Tra le prime aziende in Puglia a fare questa scelta

Green Pass in azienda, Forza Vitale: «Sosterremo costo tamponi per dipendenti senza certificazione»

L'ad Vito Cannillo: «Prendo atto di una misura che ignora l'abc dell'organizzazione quotidiana in azienda oltre che le libertà individuali e i costi d'impresa. Chi li ripagherà?»

Attualità
Corato lunedì 27 settembre 2021
di La Redazione
Vito Cannillo
Vito Cannillo © n.c.

Una voce fuori dal coro, almeno rispetto alla maggioranza delle dichiarazioni che circolano da quando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 21 settembre 2021 n. 127, ovvero la norma che estende l'obbligo del Green Pass ai dipendenti delle imprese private. È quella di Vito Cannillo, amministratore di Forza Vitale Italia Srl, azienda di produzione di integratori di Corato. Commentando il decreto, Cannillo dichiara di «prenderne atto, evidenziando al contempo con forte rammarico le sue oggettive storture innanzitutto per le conseguenze in termini di organizzazione e di aggravio di costi per le imprese. Ma non solo».

«Ancora una volta mi faccio carico pubblicamente di osservazioni che dovrebbero essere scontate ma che vedo in pochi fin qui hanno condiviso» afferma Vito Cannillo. «Davvero si pensa che si possa sospendere un lavoratore e trovarne un altro in 24 ore che così, magicamente è capace di formarsi e di sostituirlo? È una storiella che farebbe ridere a crepapelle anche mia figlia di 6 anni. Chi interviene economicamente se l'allontanamento del o dei lavoratori porta poi alla sospensione della produzione, ipotesi molto probabile nelle piccole-medie aziende? Pensiamo poi alle tasche delle famiglie tra decurtazione della retribuzione e altre spese accessorie. Siamo alla fantascienza, mi spiace dirlo oltre che alla negazione del diritto al lavoro».

«Un anno e mezzo di pandemia - secondo l'imprenditore coratino - non hanno purtroppo apportato valore aggiunto al decisore politico. Per questo - continua Cannillo - sulla scorta di quanto già fatto da altre imprese a livello nazionale, mi farò carico di coprire interamente i costi dei tamponi per i dipendenti sprovvisti di Green Pass. Lo dico a chiare lettere poi, per evitare facili equivoci: senza nessuna discriminazione e con assoluta discrezione e libertà di scelta sul da farsi tra i miei collaboratori. Massima libertà e massima disponibilità per tutti».

«Questa però è solo una faccia della medaglia» conclude l'amministratore di Forza Vitale. «Allo spirito del decreto si legano altri punti controversi che toccano i principi di libertà e di scelte terapeutiche che mi stanno molto a cuore. Spero davvero che tali questioni non producano rischiosi effetti domino che toccherebbero sia il diritto a fare impresa che quello a curarsi. Senza nascondermi cito il caos che ancora persiste sul fronte della cannabis terapeutica che assieme a tante persone in Italia sto cercando di dirimere per portare oltre che trasparenza e legalità per il settore, libertà di scelta e di impresa e occasioni di sviluppo e di occupazione. Resto aperto al confronto ma probabilmente adesso la misura è colma».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Rispettiamo le regole !!! ha scritto il 28 settembre 2021 alle 18:24 :

    Troppa... TROPPA confidenza ai "no greenpass e ai no vax...!!!" La libertà è tutta un'altra cosa... facciamoci il vaccino. Tutti. È l'unica speranza che abbiamo per sopravvivere al Covid 19. Lo dicono i numeri !!! Rispondi a Rispettiamo le regole !!!

    Franco ha scritto il 29 settembre 2021 alle 20:57 :

    L'arroganza tipica degli incolti sorpresi dalla libertà di chi pensa e agisce secondo la Costituzione. Il pensiero è un'asticella troppo alta per le paure che si vogliono trasmettere-imporre agli altri a ogni costo. Rispondi a Franco

    Marco ha scritto il 29 settembre 2021 alle 20:35 :

    Quali numeri? Quelli che stai dando tu? Rispondi a Marco

    Gigi Gusto ha scritto il 30 settembre 2021 alle 05:54 :

    I numeri sono quelli dell'istituto superiore della sanità, caro Marco/Franco. Basterebbe saperli leggere. Rispondi a Gigi Gusto

    Franco ha scritto il 30 settembre 2021 alle 07:43 :

    I numeri li dà in Puglia la Protezione Civile "interpretando" dati Asl. Non sai neppure chi dà i numeri e vuoi parlare di numeri.

    Franco ha scritto il 30 settembre 2021 alle 07:41 :

    Basterebbe saperli dare magari.

    Franco ha scritto il 29 settembre 2021 alle 20:34 :

    Per mettere a tacere le legittime obiezioni alle restrizioni imposte in nome del Covid spesso si usa la carta del dolore, della commozione o quella della responsabilità. Rispondi a Franco

    Graziano ha scritto il 29 settembre 2021 alle 19:02 :

    Ormai a furia di guardare la tv (troppa?) tutti siamo diventati virologi e diamo superflui consigli a ca....so. Rispondi a Graziano

  • Pasquale Lotito ha scritto il 28 settembre 2021 alle 13:04 :

    Scelta forte, coraggiosa e soprattutto democratica. Tanto di cappello a questo imprenditore che con una mossa a saputo coniugare le necessità aziendali con la libertà individuale. Io sono vaccinato ma non mi scaglio "alla cieca" contro chi ha preso una decisione diversa. Spero solo che tra 10 anni non debba pentirmi della mia scelta di vaccinarmi. Rispondi a Pasquale Lotito

  • Costantino ha scritto il 28 settembre 2021 alle 07:24 :

    Non sono x niente d'accordo, se non mi faccio il vaccino x problemi di salute ok per i tamponi , ma per i no vax andassero a quel ..... Rispondi a Costantino

  • Gigi Gusto ha scritto il 28 settembre 2021 alle 05:30 :

    La libertà personale finisce quando vengono messe a rischio la salute e le libertà della collettività. Per uscire dalla pandemia è necessario raggiungere l'immunità di gregge, invece qui c'è ancora chi sponsorizza metodi estemporanei e certamente non risolutivi come i tamponi. La questione economica è facilmente superabile: i vaccini sono gratis! Auspico che, terminato questo piccolo spazio pubblicitario, l'imprenditore in questione inizi a incentivare i propri dipendenti a vaccinarsi. Rispondi a Gigi Gusto

    saponetta ha scritto il 28 settembre 2021 alle 11:44 :

    giusto. mi associo. Rispondi a saponetta

  • Ss ha scritto il 28 settembre 2021 alle 05:17 :

    Basta che paghi tu. Rispondi a Ss

  • Sssa ha scritto il 27 settembre 2021 alle 23:00 :

    Davvero grazie.Questo significa essere uomini .In grado di avere rispetto di una scelta che va’contro Chi lede i diritti dell’uomo a compiere scelte imposte da un governo che ormai viaggia per conto proprio incurante del popolo. Rispondi a Sssa

    Gigi Gusto ha scritto il 28 settembre 2021 alle 10:32 :

    Parole a caso, buttate lì senza logica. Il vostro problema è che non sapete nemmeno di cosa state parlando. E vi riempite la bocca con termini come "diritto dell'uomo"... Rispondi a Gigi Gusto

  • Franco ha scritto il 27 settembre 2021 alle 21:34 :

    Bravo, finalmente un imprenditore che ha il coraggio che serve per uscire da questa situazione e denunciare senza paura le incongruenze palesi del Green Pass, misura non sanitaria. Rispondi a Franco

    gg ha scritto il 30 settembre 2021 alle 05:38 :

    la situazione e' questa chi prende il covid e' sta male rimpiange il vaccino,chi lo prende e sta bene e' un no vax. Rispondi a gg

  • Michele Strippoli ha scritto il 27 settembre 2021 alle 21:33 :

    Complimenti! Rispondi a Michele Strippoli

  • Un uomo qualunque ha scritto il 27 settembre 2021 alle 20:46 :

    Dovrei solo dirle che un altro Cannillo, imprenditore di più alto rango, ama dire, a differenza sua: tutti siamo utili e nessuno é indispensabile!! Mi chiedo, chi avrà ragione sui due!! Rispondi a Un uomo qualunque

    saponetta ha scritto il 28 settembre 2021 alle 04:56 :

    guardi, il suo commento è becero, fuori luogo e molto maleducato. l'intenzione di questo imprenditore, nobile, coscienziosa, centrata e consapevole non solo delle necessità aziendali, ma anche di quelle personali dei lavoratori e dell'imprenditore , non del tutto condivisibile sotto il mio personale punto di vista, ma vivadddio, siamo in democrazia. che cosa c'entra misurare la "grandezza" degli imprenditori? secondo lei più l'imprenditore è "grande" più è saggio? più è in grado di dispensare massime (leggasi: luoghi comuni pericolosi, perchè il giorno che accade il fatto he-he, caro mio, certo se ne vene fuori, ma a costo di lacrime e sangue, non le sue ovvio, ma di quelli che sono a contatto del problema)? mah ... spero voglia scusarsi ... Rispondi a saponetta

  • No green pass ha scritto il 27 settembre 2021 alle 19:12 :

    Solo tanti applausi per questo imprenditore, complimenti Rispondi a No green pass

    Gigi Gusto ha scritto il 28 settembre 2021 alle 10:43 :

    No green pass, ma allora esistete veramente? Ahahahahah Rispondi a Gigi Gusto

  • Kio Kio ha scritto il 27 settembre 2021 alle 19:04 :

    Sarei onorato di lavorare in una Azienda così! Finalmente qualcuno fuori dai paraocchi governativi! Grande! Rispondi a Kio Kio