Ieri sera un incontro svolto ai piedi del santuario Madonna delle Grazie, è servito per fare il punto della situazione e illustrare quali passi avanti sono stati fatti in campo fitosanitario, come agire per fronteggiare il virus

La Xylella si avvicina, la parola d'ordine è prevenzione: «Stare attenti per evitare un disastro»

Prevenzione importante per scongiurare l'arrivo di una vera e propria calamità, al momento senza cura, che rischia di travolgere - secondo gli esperti intervenuti - la nostra economia, molto influenzata dalla cultivar "Coratina"

Attualità
Corato sabato 04 settembre 2021
di La Redazione
L'incontro
L'incontro "La Xylella non va in ferie" © CoratoLive.it

Fino a qualche anno fa la Xylella sembrava un problema lontano, che non poteva interessarci. Negli ultimi tempi, invece, il campanello d'allarme è suonato anche da queste parti, complici il focolaio di Canosa (fortunatamente circoscritto) e l'arrivo del batterio nel Sud Barese. Ieri sera un incontro svolto ai piedi del santuario Madonna delle Grazie, è servito per fare il punto della situazione e illustrare quali passi avanti sono stati fatti in campo fitosanitario, come agire per fronteggiare il virus e soprattutto per ricordare la parola d'ordine: prevenzione. Solo così sarà possibile scongiurare l'arrivo di una vera e propria calamità, al momento senza cura, che rischia di travolgere - secondo gli esperti intervenuti - la nostra economia, molto influenzata, per l'appunto, dalla coltivazione della cultivar "Coratina". 

L'incontro "La Xylella non va in ferie", moderato da Carlo Sacco, è stato introdotto da Tommaso Loiodice, presidente di Unapol. Dopo i saluti del sindaco De Benedittis, del padrone di casa Don Antonio Maldera e del presidente del collegio periti di Bari Ettore Zucaro, si sono susseguiti gli interventi dei due relatori: il dottor Pierferderico La Notte, ricercatore del Pnr, e Paolo Leoci, presidente regionale dell'associazione "No Xylella - Sì Produttività", comitato costituito in Puglia da aziende olivicole, aziende olearie e aziende agrituristiche.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Ss ha scritto il 05 settembre 2021 alle 06:33 :

    Povero Gesu’che guarda Dalla sua casa,noi essere umani incapaci di custodire le bellezze di cui ci ha donato.Neanche lui ci esaudisce più,ormai.Visto il mondo come va’..........Meditate gente meditate....... Rispondi a Ss