Le vere novità sono arrivate dal “Comitato per l’interramento dell’elettrodotto Bari2 Corato”

Elettrodotto, via libera dal Ministero per i tralicci nella zona "cuscinetto"

«Quello della commissione Via è un parere che si può impugnare se, come dicono dal Comitato, ci sono delle inesattezze evidenti» secondo il consigliere Renato Bucci. Il Comitato: «Continueremo a combattere​»

Attualità
Corato mercoledì 18 aprile 2018
di La Redazione
Commissione urbanistica
Commissione urbanistica © CoratoLive.it

Per la questione elettrodotto quella di ieri doveva essere una riunione di commissione urbanistica in cui i tecnici del Comune avrebbero dovuto spiegare ai presenti la proposta alternativa al tracciato di Terna ideata dal compianto Nicola Diaferia.

In realtà, però, le vere novità sono arrivate dal “Comitato per l’interramento dell’elettrodotto Bari2 Corato”: ha dato notizia del fatto che la commissione tecnica di Verifica dell’impatto ambientale (Via e Vas) del Ministero dell’ambiente ha espresso parere favorevole al tracciato datato 2008. Un parere fondamentale per l’opera di cui il Comune non era ancora a conoscenza, come affermato tanto dagli uffici quanto dal sindaco Mazzilli. Un documento agevolmente scaricabile dal sito del Ministero, datato 6 aprile 2018.

«Un parere che si può impugnare se, come dicono dal Comitato, ci sono delle inesattezze evidenti» secondo il consigliere Renato Bucci, sostenuto anche dai colleghi Aldo Fiore e Paolo Loizzo.

«Un motivo in più - secondo il presidente della commissione, Tommaso Loiodice - per procedere nel modo più rapido possibile alla verifica delle ipotesi alternative, proprio perché eravamo preoccupati di non aver esaminato tutte le soluzioni per cercare la migliore».

Come ammesso dal dirigente Casieri, fino ad ora, agli uffici del Comune non sono stati richiesti degli approfondimenti sulle proposte progettuali alternative. Anche la proposta di Diaferia, di cui si doveva discutere ieri, in realtà non era stata affatto studiata in maniera approfondita: Casieri ha riferito «di essere in possesso solo di una sintesi». Sempre Bucci si è reso disponibile a fargli pervenire «ulteriori documentazioni».

Il Comitato, con la voce di Aldo Lotito, ha annunciato che «non c’è nessuna intenzione di arrendersi visto che, quello approvato dal Ministero, è un progetto che presenta evidenti inesattezze. Le distanze tra tralicci e case, per citarne una, non corrispondono alla realtà.

L’approvazione del Ministero dà il via libera ad Enel Terna Spa senza tener conto di tutte le battaglie compiute dai cittadini». I tralicci da via Prenestina dovrebbero essere spostati quindi nella “zona cuscinetetto” che, di fatto, è servita e come fosse zona residenziale, vissuta da famiglie e aziende.

Ferma la posizione del sindaco Mazzilli: «i tralicci dell’elettrodotto devono essere tolti dal luogo in cui si trovano». Il timore espresso dal primo cittadino è che ogni altra proposta, che non sia una «variazione non sostanziale» provochi un «allungarsi dei tempi di realizzazione». Una circostanza che, secondo il Comitato, non si verificherebbe se per esempio si prendesse in considerazione l’ipotesi del cosiddetto “Terzo Anello” sfruttata per un altro progetto non più realizzato e già licenziata positivamente dalle autorità preposte. «Quest’ultima è l’idea che abbiamo sostenuto dall’inizio» ha concluso Loiodice, anche nelle vesti di capogruppo del Partito democratico.
Lascia il tuo commento
commenti