​La cronaca della partita

Il Corato non si ferma più, battuto anche il Molfetta

La squadra di mister Castelletti si porta (provvisoriamente) a soli 3 punti dalle zone nobili della classifica

Calcio
Corato lunedì 26 febbraio 2018
di La Redazione
Corato calcio
Corato calcio © Sergio Porcelli

Come nella "Nona sinfonia" di Beethoven, sul finale arriva il celebre "Inno alla gioia". Così è stato ieri: un vero e proprio inno alla gioia nella nona sinfonia di mister Castelletti che, battendo il Molfetta, allunga la striscia di imbattibilità a 5 vittorie e 4 pareggi e si porta (provvisoriamente) a soli 3 punti dalle zone nobili della classifica.

Corato senza lo squalificato Lacarra, con Cirigliano e Negro in appoggio a Sguera; Molfetta priva di Vitale infortunato e Pinto squalificato, con il temibile tridente Stefanini-Albrizio-Augelli. Il prato del Comunale è ridotto ad un pantano e la pioggia incessante non aiutava certo a migliorare la situazione.

Pronti via e dopo 40 secondi occasionissima per Sguera che, sfruttando un rimpallo su Piarulli, si presentava tutto solo davanti a Savut, ma non riusciva ad angolare o alzare la conclusione. Dopo un innocuo tentativo di Augelli sugli sviluppi di un corner, era sempre la punta barlettana a provarci con un colpo di testa, che però non inquadrava la porta. Al 23' occasione per Negro che, aggirato il portiere ospite, scivolava prima di calciare nella porta sguarnita. 4 minuti più tardi percussione per vie centrali di Sguera che veniva spinto da Festa appena entrato in area: calcio di rigore affidato a Negro, la cui conclusione potente ma non troppo angolata veniva respinta da Savut. Non c'è feeling tra il Corato ed i penalty, visto che i due sinora concessi sono stati entrambi sbagliati.

L'inizio di ripresa è di marca molfettese, con i tentativi di Albrizio (centrale), Fabiano (a lato) e Augelli (diagonale bloccato da Leuci). Al minuto 65 enorme occasione per Diagne di testa su corner di Negro: frustata ben indirizzata, ma Dentamaro sulla linea di porta era pronto al salvataggio. Poco dopo altro piazzato per i neroverdi: Negro batteva una punizione dall'out sinistro e Altares andava a spizzare di testa cogliendo il palo alla sinistra di Savut. Al 76' bordata da fuori di Zinetti, ma palla fuori oltre la traversa, e all'83' bello spunto di Cotello a servire Sguera, in leggerissimo ritardo all'appuntamento con il gol. A 2 minuti dal termine il meritato vantaggio del Corato: solito schema da corner con Negro a trovare la zuccata perentoria di Diagne, al suo terzo centro da quando veste il neroverde. Al 93' una ingenuità di Leuci costava un calcio di punizione indiretta in area: 22 uomini (Savut compreso) in pochi metri quadrati, ma nessun pericolo per la porta coratina.

Corato che sale a 36 punti, nella graduatoria guidata a 44 dalla nuova capolista Fasano (2-0 a Bitonto), ad una lunghezza di vantaggio su Casarano (4-0 sull'Aradeo) e Gallipoli (1-1 a Trani). Prossimo appuntamento per i neroverdi la trasferta al Comunale di Aradeo, domenica 4 marzo alle ore 15.

Intanto grandi soddisfazioni per la cantera neroverde nel week-end: prestigiosi i successi per gli allievi di mister Pagano (3-0 a Minervino Murge contro la Top Player, reti di Suglia, Mintrone e Maldera) e i Giovanissimi di mister Gallo (3-1 casalingo al Trani con tripletta di Radeglia). Pareggio a reti inviolate per la Juniores di mister Strippoli sullo sconnesso terreno di gioco di Giovinazzo.

Il tabellino

Corato - Molfetta 1-0
Marcatore: Diagne All'88°
Corato: Leuci, Belluoccio, Asselti R., Zinetti, Colangione, Altares, Piarulli (D'addato), Diagne, Sguera, Negro, Cirigliano (Cotello). Allenatore: Castelletti
Molfetta: Savut, Festa, Martinelli (Paradiso), Dentamaro, Amoruso, Lorusso, Fabiano (Facecchia), Andriano, Albrizio (Lobascio), Stefanini (Corallo), Augelli. Allenatore: Giusto
Arbitro: Daddato Di Barletta
Ammoniti Belluoccio, Colangione, Piarulli (C); Festa, Lorusso (M)

Lascia il tuo commento
commenti