interazioni tra variabili. In teoria dei sistemi, parleremmo di sistemi ultra-complessi, che sono quelli che evolvono in condizione di massima incertezza ed imprevedibilità. Tutto oggi è sistemico. In cosa può esserci utile un’analisi del genere, a prima vista addirittura banale? Serve a comprendere un concetto fondamentale, non altrettanto banale: le problematiche sistemiche esigono soluzioni sistemiche. Nei contesti sistemici, le soluzioni parziali e localizzate non funzionano e ciò non fa altro che aumentare la complessità delle soluzioni. Passando al nostro ambito di analisi, la nostra competitività nella competizione globale, non dobbiamo commettere l’errore di ritenere che la competizione avvenga tra singole imprese. Oggi dobbiamo affrontare - scuserete il gioco di parole - una competizione sistemica, fra sistemi produttivi, di cui l’impresa è una componente, ovviamente essenziale, ma pur sempre una componente. Quali sono le altre componenti che contribuiscono alla competitività?

Anche qui non bisogna commettere l’errore di considerare l’economia digitale sostitutiva della economia fisica: le infrastrutture contano, le merci devono efficientemente raggiungere i mercati. Conta la sicurezza e la possibilità di svolgere senza condizionamenti l’attività d’impresa. Conta il sapere, inteso sia in termini di formazione che di ricerca. Conta un apparato burocratico moderno ed efficiente. Conta la qualità delle relazioni fra tutte le parti sociali. Bene Presidente Conte, siamo ad uno snodo fondamentale che non può non essere affrontato con grande enfasi con Lei che - come noi - è un uomo del Sud. Nel nostro Paese abbiamo deciso ad un certo punto di risolvere con un tratto di penna, cancellandolo, il tema del Meridionalismo. Noi dobbiamo ridare dignità a questo tema fondamentale per il nostro paese, su basi nuove, propositive, coerenti con il contesto, eliminando ogni forma di pignisteo. Proposte serie ed adeguate, nelle quali ognuno deve fare la sua parte, per la soluzione di un problema che è però dell’intero paese. In una logica sistemica la profonda collaborazione tra imprese, istituzioni, governi è vitale. Dobbiamo trovare soluzioni semplici, che non significa facili, laddove la semplicità sia una complessità risolta.

Parlare di sistemi e di approcci sistemici, apre la strada all’ultima parola chiave: responsabilità. Il tema della responsabilità va innanzitutto declinato rispetto al mio campo di appartenenza: le imprese. Se, come dicevamo, le imprese devono essere una componente essenziale di sistemi che competono, esse devono essere un interlocutore serio, affidabile, credibile di istituzioni e governi. Pertanto devono sposare la responsabilità sociale, che significa prima di tutto ed essenzialmente competere lealmente e trasparentemente, nel rispetto delle regole. Responsabilità è richiesta però a tutte le componenti del sistema, in un contesto nel quale sempre più il buon senso si faccia senso comune. Dobbiamo pervenire ad una condizione al tempo stesso matura ed intelligente, nella quale comprendiamo che il conflitto è distruzione, il confronto è costruzione, ma l’inerzia è comunque esiziale. Alimentare artificiosamente il conflitto è irresponsabile ed irrazionale, in quanto la competizione – perché ci piaccia o no di questo si tratta – la si vince o la si perde insieme. In definitiva, la responsabilità è il collante, il tessuto connettivo che tiene insieme in maniera virtuosa tutte le componenti del sistema.

Saranno questi i concetti chiave ai quali ispireremo l’azione di questo ente, cercando di recuperare e rinsaldare il valore che simbolico che esso ha assunto in più di ottant’anni di storia in materia di sviluppo economico, culturale e sociale del nostro meridione d’Italia. Grazie per l’attenzione Presidente, le auguro un proficuo lavoro per il Paese e per il Meridione d’Italia. Grazie a tutti voi per l’attenzione».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • salvatore di gennaro ha scritto il 08 settembre 2018 alle 13:06 :

    Il quadro è questo: da una parte il Presidente del Consiglio e il Presidente della Fiera che (è il loro ruolo) usano toni rassicuranti e forieri di speranza se non di immotivate certezze, con l'elencazione, da parte del primo, di progetti e programmi difficilmente realizzabili; dall'altra due altri Presidenti o equivalenti (Emiliano e De Caro) che, stando politicamente sulla sponda opposta, fanno notare, con malcelata compiacenza, le discrepanze e le difficoltà in atto. Questi ultimi pensano sempre di stare in campagna elettorale, e mai si schiereranno, seppur timidamente, dalla parte degli avversari. Poi, sempre da parte degli ultimi due, la solita liturgia delle giaculatorie lacrimevoli, dipingendo uno scenario dalla cui responsabilità sembra che si estranino. Da buoni italiani. Rispondi a salvatore di gennaro