Al termine del girone di andata

Campionato regionale juniores, il bilancio al giro di boa

Il tecnico dei giovani neroverdi Aldo Piccarreta traccia un bilancio del percorso svolto fino a questo momento e traccia la rotta per i mesi a venire

Calcio
Corato mercoledì 11 gennaio 2017
di La Redazione
Aldo Piccarreta e il suo staff
Aldo Piccarreta e il suo staff © n.c.

Al termine del girone di andata del campionato regionale juniores (è da recuperare la gara di sabato scorso contro la Nuova Molfetta, rinviata per neve), il tecnico dei giovani neroverdi Aldo Piccarreta traccia un bilancio del percorso svolto fino a questo momento e traccia la rotta per i mesi a venire.

Mister Piccarreta siamo arrivati al giro di boa. La classifica vede il Corato al secondo posto a soli 3 punti dalla capolista Unione Calcio Bisceglie. Soddisfatto o si poteva fare ancora di più?
«Il bilancio di questa prima parte di stagione è senza dubbio positivo. Ai ragazzi stiamo trasmettendo i concetti di sacrificio, ambizione e consapevolezza nei propri mezzi e la loro crescita è evidente di partita in partita. Guardando la classifica c'è sicuramente il rammarico per non essere al primo posto, ma la distanza è irrisoria e c'è tutto il girone di ritorno per recuperare il distacco, ad iniziare proprio dallo scontro diretto che ci attende sabato contro i biscegliesi».

Ad agosto pose come principale obiettivo quello di mandare più ragazzi possibili in prima squadra. Obiettivo raggiunto alla grande...
«È una soddisfazione enorme vedere i ragazzi della Juniores esordire in un campionato difficile come quello di Promozione. I debutti di Papagno, Mascoli, Grammatica, Zambetta e Grilli sono uno stimolo per tutti i calciatori che ho a disposizione a fare sempre meglio. E sono convinto che da qui al termine del campionato ci saranno altri giocatori della mia rosa che approderanno in prima squadra».

A colpire è anche la grande sintonia del suo team di lavoro: dal vice Ettore Strippoli al preparatore Pinuccio De Gennaro, dal responsabile Francesco Livrieri al collaboratore tecnico Luigi Discornia, sembra un'unica grande famiglia...
«Devo tanto allo staff che mi affianca, perché prima di essere colleghi sono amici veri accomunati dalla passione per il calcio. Ci siamo incastrati perfettamente e alla base di tutto c'è la fiducia che riponiamo uno nell'altro. Ettore e Pinuccio hanno dalla loro una grande esperienza calcistica e sanno come gestire al meglio uno spogliatoio. Ed in effetti è vero, il nostro più che un gruppo è una vera e propria famiglia».

In conclusione, cosa si aspetta da questa seconda parte di stagione?
«L'obiettivo principale resta sempre quello di preparare al meglio i ragazzi per offrire l'opportunità a mister Di Corato di poter attingere sempre nuove risorse dalla rosa che ho a disposizione. Poi, inutile nascondersi, il primato del girone è a soli 3 punti e più di un pensierino alla vittoria finale del campionato è giusto farlo».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette