Tutti convocati alle 8.30

Legambiente: domenica c'è "Puliamo il mondo". Appuntamento in via Lago Baione

Quest’anno, con l'aiuto dell'asilo nido comunale Belvedere, si raccoglieranno beni primari per l’infanzia che verranno poi destinati alla Caritas

Attualità
Corato venerdì 24 settembre 2021
di La Redazione
Legambiente: domenica c'è
Legambiente: domenica c'è "Puliamo il mondo". Appuntamento in via Lago Baione © Legambiente Corato

Il volontariato è azione concreta, che mobilita i cittadini per fare qualcosa di operativo per la comunità. È settembre, è il momento della ripresa sociale e di "Puliamo il Mondo", che giunge alla sua 29esima edizione. Domenica 26 tutti convocati alle 8.30 in via Lago Baione. Il motto di quest'anno è "qualcuno la raccoglierà": un invito a riflettere sulla leggerezza con cui alcuni concittadini gettano a terra i rifiuti, lasciando agli altri l'onore di ripulire gli spazi pubblici. Se così è, saremo noi a raccogliere la sfida e con essi i rifiuti, ma lanciando un messaggio chiaro di sensibilizzazione per l'amore verso il territorio in cui si vive.

«Ognuno di noi può fare qualcosa, “armati” di guanti, sacchetti e rastrelli per combattere l’incuria e l’abbandono» dice Legambiente. «Poiché crediamo che non ci sia cura dell'ambiente senza cura della persona, come negli anni scorsi la manifestazione sarà accompagnata da una campagna di solidarietà. Quest’anno, con il prezioso aiuto dell'asilo nido comunale Belvedere, si raccoglieranno beni primari per l’infanzia che verranno poi destinati alla Caritas. Tutto questo è possibile grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale, che ha aderito alla campagna nazionale di Legambiente, con Despar e con i gruppi di volontari PuliAmo Corato e Critical Mass Corato, sensibili alle tematiche ambientali che riguardano la nostra città».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Pino anselmi ha scritto il 24 settembre 2021 alle 16:30 :

    FATE PULIRE LE STRADE A QUELLA GENTE CHE SI UBRIACA ALLE SPALLE NOSTRE RUBANDO I NOSTRI SOLDI DA CHI PRENDE IL REDDITO DI CITTADINANZA E CHE CI RIDE IN FACCIA. Rispondi a Pino anselmi

  • io ha scritto il 24 settembre 2021 alle 14:40 :

    vorrei avere la possibilità di poter parlare con uno dei tanti che abbandonano rifiuti per le vie di campagna. Così, giusto per provare a capire a che livello d'ignoranza si può arrivare. Rispondi a io

    saponetta ha scritto il 24 settembre 2021 alle 18:10 :

    a me è capitato. ne beccai uno che aveva scaricato delle vecchie masserizie in un viottolo di campagna. mi disse che 1) non sapeva dove portarle 2) che da sempre portava lì i rifiuti che poi qualcuno se li prendeva o li usava come comburente per incendiare le frasche 3) che già pagava assai di immondizia e che l'asipu poteva benissimo passare a ritirare i rifiuti anche da là 4) che suo cugino era un importante dirigente di un certo ente che non nomino ... Rispondi a saponetta

    io ha scritto il 27 settembre 2021 alle 08:13 :

    bene, direi che ci sono tutti gli elementi per poter affermare che il QI di questo genere di persone è di gran lunga inferiore a quello di un lombrico. grazie. Rispondi a io

  • nerdrum ha scritto il 24 settembre 2021 alle 12:50 :

    gino aggiornati. l'asipu nn esiste più adesso c'è la sanb (società anonima nessuna bonifica). Rispondi a nerdrum

  • Franco ha scritto il 24 settembre 2021 alle 09:36 :

    Il problema dei rifiuti è estremamente complesso e vi sono speculazione e affari di ogni tipo. Limitarsi a iniziative autopromozionali o a slogan non permette di capire. Rispondi a Franco

    saponetta ha scritto il 24 settembre 2021 alle 12:09 :

    franco, ma stai sempre a fare considerazioni amare come il veleno ... mai sei misantropo o cosa? non ci vedo nulla di male in queste iniziative, sporcarsi un pò le mani , specialmente nei giovani che oggi hanno tutto bello pronto pulito e profumato, non fa male, aiuta a capire. aiuta a comprendere, in questo specifico caso, che la pulizia, la sanità dei luoghi dove si vive è una cosa bella buona ma faticosa da ottenere, dipendente dalla collaborazione e dalla consapevolezza di tutti o almeno di molti. ben vengano queste iniziative, non foss'altro che per mettere alla berlina servizi comunali inefficienti e disfunzionali. Rispondi a saponetta

    Franco ha scritto il 24 settembre 2021 alle 15:16 :

    Chi si accontenta gode, se a qualcuno va bene fare iniziative estemporanee al limite del folklore ambientalista mentre intanto si realizzano affari colossali e non sempre puliti sui rifiuti, che si accomodi pure, ma non pretenda che gli altri si adeguino al suo ragionamento molto debole. Rispondi a Franco

    Franco ha scritto il 25 settembre 2021 alle 11:29 :

    Se cominci da basso (troppo basso) parti male e rimani a volare basso, facendo iniziative da scolaresca di terza media mentre con la scusa del green e della "transizione ecologica" ci aumentano le bollette del 40%. E i "verdi" sono alla base di questa immensa speculazione finanziaria coperta con la ingannevole retorica green.

    saponetta ha scritto il 24 settembre 2021 alle 18:14 :

    si, d'accordo su tutta la linea. ma se non si comincia a prendere consapevolezza dal piccolo, dal basso, dall'utenza finale, nemmeno con iniziative sia pure estemporanee e folkloristiche, allora non si inizia mai, e comprendere i problemi più complessi, come tu dici, diventa impossibile.

  • Gino ha scritto il 24 settembre 2021 alle 05:17 :

    Nobilissima l’attività di Legambiente e tutti i volontari che vi partecipano. Però mi viene in mente una riflessione es una domanda: - I cittadini di Corato sono INCIVILI. - Perché non provvede l’ ASIPU a pulire? Rispondi a Gino

    fc ha scritto il 24 settembre 2021 alle 10:04 :

    I cittadini sono incivili nello stesso modo in cui gli Enti preposti (profumatamente pagati dai contribuenti) non svolgono appieno la loro attività. Non si possono continuare a vedere i viali di "campagna" e le strade cittadine (quindi non periferiche) con rifiuti abbandonati (gomme, cavi elettrici, ethernit, sacchi vuoti di concimi di presunti agricoltori) e mai raccolti. Puntualmente gli stessi vengono continuamente bruciati dagli incivili cittadini. Perchè nessuno ne parla? Per questo e altri mille motivi più che "Pulire il mondo" cominciamo a "Pulire Corato" che fra poco sarà la seconda terra dei fuochi. Sempre in attesa di risposte da parte di presunti Sindaci, Assessori e difensori. (i fatti non arriveranno mai) Rispondi a fc

    ANIMO ha scritto il 27 settembre 2021 alle 09:10 :

    Ti rispondo io: inizia a segnalare la zona dove trovi questi rifiuti, vedrai che la SANB, interviene a pulire. Il problema sai qual'è? Che abbiamo paura di denunciare e segnalare, siamo bravi solo a lamentarci !! Rispondi a ANIMO