Giovedì 5 dicembre, presso la sala convegni del Corato Executive Center, il progetto "FRAmMENTI …al lavoro per un'IMPRESA che FUNZIONI" ha mosso i primi passi

Il marketing a costo zero secondo il progetto “Frammenti”

Giovedì 5 dicembre, presso la sala convegni del Corato Executive Center, il progetto "FRAmMENTI …al lavoro per un'IMPRESA che FUNZIONI" ha mosso i primi passi

Attualità
Corato mercoledì 11 dicembre 2013
di La Redazione
Crisi economica
Crisi economica © n.c.

Giovedì 5 dicembre, presso la sala convegni del Corato Executive Center, il progetto "FRAmMENTI …al lavoro per un'IMPRESA che FUNZIONI" ha mosso i primi passi.

L’iniziativa è stata promossa da Plus X s.r.l., società che si occupa di "Enterprise Wellness", benessere dell'impresa, con il patrocinio del Comune di Corato e la collaborazione di enti, associazioni e scuole come: AIC, Associazione Imprenditori Coratini; Confartigianato; Confesercenti; CNA; Federcommercio Puglia; Istituto Tecnico Commerciale Tannoia; Liceo Classico Oriani; Istituto Professionale per i Servizi Commerciali “Tandoi” e Liceo Artistico “Federico II Stupor Mundi”.

Primo di cinque appuntamenti mensili - interamente gratuiti e dedicati ai più importanti profili della vita di un’azienda - quello di giovedì scorso ha avuto come tema “Il Marketing a Costo Zero”, con l’obiettivo di trasmettere le strategie più idonee e il relativo corollario di strumenti necessari al successo aziendale.

Dopo la presentazione del progetto, a cura di Fabio Cialdella, direttore commerciale di “Plus X”, la parola è passata a Emanuele Lenoci, area manager sud-italia di “AstraZeneca”, per un intervento tutto dedicato al decalogo «per fare business oggi».

Dieci “regole” su cui dovrebbe focalizzarsi l’attenzione dell’imprenditore, soprattutto in una congiuntura economica come quella odierna, a cominciare dalla consapevolezza - tutt’altro che acquisita - per cui “la tua azienda dipende da te” e dalla imprescindibile necessità di “differenziarsi” nel panorama variegato di un mercato sempre più globale e competitivo. La ricetta suggerita prevede di «immaginare il tuo obiettivo e puntare al massimo»

A concretizzare l’obiettivo prefissato - secondo quanto riferito da Lenoci - concorrono “buone pratiche” quali “circondarsi di ‘belle’ persone”; “ricordarsi sempre di ‘dare’”; l’esigenza di “non disperdere il tuo tempo”; la “formazione” come percorso costante da seguire; il “pensare in gruppo”. Fino all’ultimo suggerimento: quell’«attivati» che suona come un invito a non dar nulla per scontato, a sposare l’intraprendenza come codice di condotta nel mercato.

«Non camminare davanti a me, potrei non seguirti; non camminare dietro di me, non saprei dove condurti; cammina al mio fianco e saremo sempre amici», così, con questo efficace aforisma cinese, Lenoci ha concluso la sua relazione.

Dal successo di “Sole a Catinelle”, il film record di incassi di Checco Zalone, ha preso le mosse la relazione di Francesco Tosto, ingegnere e amministratore delegato di “Plus X”.

Ne è nato un dibattito stimolante sull’opportunità e sul modo di fare marketing oggi, a cominciare dagli strumenti che ogni piccola e media impresa deve mettere in campo per competere nel mercato del terzo millennio. Particolare rilievo ha assunto, in quest’ottica, l’importanza della conoscenza applicata come viatico per superare le paure e le ansie responsabili della paralisi “mortale” dell’impresa e dell’imprenditore. Conoscenza che - al contrario - genera fiducia e sicurezza e offre, quindi, la possibilità di cogliere sfide coraggiose.

«Oggi è questo l’elemento su cui ogni imprenditore deve riflettere e attivarsi, perché ‘la pentola d’oro’ che ogni azienda possiede, i propri clienti, possa dare i suoi frutti», ha dichiarato Tosto, non senza prima rivolgere domande “provocatorie” agli imprenditori presenti, come “conosci davvero le esigenze dei tuoi clienti?”, “perché i tuoi clienti ti lasciano?”, oppure “che tipo di comunicazione adotti nei confronti dei tuoi clienti?”.

Dai primi “frammenti” di confronto è emerso che fare marketing per le PMI, oggi, non solo è possibile, ma anche importante e necessario, se si vuole esser pronti a cogliere i primi effetti della annunciata ripresa economica, in modo da poter uscire velocemente dalla tempesta. Di primaria importanza è, a questo fine, la conoscenza sia delle nuove regole del gioco, sia di quello che il mercato chiede.

Il bilancio del primo meeting è senza dubbio positivo, ove si consideri la platea partecipe, attiva, e lo spirito vivo e costruttivo con cui si sono succedute le sessioni dei lavori.

La data del secondo appuntamento, dal titolo “FRAmMENTI di Vendita Smart”,  in calendario per fine gennaio, sarà pubblicata sul sito web di “Plus X” (www.plusx.it).

Lascia il tuo commento
commenti