Attualità
​Da febbraio scorso, sui gruppi Telegram, circola una mappa denominata "Aperti e liberi" che raccoglie - secondo i creatori - i nomi di tutti i locali e gli esercizi pubblici che sono apertamente schierati contro la certificazione