Sabato 8 settembre il coro “Juvenes Cantores” - le voci bianche dell’associazione “Cluster Choral Academy”, fondata e diretta dal Maestro Luigi Leo - si esibirà nella Chiesa di St Peter’s a Londra nella zona di Chiswick

Quando un articolo diventa “un ponte”: gli “Juvenes Cantores” in concerto a Londra da padre Fabrizio

«Qualche mese fa - racconta padre Fabrizio - Luigi Leo lesse la mia storia su CoratoLive.it. Mi scrisse per esprimermi amicizia e sostegno. Mi propose un concerto a Londra e io mi attivai per organizzarlo»

Attualità
Corato venerdì 07 settembre 2018
di La Redazione
Gli “Juvenes Cantores” in concerto a Londra da padre Fabrizio
Gli “Juvenes Cantores” in concerto a Londra da padre Fabrizio © CoratoLive.it

Accade che un articolo, in questo caso pubblicato su CoratoLive.it, diventi un ponte, metta in comunicazione le persone e le nazioni e si trasformi in progetti concreti si solidarietà verso gli ultimi.

Sabato 8 settembre, alle 19, il coro “Juvenes Cantores” - le voci bianche dell’Associazione “Cluster Choral Academy”, fondata e diretta dal Maestro Luigi Leo - si esibirà nella Chiesa di St Peter’s a Londra nella zona di Chiswick.

«L’iniziativa - spiega padre Fabrizio Pesce - nasce proprio da un articolo pubblicato da CoratoLive.it che raccontava la mia storia». Padre Fabrizio, lo ricordiamo, ha vissuto la sua giovinezza a Corato e - dopo alcuni anni di sacerdozio nella Chiesa Cattolica - ha deciso di intraprendere il suo cammino di fede nella Chiesa Anglicana. Attualmente è alla guida di una chiesa di Londra.

«Qualche mese fa - racconta ora padre Fabrizio - Luigi Leo lesse l’articolo e mi scrisse per esprimere la sua amicizia e il suo sostegno per la mia scelta di vita. In quell’occasione Luigi approfittò per chiedere se ci fosse stata la possibilità di organizzare un concerto a Londra. Mi sono attivato subito per capire se fosse veramente fattibile portare qui il coro di Corato.

Ho colto l’occasione della richiesta di Luigi per rinvigorire i legami con la città di Corato ma anche per promuovere un concerto di beneficenza a favore del progetto della Leprosy Mission in Niger.

La nostra parrocchia sostiene la Leprosy Mission, ormai da 3 anni, e organizza eventi di sensibilizzazione e raccolta fondi ogni anno. Mi è sembrata una ottima occasione per conciliare l’interscambio culturale Italia-Inghilterra in barba al brexit.

Il più importante problema da risolvere è stato l’alloggio. Ho fatto un appello alla comunità locale e parrocchiale che ha generosamente risposto alla mia richiesta. Tante famiglie si sono offerte ad ospitare i giovani cantori nelle loro case da ieri fino al 9 settembre.

Il concerto sarà dunque anche una grande occasione per un gemellaggio Corato-Londra, senza mai dimenticare la finalità benefica. I fondi raccolti aiuteranno tanti bambini a porter avere la possibilità di studiare e poter uscire dal circolo di segregazione generato dalla Lebbra».

Lascia il tuo commento
commenti