Memorie e Folklore

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

Andria cammine nnànze, Quaràte vène appièrse, Ruve fescetizze, Terrizze ammen' à pète, Betonde ll'ave mbrònde.


E' uno strano detto che è difficile interpretare: Andria va davanti, Corato la segue, Ruvo se la svigna, Terlizzi lancia le pietre, Bitonto le ha in fronte (chi sa perché!).

Alla squagghjate de la neve se vedene re stronzere.


Significativo per un fatto che si tenta di occultare: Allo sciogliersi della neve si vedono le porcherie.

Addò stanne gadde assèje nan fasce mè juorne.


Dove ci sono molti galli non fa mai giorno.

Accamm' è u pertone, acchessi è u centrone.


Come è il portone, così è chi vi abita.

Avacchjate la pèzze a chelore.


Ha trovato la risposta adatta.

Attacche u ciucce addà vole u patrune.


Fare come fanno gli altri: attacca l'asino dove vuole il padrone.

Addò se volte la vècchie? O perascene!


Quando uno ha adocchiato una cosa e cerca di averla.

Addò arrive, chjande u zippe.


Quando non ne puoi più, fermati.

Aspiètte ciucce mi, quanne vène la pagghje a nova.


Di cose che sono di là da venire: aspetta asino mio, quando arriva la paglia fresca.

Ah! Odore du paise mie!


Allusivo ai carri-botte che ancora incontrava entrando in paese chi vi ritorna da lontano.

Amisce e cumbare, parlamece chiare.


Parlarsi sinceramente se si vuole mantenere l'amicizia o la parentela.

Accam'è u chelore acchessì è u sapore.


Dal viso si legge l'interno di una persona.

Avaccattàte la gatte ind' o sacche.


Quando si compra una cosa senza vederla.

Acque d'aguste, uègghje e muste.


Acqua d'agosto mette olio e mosto.

A Sande Vite ogn' e chelumme le vène u prudite.


A S. Vito (15 giugno) ogni fiorone comincia a maturare.

A Sanda Lucie, ammanghe la notte e cresce la die.


A Santa Lucia (13 dicembre) diminuisce la notte e cresce il giorno.

Addestìnete de bbène e cè ne vèna vèna.


Un po' di ambizione nella vita non guasta; se poi i sogni non si avverano, pazienza!

Alla vecchjèzze u Segnore ne manne altèzze.


Si suole citare quando si raggiunge il successo o la ricchezza a tarda età.

A Mondepeluse nan ze scènne nan zè l'use.


Paese che vai, usanze che trovi.

A carrine a carinne se fasce u dequate.


Carlino su carlino si forma il ducato (il carlino era la quinta parte del ducato).

A cumannà è arta leggera.


Il comandare è mestiere leggero.

Abbasc-sce u grade e 'nghjane la mesate.


Riduci il titolo e aumentami lo stipendio.

Addò stè guste, nan stè perdènze.


Dove c'è gusto, non c'è da badare a spese.

A ccase de galandùomene prime re fèmene e doppe l'ùomene.


La nascita di una femminuccia era considerata quasi una disgrazia e provocava la derisione di chi aveva figli maschi. Il neo papà e la neo mamma si difendevano con questo proverbio.

Addà stè u fume stè re calle.


Spesso le comodità comportavano qualche inconveniente; così chi vuole il caldo del fuoco deve sopportare anche il fumo.

A re mìere bùone nan ge vole la frasche.


Si dice quando capita un ospite all'improvviso.

Acque d'aprile, ènghje u varrile.


Acqua d'aprile fa bene alla vigna.

Acque e fùoche, fùsce quande pùote.


Con l’acqua e il fuoco non si scherza.

A mare citte nan ze scènne a pescà.


Guardati dalle persone silenziose.

Alle sfategate u Padrèterne le volte la carne o spite.


Gli sfatigati sono aiutati anche dalla fortuna (spite = spiedo).

A ci se rombe u piatte? Alla sèrve.


Chi non fà, non sbaglia.

A Bare vè u ritte, a Bare vè u stùorte.


Si dice quando gente che non merita ottiene gli stessi vantaggi di chi merita.

Addà stè une, na stè nesciune.


Si dice per i figli unici.

Bacche e tabacche: ci tène u vizzie s’u accatte.


Chi ha il vizio di bere o di fumare deve soddisfarlo a proprie spese, non a sbafo.

Ce nam' a scie sciamanninne, ce nan' amà scie, nane sciame scènne.


Se dobbiamo andarcene, andiamocene, se non dobbiamo andarcene, non ce ne andiamo.

Ci negozia cambe e ci fatighe crèpe.


Chi commercia vive bene e chi lavora invece non riesce a vivere.

Ce lasse la via vecchja e pigghje la nove, sape cè llasse e nan zape cè trove.


Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa che lascia e non sa che trova.

Ci è prime, se calze.


Chi arriva prima, prima si serve.

Cunde spisse, amicizia longhe.


Non rimandare i conti se si vuole conservare a lungo l'amicizia.

Ci tanda tanda e ci nudda nudda.


Chi tanto ricco e chi tanto povero.

Ci sparagnò muorte s'acchjò.


Chi risparmia non si gode la vita.

Ci manègge, festègge.


Chi ha tra le mani il denaro altrui se ne approfitta.

Cache e acchjamènde rète.


Chi non lascia perdere niente.

Ci ne tène une, nan tène nisciune.


Chi tiene un solo figlio è come se non ne avesse affatto.

Ci paghe prime, è male servute.


Chi paga prima è mal servito.

Ci sparte ave la pèsce parte.


Chi fa le parti, rimane con il pezzo più piccolo o chi si mette in mezzo per dividere due litiganti riceve spesso la parte peggiore.

Ci s'impiccia, rèste mmpicciate.


Chi si interessa delle beghe altrui, rimane coinvolto nei pasticci.

Cì tène mange e ci nan tène mange e bève.


Chi ha mangia e chi non ha mangia e beve (facendo debiti e pensando già prima a non pagarli).

Ci te fasce fridde, abbrazzete pe jidde.


Arrangiati, se senti freddo.

Chiù picche sime, megghje parime.


Se siamo più pochi, meglio staremo.

Chiange a lagreme de ciucce.


Mostra il dolore gridando.

Ci pècure se fasce, u lupe se la mange.


Chi si dimostra debole, viene aggredito.

Ci mostre gode e ci vède crèpe.


Chi mostra gode e chi vede crepa.

Ci affitte, scorce.


Chi dà in affitto, rovina la sua proprietà.

Chiave nginde, Martine jinde.


Quand'uno ha chiuso a chiave la figliola in casa, senza pensare che l'amoroso stava già nascosto dentro.

Ci tène lèngua vè a Roma.


Chi sa parlare va dove vuole.

Ci marze ngrugne, fasce zembà re dugne. Ci marze affile, è megghje d'aprile.


Se marzo incrudisce, fa saltare le unghie. Se marzo si mantiene costante, è migliore d'aprile.

Dimme a ci se figghje e te diche a ci assemigghje.


Dimmi a chi sei figlio e ti dico a chi somigli.

Dimme pe ce vè e te diche cè fè.


Dimmi con chi vai e ti dirò che fai.

Da na rècchje le trase e dall'alte l'èsse.


Quando fa orecchio da mercante.

Daddò viène, so cepodde.


Da qualunque parte tu possa venire, non eviterai le botte.

Disce u patèrnoste du lupe.


Quand'uno affida una cosa ad un altro e costui se ne approfitta.

Da Rata a Pilate.


Da una persona all'altra, da un ufficio all'altro.

Donne e tèle nan accattà a lùsce de cannèle.


La luce artificiale è ingannevole, perciò non comprare cose importanti di sera, né scegliere la moglie.

E' fatte u cund sènz' u tavernare.


Fare i conti senza l'oste.

E' cchjù la spesa ch 'a l'amprèse.


E' più la spesa che l'impresa.

E' curte e male cavàte.


E' di statura piccola, ma molto furbo.

E' jèlte e sènza frutte.


E' alto di statura, ma capace di niente.

E' rosse? E dalle o ciucce.


Un cieco cercava moglie e, a dorso di asino, girava per la Città fl Compagnia di un amico che gli sceglieva le ragazze che incontravano. Di una ragazza che dalla descrizione dell’amico gli pareva accettabile, domandò il colore dei capelli. Sentito che la ragazza aveva capelli rossi, intimò all’amico di incitare l’asino ad andare avanti. Tanto i rossi di capelli sono pericolosi!

E’ mègghje ‘n male marite ca ‘na mala vecine.


I rapporti di buon vicinato sono addirittura più importanti di quelli familiari: il marito qualche volta si allontana, la vicina è sempre lì.

E’ mègghje ‘n bùone vecine ca ‘n parènde lendane.


In caso di bisogno urgente un buon vicino può recare aiuto più sollecitamente di un parente lontano.

Fa bène e scuordatinne, fa male e pìenze.


Dimentica il bene e ricordati invece del male che fai.

Febbrare, è curte ed è amare.


Febbraio è corto ed è rigido.

Fertune e cazze ‘ngule viate ci ‘nn’ave.


Beato chi ha in egual misura fortune e disgrazie. Ce ne saranno?

Fìgghje e marite: accamme Ddì te le manne.


Si dovrebbero sopportare i figli e il marito in grazia di Dio, ma i figli si possono cacciare di casa e dal marito si può divorziare.

Fà accamme dich’ìe e nan bà accamme fazz’ìe.


Si dice di chi predica bene e razzola male.

Fèmene ce fèmene me cocche pe mmamme.


Si racconta di uno scapolone che non intendeva sposarsi e così rispondeva a chi cercava di convincerlo. Si dice per dire: una cosa vale l’altra.

Finghe ca la grosse assettègghje, la mache se ne more.


Lo dicono le persone grasse. Secondo loro, fino a che la grassa si assottiglia, consumando le sue riserve di grasso, la magra muore.

Fà accamme sinde fatte, ca nan zinde chjamate nè ciucce e nè matte.


Regolati sui comportamento degli altri verso di te ed eviterai le critiche.

Fìeste, male tìembe e frestìere ‘ngase.


Sono le occasioni in cui i bambini sono più contenti, perché non hanno impegni di studio, sono poco controllati e si mangia meglio.

Gghì diche "zà" e cudde vè a re vesazze.


Quand'uno vuol prendere una cosa che l'altro gli nega.

Giugne, fing' a re dugne.


Giugno, scopriti fin che puoi.

Garebbalde: sàup’a cusse facime u alte.


Così dice chi fa un debito sull’altro (Garibaldi c’entra solo per rima).

Guèrre e tèmbèste: ci se spògghje e ci se vèste.


Nelle calamità gli sciacalli non mancano mai, come non mancano mai le vittime.

Gavìtete da trè c: cuggine, cumbàre e canate.


Guardati da cugini, compari e cognati, perché, essendo persone che possono frequentare la casa, possono anche approfittarne per scopi poco puliti.

Ie t’onge e la Madonne te sane.


Io ti ungo e la Madonna ti guarisca. Si vuole dire a chi sta compiendo un lavoro affrettatamente e senza convinzione.

Ie diche zappe e cudde vè a rre vesazze.


Si cita per chi vuoi solo mangiare e non vuoi lavorare.

La megghière du alte piasce a tutte.


La moglie dell'altro piace a tutti.

La gaddine fasce l'uove e o gadde l'uscke u cule.


Quando uno fa una cosa e l'altro se ne preoccupa: la gallina fa l'uovo e il gallo prova dolore.

La monache de Quarate, velaje ll'ove grosse, frèscke e mercate.


La monaca di Corato voleva le uova grosse, fresche e a buon mercato.

La sempatie è accamme la goccia, addò pigghje stronghe.


La simpatia è come la goccia, dove colpisce frantuma.

La megghja votte se n'è sciùte arracite.


Il figlio più buono ha fatto la più grossa mancanza.

Mazze e panèlle, fàscene le figghje bèlle, pane sènz' à mazze, fàscene le figgje pazze.


Bastone e pane fanno i figli buoni, pane senza bastone fanno i figli cattivi.

Me so fatte na cape de chjande.


Ho pianto a lungo e disperatamente.

Ma v'assise de cule ndèrre.


Quand'uno ha privato un altro di tutti i mezzi per vivere.

Mo seccède u nevandanove.


Quando sta per scatenarsi una lite (alludendo ai fatti del 1799).

Masce, fa accamme te piasce.


Maggio, fai come ti piace.

Mègghje amare a mmiche ca fatte o alte.


Meglio amaro a me che maturo ad altri. Così dice il contadino, cogliendo frutti quasi acerbi, per timore che, maturi, gli siano rubati.

Mìere ‘nguperchjate e grane sparnezzate.


Vino coperto (ben tappato) e grano sparso: solo così si conservano bene.

Marze assutte, vennanze de frutte.


Se a marzo non piove, ci sarà abbondanza di frutti.

Marze e abbrile l’òmene zappe e la fèmene file.


In marzo e aprile l’uomo riprende i lavori della campagna e la donna co mincia a filare la lana che servirà a fare gli indumenti per il futuro inverno.

Navvelaje jèsse manghe podece ind' a la calzètte.


Non vorrei trovarmi nei suoi impicci: non vorrei essere nemmeno una pulce nella calza.

Nan de vè a fa recère.


Quando uno è ingordo.

Natale a caste, Pasque addò te truove.


Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi.

Nu attane cambe ciènde figghje, ma ciènde figghje nan càmbene nu attane.


Un padre sostiene cento figli, ma cento figli non sono capaci di sostenere un padre.

Ne tiène de tronere ncuorpe.


Quando uno ha molte cose da dire.

Nu spaviènde, vale pe ciènde.


Il torto ricevuto una volta, non si dimentica facilmente.

Nan accemendà u cane ca dorme.


Non indispettire chi si fa i fatti suoi.

Nan tène nase.


Senza creanza.

Natale e Carnevale fattille a ccaste; Pasque e Capedanne adda t’àcchja t’àcchje.


Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi.

Nove mise, nove vise.


I neonati mutano spesso l’espressione del viso.

Na botte o cìrchje e l’alte o capernale.


Un colpo al cerchio e uno alla botte.

Nan d’acchjà la zite u giovedì sande e nan accattà u ciucce u màise de marze.


Non fidanzarti il giovedì santo, perché in quel giorno le donne sono sempre agghindate; non comprare l’asino nel mese di marzo, perché, essendo in calore, la bestia può apparirti più vivace di quel che non sia in realtà.

Nan gambe u dritte ce nan acchje u fèsse.


Spesso gli sciocchi fanno la fortuna dei furbi.

Ognune tire l'acque o muine su.


Ognuno provvede per sé.

O mangete chèssa minèstre, o amminete da la finèstre.


O ti contenti di questa minestra, o niente (allusivo anche per altre cose).

Ogn' è lassate, è perdute.


Non rifiutare anche la più piccola cosa.

Ogne acque aggiove.


La pioggia è sempre utile alla campagna; così ogni pur piccolo beneficio è vantaggioso.

O malepenzande u male penzìere le vène.


Ti maligno trova sempre occasione di malignare.

Ogne lìune tène u fume su.


Ognuno ha i suoi difetti particolari, come ogni specie di legno ha il suo fumo.

Ogne trè ddì vendesètte mìgghje.


Ogni tre giorni ventisette miglia; si dice a chi è molto lento.

O tìembe de carestì, pane d’ùorsce.


In tempo di carestia, pane d’orzo. Adattare la vita alle proprie possibilità.

Parlènne du vove, se vedene re corne.


Quando uno sta parlando di una persona e la vede comparire: parlando del bue, si vedono le corna.

Piccine so fiure, granne so delure.


Accennando sempre ai figli: piccoli sono fiori, grandi sono dolori.

Pezzèndue e viziuse.


Povero ma pieno di vizi.

Pe pigghjà la cilme è lassate u sacche.


Chi per la fretta prende il poco lasciando il più.

Prime de vedàie la sèrpe chiame san Paule.


Si dice a chi si preoccupa troppo precocemente: prima di vedere il serpente, invoca san Paolo.

Permètte e nan dà, ci tène figghje da mardà.


Per maritare le figlie bisogna promettere mari e monti, anche se non si è sicuri di poter mantenere le promesse.

Pàrleme bbùone, ca te parle mègghje.


Se vuoi essere trattato bene, trattami bene anche tu.

Pòvere a cudde vènde ca àcchje ‘n male patrune.


Povera pancia di colui che ha poco appetito.

Pazze ci scioche e pazze ci nan scioche.


Ugualmente pazzo chi rischia e chi non rischia.

Pìgghje re ddolce quanne rr’è, ca t’amare na manghe mè.


Non lasciarti sfuggire le poche occasioni di divertirti, perché le occasioni spiacevoli non mancano mai.

Prime le dìende e pò le parìende.


Prima i denti e poi i parenti; pensare prima a se stessi e dopo agli altri.

Pane e panne nan facèrene mè danne.


L’abbondanza di cibo e di vestiti non ha mai danneggiato nessuno.

Quaratine, mangia carne cavaddine.


Il coratino mangia abitualmente carne di cavallo.

Quanne manghe la gatte, le surece abballane.


Quando non c'è chi vigila, ognuno fa il comodo suo.

Quanne la gatte se mètte de cule o fùoche è male ‘nzigne.


Quando la gatta si accoccola con il dorso verso il braciere è cattivo segno: pioverà e farà freddo.

Quanne u ciucce nan bole vève, è inùtele ca frisc-che.


È inutile perder tempo a incoraggiare qualcuno a fare qualche cosa che ha deciso di non fare. (Per incitare le bestie a bere nel secchio, si suole fischiettare).

Quanne u cule ammàine vìende, mìedece e speciale stàune al l’abbìende.


Le scorregge sono seguo di buona salute e mandano a spasso medici e farmacisti.

Quanne le piatte vàune e vènene, r’amecìzzie se mandènene.


Le amicizie durano finché c’è un reciproco scambio di cortesie e di favori.

Quanne iè u percìedde, attàccue sùbbete o canapìedde.


Quando hai il porcellino, legalo subito alla cordicella: potrebbe scappare. Cioè afferra a volo le occasioni.

Re bène vène da re dd’alte bène.


Amor con amor si paga.

Re sevìerchje rombe u cuvìerchje.


Il soverchio rompe il coperchio.

Re dèsc-tere de la mane nan zo’ sozze.


Le dita della mano non sono uguali; così le persone.

Re mmìere bùone nan av’abbesùogne de frasche.


Anticamente chi vinificava in proprio, per indicare al pubblico che vendeva vino, appendeva sulla porta della sua abitazione o della cantina una frasca di vite. Ma, quando si conosce la serietà del produttore e la buona qualità del vino, non c’è bisogno di pubblicità.

Re pprime fridde nòsce, re pprime calle còsce.


I primi freddi e i primi caldi si avvertono con maggiore intensità.

Re ppicche avanze e r’assè manghe.


Il poco avanza e l’assai non basta, perché quando si ha poco si fa economia, quando si ha molto si sciala.

Re ssale pe ssapore e re dd’ùogghje pe d’odore.


Di sale bisogna metterne quanto basta per dare sapore alla minestra, di olio basta l’odore. Gli antichi usavano l’olio con molta parsimonia: il condimento di un piatto era solo una croce (‘na cràusce d’uogghje) fatta con l’ampollina dell’olio nel tempo di dire: Amen.

Re ddolce piàsce a tutte.


Il dolce (in senso lato) piace a tutti.

S'avacchjate accamme u prèvete o fèghete.


Si è trovato giusto a sedere a tavola.

Saupe o muerte, se cande u sècole.


Quando succederà il fatto allora si vedrà. Sopra il morto si canteranno le lodi.

So mannile ch'a se chjèchene e schjèchene.


Sono cortesie che si fanno e si ricevono.

S'è vultate la giacchètte.


Si dice per chi vuole sfuggire ai suoi obblighi, ai suoi debiti.

Se pigghje u tièmbe de la Corte.


Fare le cose con le regole della Corte (con tutti i comodi).

S'arrecorde re vigne alla chjazze.


Di un fatto di vecchia data o di una cosa antica.

Si rispètte u cane pu patrune.


Si rispetta il cane per il padrone.

Scennaro sicche, massare ricche.


Gennaio secco, grano in abbondanza.

Tièmbe de guèrre, ci affèrre affèrre.


Tempo di guerra, chi afferra afferra.

Titte titte, pigghjateve u tuorte e dateme u ritte.


Quando a un bambino si estirpa un dente malato, il dente si lancia sul tetto vicino chiedendo che cresca al suo posto un dente buono e dritto.

Tutte fume e senz'arruste.


Quando si vogliono fare cose superiori alle proprie possibilità.

Tutte u munne è accame caste.


Tutto il mondo è paese.

Tène la lèngua longhe.


Chi fa pettegolezzi su un'altra persona.

U vove disce chernute o ciucce.


Il bue dice cornuto all'asino.

U pèsce picciue vè mmocche o gruosse.


Il misero ha sempre torto di fronte al prepotente.

U pèsce fète da la cape.


Se le cose vanno male, il torto è sempre di chi comanda.

U mègghje amisce, la pèscia petrate.


Dall'amico migliore, il torto peggiore.

U patrune du ciucce, remane all'appète.


Il padrone dell'asino, rimane a piedi.

U scarpare vè pe re scarpe rotte.


Il calzolaio o qualsiasi altro mestierante, non cura le cose sue.

U cchjù canosce u mène.


I birbanti si conoscono fra loro.

U tièmbe è galandome.


Col tempo gli avvenimenti si scordano.

U mièdeche studie e u malate se ne more.


Quando uno esita troppo nell'affrontare un affare.

U cane e la gatte, oppure la Russia e la Prussia.


Di due persone che si guardano di malocchio o litigano spesso.

Va te mitte a gredà mmèzz alla chjazze.


Vallo a dire ai quattro venti.

Vènde chjne, nan crède disciùne.


Chi ha la pancia piena, non crede a chi ha fame.

Vole la zite ind' o liètte.


Quando si chiede una cosa, senza far niente per averla.

Zoppe p’u bastone, tote re ccàuse bone; zoppe sènza mazze, totte re ccàause pazze.


Lo zoppo col bastone porta fortuna, lo zoppo senza bastone porta sfortuna.

Le pedùcchje cinde cinde, ma l'àrie quande u cambanale de la Chìese


Si dice per chi è povero in canna e per giunta pidocchioso, ma pieno di boria (per Chìese s'intende la Chiesa Matrice)

Booking.com

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Corato

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno