Il lancio della piattaforma è previsto per la seconda metà di quest'anno, mentre una versione beta sarà rilasciata a giorni

Ecco Greenaetwork, il social creato da tre coratini che mette in rete la sostenibilità

Antonio e Giuseppe Tarricone e il loro cugino Leandro D'Introno - assieme alla piemontese Serena Manoni - stanno per lanciare un social che servirà a far dialogare persone, aziende ed enti sul grande tema della sostenibilità

Attualità
Corato giovedì 08 aprile 2021
di La Redazione
Da sinistra Giuseppe Tarricone, Antonio Tarricone, Leandro D'Introno, Serena Manoni
Da sinistra Giuseppe Tarricone, Antonio Tarricone, Leandro D'Introno, Serena Manoni © Greenaetwork

Sostenere un mondo più "green" ed ecosostenibile attraverso un social network. È l'obiettivo di Greenaetwork, il progetto lanciato da un team composto da tre coratini e una piemontese, sparsi in giro per il mondo. Il lancio della piattaforma è previsto per la seconda metà di quest'anno, mentre una versione beta sarà rilasciata a giorni. Dal 20 aprile, invece, partirà una campagna di crowfunding (su produzionidalbasso.com) che punta a raccogliere 20mila euro e che "ricompenserà" i finanziatori con una sorta di medaglia "green" al valore e con un presente donato dalle tante aziende che credono nella sostenibilità e che hanno stretto un accordo di collaborazione con Greenaetwork.

Dietro quest'ambizioso progetto, come detto, ci sono tre coratini uniti da un legame di sangue: i fratelli Antonio e Giuseppe Tarricone e loro cugino Leandro D'Introno. Antonio vive a Los Angeles. È in America dal 2013, portato oltreoceano da Eataly che gli ha permesso di conoscere a fondo il mondo della ristorazione. Per Greenaetwork si occupa delle gestione operativa e strategica e dello sviluppo tecnologico dell'app.

Suo fratello Giuseppe, invece, è di stanza a Mantova. Il suo compito è quello di assicurare la gestione finanziaria della start up. In passato ha lavorato nel mondo della finanza per aziende italiane e tedesche con alti fatturati. In Baviera, a Monaco, vive Leandro, anche lui trasferitosi all'estero con Eataly. Per la catena del food nostrano si occupa di formazione e store activation. A lui il compito di sviluppare accordi e curare il marketing assieme alla piemontese Serena Manoni, conosciuta attraverso Eataly, minimo comune denominatore di tutti e quattro visto che per l'azienda di Farinetti hanno lavorato o lavorano tutti e quattro.

La start up avrà sede a Los Angeles, dove vive Antonio. «Da lui è nata l'idea di questo progetto» racconta Leandro. «Da quando ha avuto una bambina, ha pensato a come poterle lasciare un mondo migliore. All'inizio stavamo studiando un'app antispreco, poi abbiamo allargato gli orizzonti e pensato a come valorizzare chi, ogni giorno, si sforza per salvare il pianeta».

Come funziona Greeenaetwork? Come un comune social network, con il profilo personale, il feed dove pubblicare notizie e aggiornamenti e la possibilità di interagire con messaggi, commenti e sondaggi. Ci saranno account individuali e account business. I primi dedicati a utenti comuni, che hanno a cuore la sostenibilità e l'ambiente, i secondi ad aziende ma anche enti e associazioni che potranno promuovere i propri prodotti, i loro progetti o le loro iniziative, tutte rigorosamente ecosostenibili.

«Auspichiamo di creare un dialogo tra le parti - spiega Leandro - utilizzando un social che arrivi dritto al punto, scevro dai contenuti che di solito girano sui social. La condivisione sarà alla base di Greenaetwork. Per le aziende significherà anche mettersi in gioco, fornendo schede di prodotto puntuali di quello che viene venduto. Così la piattaforma servirà anche per combattere il green washing, pubblicità di prodotti spacciati per green ma che in realtà non lo sono».

La sfida è stata lanciata. «Per noi raggiungere un pubblico di 10 o 100mila persone, all'inizio, ci interessa relativamente. Avremo già centrato un primo obiettivo quando saremo stati in grado di far viaggiare idee e soluzioni per un mondo migliore. Una cosa che abbiamo capito, interfacciandoci con aziende, enti e persone, è che sono in tanti a scommettere genuinamente sulla sostenibilità. Ci sono migliaia di piccole e grandi idee che, assieme possono fare la differenza».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Francesca Romano ha scritto il 09 aprile 2021 alle 12:29 :

    Bravi... condivido il vostro progetto che rispecchia i principi con i quali gestisco la mia azienda Agricola Monyerberry Rispondi a Francesca Romano

    Greenaetwork ha scritto ieri alle 13:38 :

    Ciao Francesca, grazie per il tuo supporto! Nei prossimi giorni verrà rilasciata la versione Beta dello strumento, se sei interessata a testarlo puoi scriverci a marketing@greenaetwork.com. Per rimanere aggiornata sulla campagna di crowdfunding e tutte le novità seguici sui nostri profili Instagram e Facebook. Grazie! Il Team di Greenaetwork Rispondi a Greenaetwork

  • Edmondo Soffritti ha scritto il 09 aprile 2021 alle 12:23 :

    Bel progetto, tenetemi aggiornato Rispondi a Edmondo Soffritti

    Greenaetwork ha scritto ieri alle 13:39 :

    Ciao Edmondo, grazie per il tuo interesse! Per rimanere aggiornato sulla campagna di crowdfunding e tutte le novità relative alla piattaforma, seguici sui nostri profili Instagram e Facebook @greenaetwork. Grazie! Il Team di Greenaetwork Rispondi a Greenaetwork

  • Coratino ha scritto il 08 aprile 2021 alle 06:06 :

    Complimenti a questi ragazzi che credono in un mondo migliore!! Rispondi a Coratino

    Greenaetwork ha scritto ieri alle 20:37 :

    Grazie per il supporto! Rispondi a Greenaetwork