L’I.C. "S.M.Imbriani-L. Piccarreta si tinge di “verde”

Giulia De Caro LiveYou - Attualità
Corato - lunedì 23 novembre 2020
L’I.C. "S.M.Imbriani-L. Piccarreta si tinge di “verde”

Sebbene il momento che tutti noi stiamo vivendo non sia dei più felici, la comunità scolastica dell’I.C. “S.M.Imbriani-L.Piccarreta”, non si ferma e, con sano ottimismo, guarda avanti! Anche quest’anno, infatti, la scuola sarà partner in un progetto Erasmus che vede coinvolte altre nazioni: Slovenia, Germania, Finlandia e Polonia. Una tradizione che si rinnova in una scuola che ha sempre tenuto viva la voglia di confrontarsi con realtà scolastiche appartenenti a Paesi diversi della Comunità europea, sfruttando le opportunità offerte ora dagli Erasmus+ e in passato dai Comenius. Amicizie e ricordi si affollano in Polonia, Germania, Spagna, Francia, Inghilterra, Finlandia, Lettonia e, ora, Slovenia. Questa volta si parte per un nuovo viaggio, che, seppur virtuale, permetterà ai protagonisti di questa esperienza di superare ogni barriera e di essere, comunque, cittadini europei attivi. Argomento centrale del progetto è un tema fondamentale nella società odierna e futura: “Circular economy for future society: reduce, reuse, recycle”. Obiettivo sarà offrire una migliore conoscenza dei comportamenti responsabili per il rispetto dell'ambiente e la sensibilizzazione nella comunità scolastica verso il riciclo e il riutilizzo di materiali di vario genere. A breve, per cinque giorni, alunni e docenti saranno coinvolti in diversi meetings operativi per dare ufficialmente il via a questa nuova esperienza. Il Dirigente Scolastico, prof.ssa Grazia Maldera, mostra piena soddisfazione per tale progetto, incoraggia alla partecipazione, nella convinzione che il difficile momento che la nostra comunità scolastica, insieme a tutti gli italiani, sta vivendo a causa del Covid-19 debba vederci impegnati ancora di più nel fare Scuola, sia pure condizionati dalle modalità della didattica a distanza. D’altra parte, la tecnologia ci permette anche nel caso dell’Erasmus di comunicare, sia pure a distanza. Sarà comunque un’occasione di crescita e di confronto per i nostri alunni e per i nostri docenti. Ed è con questa certezza che ci accingiamo ad affrontare questa nuova esperienza.


Altri articoli
Gli articoli più commentati
Gli articoli più letti