Bellezze da tutelare

Magnifiche e maestose: due roverelle coratine nell'elenco nazionale degli alberi monumentali

Si trovano in zona San Magno. Notevoli le dimensioni: una è alta 15 metri e larga quasi 4 (precisamente 3.80) e l'altra raggiunge i 20 metri e una larghezza di oltre 2 (2.20)

Attualità
Corato sabato 12 giugno 2021
di La Redazione
Una delle due roverelle coratine inserite nell'elenco nazionale degli alberi monumentali
Una delle due roverelle coratine inserite nell'elenco nazionale degli alberi monumentali © CoratoLive.it

La giunta regionale ha approvato il quarto elenco degli Alberi Monumentali di Puglia, con il quale salgono a 144 gli esemplari del nostro territorio inseriti nell'elenco nazionale degli Alberi Monumentali.

Tra questi, due si trovano nell'agro di Corato, in zona San Magno. Si tratta due "Quercus pubescens Willd" - comunemente note come Roverelle - la specie di quercia più diffusa in Italia. Notevoli le dimensioni: una è alta 15 metri e larga quasi 4 (precisamente 3.80) e l'altra raggiunge i 20 metri e una larghezza di oltre 2 (2.20). Sono state inserite nell'elenco nazionale per età e/o dimensioni, forma e portamento.

Nel quarto elenco predisposto dalla sezione gestione sostenibile e tutela delle risorse forestali e naturali del dipartimento agricoltura della Regione Puglia ci sono 44 alberi, in massima parte individuati nella Capitanata grazie alla ricognizione degli alberi monumentali affidata al Centro Studi Naturalistici di Foggia.  In particolare nel territorio di Accadia, in località Casone Paduli, sono state individuate ben 11 querce di grande bellezza e maestosità, di cui un cerro e dieci roverelle. La più grande ha una circonferenza di ben 560 centimetri a petto d'uomo. Altre querce di grande interesse storico-naturalistico, seppur di dimensioni minori, sono quelle del bosco dell’Incoronata. Completano questo elenco un eucalipto, una quercia e un carrubo nella zona di Molfetta, una fitolacca sull’isola di San Nicola nell’arcipelago delle Tremiti, un ginepro coccolone nell’oasi di Torre Guaceto ed un leccio in località Tesoretto a Poggiardo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Raffaella Martino ha scritto il 13 giugno 2021 alle 14:30 :

    Meravigliosi!Sono pittrice di alberi monumentali di ulivo! Rispondi a Raffaella Martino